Opposizione allo Stato palestinese: da Tel Aviv forme di ritorsione finanziara

Tell er-Rabi' (Tel Aviv) – InfoPal. Il ministro delle Finanze israeliano, Yuval Steinitz, due giorni fa ha chiesto di esercitare pressioni sul presidente palestinese, Mahmoud 'Abbas, per indurlo a desistere dal rivolgersi alle Nazioni Unite, a settembre, per il riconoscimento dello Stato palestinese.

La notizia è stata riportata dal quotidiano israeliano “Haaretz” che scrive: “Il ministro ha proposto di congelare le entrate fiscali le quali – di dovere – Israele deve rimettere all'Autorità palestinese (Anp)”.

Quella pensata da Steinitz è una forma di ritorsione, dal momento che l'Anp sta attraversando un difficile periodo finanziario e non riesce a pagare gli stipendi agli impiegati statali.

Per il ministro israeliano “trattenere le tasse che spetterebbero all'Anp, potrebbe portare il governo palestinese a un ripensamento”.

Ieri, l'Anp ha finalizzato un accordo con la Svezia la quale – per mezzo dei canali di finanziamento europei dell'assistenza – erogherà all'Anp quattro milioni di euro per regolare i pagamenti degli stipendi dei dipendenti statali palestinesi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.