Osservatorio per la Protezione dei difensori dei Diritti Umani.

Riceviamo dall’on. Luisa Morgantini e pubblichiamo.

Care tutte e tutti,

 

vi inoltro questo appello arrivatomi dall’Osservatorio per la Protezione dei difensori dei Diritti Umani progetto congiunto dell’Organizzazione Mondiale Contro la Tortura (OMCT) e della Federazione Internazionale dei Diritti dell’Uomo (FIDH). L’appello è relativo al rilascio, il 15 Novembre scorso, di Hassan Mustafa Zaga, un ricercatore del Comitato Pubblico Contro la Tortura in Israele, in detenzione amministrativa per circa 10 mesi.

 

Hassan Mustafa Zaga è inoltre il coordinatore legale, per l’area della Cisgiordania del Nord, dell’organizzazione palestinese “Ansar Asajeen” che fornisce aiuto e sostegno legale ai prigionieri politici palestinesi.

 

Hassan è stato arrestato l’11 gennaio del 2006 dall’esercito israeliano ad un checkpoint tra Nablus e Tul Karem, senza essere mai stato informato delle accuse alla base dell’arresto, gli è stato riferito che era una “minaccia per la sicurezza della regione”. Hassan racconta di essere stato picchiato al momento dell’arresto. Come ricercatore medico Zaga raccoglie i casi di violazioni dei diritti umani perpetrati dalle forze israeliane sui palestinesi.

 

Il 13 settembre la sua detenzione amministrativa è stata prolungata di altri quattro mesi, mentre il 20 settembre la Corte militare di Ofer ha deciso per una riduzione di due mesi della pena in quanto non in possesso di ulteriori prove per il prolungamento della sua detenzione.

 

Mi aggrego alla richiesta dell’Osservatorio e vi invito ad inviare mail alle autorità israeliane con i punti messi in evidenza dall’Osservatorio (ve li lascio anche in inglese). Di seguito troverete anche gli indirizzi a cui spedirli.

 

Un abbraccio

 

Luisa Morgantini

 

·       Guarantee in all circumstances the physical and psychological integrità of Mr Hassan Mustafa Zaga, as well as of all Israeli and Palestinian human rights defenders; (Garantire, in ogni circostanza l’integrità fisica e psicologica del Sig. Hassan Mustafa Zaga, così come quella di tutti gli israeliani e palestinesi che difendono i diritti umani);

·       Put an immediate end to any kind of harrassment against all human rights defenders; (Cessare immediatamente qualsiasi violazione nei confronti degli difensori dei diritti umani); 

·        Comply with the provisions of the UN Declaration on Human Rights Defenders, in particolar its artiche 1, wich states that “everyone has the right, individually and in association with others, to promote and to strive for the protection and realisation of human rights and fundamental freedoms at the national and international levels”, and article 12(2), wich provides that “the State shall take all necessary measures to ensure the protection by the competent authorities of everyone, individually or in association with others, against any violence, theats, retaliation, de facto or de jure, adverse discrimination, pressure or any other arbitrary action as a consequence of his or her legitimate exercise of the rights referred to in the present Declaration”; (Compiere con quanto previsto dalla Dichiarazione delle Nazioni Unite sui Diritti e le Responsabilità dei difensori dei Diritti Umani, in particolare con quanto detto dall’Art. 1, che dichiara che “Tutti hanno il diritto, individualmente ed in associazione con altri, di promuovere e lottare per la protezione e la realizzazione dei diritti umani e delle libertà fondamentali a livello nazionale ed internazionale.” E l’Art. 12(2), che prevede che “Lo Stato deve prendere tutte le misure necessarie per assicurare la protezione, da parte delle autorità competenti, di chiunque, individualmente ed in associazione con altri, contro violenze, minacce, ritorsioni, discriminazione vessatorie di fatto o di diritto, pressioni o altre azioni arbitrarie conseguenti al legittimo esercizio dei diritti di cui alla presente Dichiarazione.”

·        More generally, ensure in all circumstances the respect for human rights and fundamental freedoms throughout the country and the Occupied Palestinian Territories in accordance with international human rights instruments ratified by Israel, including the International Covenant on Civil and Political Rights and the Un Convention Against Torture and Other Cruel, Inhuman or Degrading Treatment or Punishment.(Più in generale, assicurare in tutte le circostanze il rispetto dei diritti umani e le libertà fondamentali nel paese e nei Territori Occupati Palestinesi in accordo con gli strumenti legali relativi ai diritti umani ratificati da Israele, incluso il Patto sui Diritti Civili e Politici e la Convenzione delle Nazioni Unite contro la Tortura ed altri trattamenti o punizioni crudeli, inumani e degradanti);

 

 

 

Indirizzi :

 

Ehud Olmert, Prime Minister, office of the Prime Minister, 3 Kaplan Street, PO BOX 187, Kiryat Ben-Gurion, Jerusalem 91919, Israele. Fax: +972 2 651 2631, Email: rohm@pmo.gov.il o pm.eng@pmo.gov.il 

 

Tzipi Livni, Minister of Justice, Fax : +972 2 628 77 57 ; +972 2 628 8618

 

Yair Lotstein, Legal Advisor to the Israeli Army in the West Bank, Fax: +972 2 997 7326

 

Amir Peretz, Minister of Defense, Tel: +972 3 697 5423, Fax: +972 2 697 6711 Email: pniot@mod.gov.il 

 

Menahem Mazuz, Attorney General, Fax: +972 2 627 4481; +972 2 628 5438; +972 2 530 3367

 

President of the Appeal Court for Administrative Issues Shlomi Kochav Administrative Court Section Ofer,k Fax: 9722 588 44 45

 

Ambassador Itzhak Levanon, Permanent Mission of Israel to the United Nations in Geneva, Avenue de la Paix 1-3, CH-1202, Geneva, Switzerland, Email: mission-israel@geneva.mfa.gov.il Fax: +41 22 716 05 55

Ambassador Stefan Gohanneson, Embassy of Israel in Brussels, 40 avenue de l’Observatoire, 1180 Uccle, Belgium, Fax: +32 2 373 56 17 Email: brussels@israel.org 

 

 

Traduzione a cura di Teresa Maisano

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.