Paraguay s’impegna a riconoscere lo Stato palestinese nel 2011

Ramallah – Ma'an. Lo aveva fatto circa una settimana fa l'Ecuador, quando il presidente Correa aveva comunicato al presidente dell'Autorità nazionale palestinese (Anp), Mahmoud 'Abbas di voler riconoscere lo Stato palestinese entro i confini del '67 e oggi, dopo altri Stati sudamericani, anche il Paraguay s'impegna a farlo.

Il ministro degli Esteri del Paraguay, Hector Lacognata, ha fatto sapere che il proprio Paese ha stabilito una data precisa – primavera 2011 – entro la quale ufficializzare il riconoscimento della Palestina e lo ha riferito all'ambasciatore palestinese nel Paese.

Sebbene l'Europa non lo abbia ancora fatto, alcuni Paesi europei come la Norvegia, avevano già provveduto a elevare il livello diplomatico della Palestina.

Israele “avverte”: presto il mondo potrebbe riconoscere la Palestina.

“Nonostante lo stallo nei colloqui di pace, il mondo potrebbe voler riconoscere lo stato palestinese e dal governo israeliano il ministro del Lavoro, Ben Elizier ha dichiarato: “Non mi sorprenderebbe se entro un anno arrivasse anche il riconoscimento degli Stati Uniti”.

Secondo Israele, un simile atto dovrebbe risiedere in un accordo e non essere il risultato di decisioni unilaterali.

Di fronte al fallimento generale nei colloqui con Israele, i palestinesi restano entusiasti degli impegni che giungono dal fronte latinoamericano.

Iniziati il 2 settembre scorso, i colloqui di pace tra Israele e palestinesi si erano arrestati a causa della mancata estensione, da parte dello stato sionista, della moratoria sugli insediamenti illegali in Palestina, scaduta il 26 settembre.

I palestinesi non hanno accettato la ripresa dei negoziati senza detta estensione e il 7 dicembre gli Usa  avevano ammesso il proprio fallimento sulla spinosa questione delle colonie israeliane in terra di Palestina, nonostante le generose offerte e gli incentivi elargiti dagli Usa allo Stato ebraico.

Al fine di raggirare un allargamento del riconoscimento dello Stato palestinese, Ben Elizier ha proposto una ripresa dei negoziati, anche a costo di dover estendere – per pochi mesi – un congelamento dei piani coloniali.

Da parte loro, i negoziatori palestinesi hanno presentato invece un pacchetto di questioni che la controparte israeliana dovrebbe dimostrare di voler accettare. Tra queste vi è proprio il riconoscimento dello Stato di Palestina entro i confini occupati da Israele nella guerra dei Sei giorni, (giugno 1967).

Ma'an con il contributo di Afp.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.