Palestina assediata: la solidarietà che arriva dall’Italia.

 

Genova – Infopal.

Il mese di Ramadan, che terminerà sabato 19 settembre, è un periodo di preghiera, digiuno, ma anche di azione, di solidarietà con i più poveri.

Abbiamo chiesto al presidente dell'Associazione benefica di solidarietà con il popolo palestinese – Abspp, l'arch. Mohammad Hannoun, quali sono i progetti e le attività promosse dalla sua organizzazione.

“Il nostro obiettivo è quello di aiutare i cittadini palestinesi che non hanno la possibilità di mantere se stessi e la propria famiglia. Durante il mese di Ramadan sosteniamo 5 progetti: pacco-viveri; pasti caldi per l'Iftar, la cena di rottura del digiuno quotidiano; donazioni per bambini rimasti orfani, affinché possano ricevere i regali tradizionali per la fine del Ramadan; sostegno al commercio nella Striscia di Gaza, sotto assedio da tre anni; assegni di mantenimento alle famiglie destinati alle spese giornaliere e scolastiche”.

Con quali modalità si realizzano tali progetti?

“Attraverso associazioni locali, nella Striscia di Gaza e in Cisgiordania, cui giungono i nostri aiuti economici. Esse documentano tutto e ci inviano resoconti, foto, filmati in cui si testimonia la concretizzazione di ogni progetto. Il nostro principio-base è che il denaro finisca davvero nelle tasche dei poveri e non in quelle di partiti o movimenti.

Per esempio, per incoraggiare le attività di centri commerciali e negozianti, in crisi profonda a seguito del disumano assedio imposto da tre anni a questa parte alla Striscia di Gaza, sosteniamo, attraverso le associazioni del luogo, la distribuzione di bonus in denaro alle famiglie gazawi più bisognose affinché li spendano acquistando i prodotti di cui necessitano. In questo modo, aiutiamo sia le famiglie in difficoltà sia i commercianti danneggiati dall'embargo. Un altro progetto è quello del pacco-viveri, contenente prodotti alimentari, scolastici e di altro genere. Inoltre, è tradizione del periodo di Ramadan la distribuzione di pasti per la rottura serale del digiuno. Il cibo, già pronto, viene consegnato con due modalità differenti: direttamente nelle singole abitazioni o in modo collettivo, nei centri associativi, nelle moschee, ecc”.

In Cisgiordania avete dei problemi con l’Anp guidata da Abbas…(1)

“Sì, l'Autorità nazionale palestinese di Ramallah ha occupato e sostituito i direttivi di tutte le associazioni caritatevoli in Cisgiordania, dandole in gestione a Fatah, che a sua volta distribuisce aiuti ai suoi simpatizzanti e affiliati. Un esempio concreto di strumentalizzazione politica della solidarietà. Alla fine, le vittima del conflitto interno palestinese sono i bisognosi. Il povero è sempre povero, dovunque si trovi. L’Anp fa favoritismi di tipo politico. A noi non interessa l’ideologia. Il dramma è che la comunità internazionale è complice di Israele nell’assedio del popolo palestinese. La situazione in Cisgiordania è gravissima, perché da qualche tempo è difficile far arrivare la solidarietà, il denaro. Le associazioni di beneficenza sono state attaccate contemporaneamente dall'Anp e da Israele. Speriamo che la situazione cambi in meglio”.

Cosa può fare chi vuole aiutarvi nel vostro lavoro?

“Per realizzare questi progetti, noi ci appoggiamo a ospiti, sapienti, dalla Giordania, dalla Palestina, dall’Egitto e dall’Italia affinché sensibilizzino la comunità islamica in Italia. Inoltre, ci appelliamo agli amici italiani affinché ci aiutino a sostenere questi progetti. Noi garantiamo che i loro soldi finiranno nelle mani di chi ne ha bisogno.

Per fare donazioni:

Abspp onlus – Genova. Iban: IT47H010050140900000000009300″.

(Le foto pubblicate nell'articolo sono state scattate dalla nostra redazione, a Gaza, durante la consegna degli aiuti umanitari)

(1) Alcuni articoli di archivio su chiusura e confisca di associazioni benefiche in Cisgiordania da parte dell'Anp guidata da Abbas e dell'esercito israeliano.


2007-08-30 Gaza

Il PCHR condanna la chiusura di 103 associazioni benefiche in Palestina.

 

2008-04-02 Hebron

L'Alta Corte di Giustizia israeliana blocca ordine di confisca delle proprietà di associazioni benefiche. Evitato il disastro per migliaia di famiglie.

 

2007-08-28 Ramallah

Fayyad chiude 103 associazioni benefiche palestinesi.

 

2007-09-05 Nablus

Associazioni benefiche palestinesi nel mirino: le forze di occupazione distruggono alcune sedi.

 

 

 

 

2008-02-27 Hebron

Le autorità israeliane chiudono tutte le associazioni di beneficenza di Hebron. Invase anche alcune scuole.

 

2007-10-27 Nablus

L'esercito israeliano ha assaltato un'organizzazione caritativa a Nablus.

 

2007-12-12 Ramallah

Il governo Fayyad licenzia migliaia di dipendenti in Cisgiordania.

 

2008-04-30 Hebron

Guerra di Tsahal contro le associazione caritatevoli palestinesi: chiusa e derubata una sartoria di Hebron.

 

2008-10-03 Gaza

Dialogo nazionale, Hamas: l'ANP ponga fine alle aggressioni contro di noi.

 


 

 



2007-09-28 Ramallah

Saadat: rifiutiamo il comunicato di sostegno a Abbas e alla chiusura delle associazioni palestinesi.

 


2006-10-31

Diritti, democrazia, associazioni benefiche e tour inquietanti in Israele. The double standard…

 


2006-10-27 West Bank

70 associazioni caritatevoli palestinesi attaccate dai militari israeliani. La denuncia di un'organizzazione internazionale.


 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.