Palestinesi si scontrano con l'esercito israeliano dopo aver recuperato i corpi di due combattenti uccisi

Al-Khalil (Hebron) – Pal-Info. Decine di cittadini di al-Khalil (Hebron) hanno sfidato ieri un ingente numero di militari appostati sul monte Juhar, riuscendo a recuperare i corpi di Nasha't al-Karmi e Ma'mun an-Natshe, due combattenti della resistenza palestinesi uccisi ieri mattina dai soldati israeliani, e a portarli all'ospedale di al-Muhtaseb, nel capoluogo.

Un'atmosfera di rabbia si era diffusa tra gli abitanti di Hebron dopo l'uccisione dei due combattenti e la sottrazione dei due corpi da parte delle truppe israeliane. Alcuni di loro li avevano quindi seguiti, formando un corteo spontaneo di protesta contro il gesto e le inutili trattative di pace con il regime di occupazione.

Sul monte Juhar, diversi giovani hanno reagito con rabbia nei confronti delle truppe, lanciando pietre e bottiglie vuote. I militari hanno risposto all'attacco sparando proiettili veri.

Secondo quanto ha riferito il corrispondente di Palestine.info, migliaia di persone si sono poi riunite fuori dall'ospedale di al-Muhtaseb, dove si trovavano i corpi dei due combattenti uccisi. Alcuni giovani hanno cercato di recuperare le salme, sotto il fuoco delle truppe israeliane che circondavano l'area.

Durante il funerale, la folla ha intonato slogan di sostegno a Hamas e al suo gruppo armato, le Brigate al-Qassam, chiedendo loro di vendicare i due morti e i crimini commessi dall'esercito israeliano.

Il corpo di Natshe, dopo la cerimonia funebre alla moschea Ansar, è stato portato al cimitero cittadino, a Wadi Abu Kteila, a ovest di Hebron, mentre quello di al – Karmi è stato trasportato a Tulkarem.

Le milizie di Abbas insieme a quelle dello Shabak.  Fonti locali hanno riferito che agenti in borghese dei servizi interni israeliani, lo Shabak, e milizie della sicurezza di Abbas, erano sparsi dovunque, nella città, soprattutto durante il funerale di Natshe.

Numerosi palestinesi ancora non identificati sarebbero stati rapiti da agenti israeliani che viaggiavano all'interno di auto con targa palestinese.

Da parte loro, miliziani di Abbas hanno seguito la manifestazione fotografando i partecipanti.

Articolo correlato: Combattenti assassinati a Hebron, la rabbia della folla di Gaza e le promesse di vendetta delle fazioni

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.