Orda di coloni attacca case palestinesi.

Hebron – Infopal. Un gruppo di coloni invasati provenienti dalla colonia-avamposto di Ramat Yishai hanno attaccato case palestinesi nella città di Hebron, tentando di occupare un edificio commerciale.

Fonti palestinesi locali hanno riferito a Palestine.info che gli attacchi sono stati condotti inizialmente nelle vicinanze di Tell Rumeida e Wadi al-Haseen as well, e all’ingresso di via Beersheba.

Questi coloni hanno attaccato un edificio commerciale nel centro di Hebron, entrando in alcune sue stanze, ma i militari israeliani li hanno poi allontanati.

Decine di coloni israeliani, nella serata di sabato, hanno organizzato una marcia di provocazione nel centro della città, durante la quale hanno lanciato pietre verso le case palestinesi vicino alla Moschea di Abramo e hanno intonato slogan razzisti anti-arabi.

A sud di Nablus, sabato sera, decine di fanatici coloni israeliani hanno attaccato il paesino di Iraq Burin. Prima hanno lanciato pietre verso dei palestinesi, poi hanno tentato d’irrompere nella casa di Umm Ayman Sufan, ma gli abitanti di Iraq Burin sono riusciti a cacciare questi fanatici.

Nel frattempo, altri coloni, protetti dall’esercito, hanno attaccato un altro paesino, Burin, nei pressi di Nablus, lanciando pietre all’indirizzo degli abitanti palestinesi. Anche due giornalisti che stavano seguendo gli accadimenti sono stati feriti dall’esercito che scortava i coloni.

I militari che stazionavano all’ingresso di Via dei Martiri hanno aggredito un quindicenne palestinese, Husam al-Sharabati, rimasto lievemente ferito quando i militari hanno frantumato un vetro dell’automobile nella quale si trovava.

A Betlemme, invece, all’alba di sabato, truppe israeliane hanno attaccato il paesino di Husan, sequestrando nelle loro case due giovani palestinesi.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.