Pari britannico accusa Israele di estremismo.

http://www.jpost.com/servlet/Satellite?cid=1186557467352&pagename=JPost%2FJPArticle%2FPrinter 

Pari britannico accusa Israele di estremismo

Jonny Paul, Jerusalem Post, 16 Agosto 2007

Uno studioso israeliano ha respinto con forza i commenti del politico appartenente al partito Liberal Democratico britannico Jenny Tonge, che recentemente ha accusato Israele di aver causato l’attuale situazione di impoverimento dei Palestinesi, ed ha dichiarato che questo tema viene utilizzato per alimentare l’estremismo islamico.

"La Palestina è sempre stata usata dagli islamisti di tutto il mondo come un campo di battaglia propagandistico", ha detto in un discorso alla Camera dei Lord il mese scorso. "Ho osservato ciò in alcuni paesi africani e, più di recente, nel Bangladesh. La Palestina è ciò che l’occidente fa ai musulmani. Questo è il messaggio. I Palestinesi sono stati messi in ginocchio. Una società colta e raffinata con grandi capacità è stata ridotta in un paese del Terzo Mondo. Le statistiche sono lì per chiunque voglia vederle".

Tonge ha anche accusato l’esercito israeliano di aver interrotto gli esami scolastici a Nablus, con il risultato di una generazione di Palestinesi analfabeti e senza qualifiche. 

"Persino l’istruzione è stata distrutta con i bambini terrorizzati dai raid nelle loro scuole" , ha detto, dichiarando che i prodotti di un tale sistema sarebbero "adatti appena per lavori sottopagati. L’economia non può essere ricostruita a meno che Israele non cambi le sue politiche".

Ma il Dr, Jonathan Spyer, ricercatore presso il Global Research in International Affairs al centro interdisciplinare di Herzliya ha messo in discussione queste affermazioni, che tradirebbero "una impressionante ignoranza dei movimenti islamisti. L’Islam radicale è un’idea politica, alcuni dei suoi sostenitori usano il metodo del terrorismo. Questa idea vede gli eventi del mondo come modellati da una lotta tra le forze dell’autentico Islam, e quelle dei non credenti. Usa una lunga lista di presunte lagnanze musulmane per ottenere sostegno", ha detto al Jerusalem Post.

Ha osservato che al-Qaida è stata formata per rovesciare il governo dell’Arabia Saudita in opposizione alla presenza USA dagli anni 90. "Difficilmente al-Qaida menzionava la questione palestinese prima del 2001".

"L’idea che questa idea trans-nazionale, che si nutre di molti temi, è in qualche modo ‘tracciabile’ fino al conflitto israelo-palestinese, e sarebbe risolta dalla creazione di uno stato palestinese a fianco di Israele — un risultato che in ogni caso gli Islamisti rifiutano — è assurdo. E’ tipico di gente come la Tonge accusare Israele per la guerra dell’islam radicale all’occidente". 

La baronessa Tonge fu espulsa come membro del parlamento e come portavoce del partito Liberal Democratico nel 2004, dopo aver espresso sostegno per gli attentatori suicidi. 

Daniel Seaman, direttore dell’ufficio stampa del governo israeliano, ha dichiarato al Post giovedì che in un recente incontro a Gerico, il presidente dell’Autorità Palestinese Mahmoud Abbas ha detto al Primo Ministro Ehud Olmert che l’AP non può controllare Hamas.

"Ogni interruzione è da attribuire agli estremisti di Hamas che operano nell’area. Israele sta operando nell’area per proteggere i suoi cittadini. Se gli esami sono nstati interrotti, è una caso sfortunato. Comunque gli esami possono essere ripresi. le vite non possono essere recuperate", ha detto Seaman." 

La Tonge ha anche messo in discussione le prospettive di miglioramento. "Il  nuovo governo parla della ricostruzione dell’economia in Palestina e del ritorno alla normalità per i lavoratori palestinesi, che è una buona cosa, ma come faranno con i blocchi stradali, i checkpoint e i bantustan separati da strade per i soli coloni?" ha chiesto. "Io non sono un’antisemita, ma sono stupefatta dal razzismo e dall’apartheid dello stato d’Israele. Uso la parola ‘apartheid’ nel suo significato letterale; significa separazione, perché è quello che sta accadendo".

Tonge è stata criticata dal Lord laburista Andrew Mitchell, che non era d’accordo con la sua definizione di Israele come stato apartheid. "Forse abbiamo tutti dimenticato come era uno stato apartheid", ha detto. Ha aggiunto che Israele "ha un ministro arabo. Non c’è divieto per le razze di mescolarsi. Se vai in un ospedale in Israele vedrai Arabi, Israeliani, Drusi, sia tra i malati che tra il personale sanitario".

In particolare l’Istituto Weizamnn, del quale sono il presidente britannico, ha Arabi e professori Arabi  che si mescolano [con gli Israeliani]. ‘Apartheid’ è una parola pericolosa; ha significati di tutti i tipi, e non è assolutamente esatta se riferita a Israele".

 

Nota del traduttore:

Tralasciando che  l’esperto interpellato dal Jerusalem Post per commentare le dichiarazioni della Tonge, Jonathan Spyer, deforma la posizione dell’esponente britannico al fine di farla apparire ridicola, c’è da sottolineare la frase dell’autore dell’articolo secondo cui "La baronessa Tonge fu espulsa come membro del parlamento e come portavoce del partito Liberal Democratico nel 2004".

Che un parlamentare possa essere "espulso" dal parlamento per un’opinione espressa è forse possibile alla Knesset, ma non in qualunque altro parlamento democratico del mondo. Nel 2004 alla Tonge fu revocato il suo incarico di portavoce, e successivamente non fu ricandidata (ovviamente). Ma nessuno la espulse.

Vedi: http://news.bbc.co.uk/1/hi/uk_politics/3421669.stm  

Tradotto dall’inglese da Gianluca Bifolchi, un membro di  Tlaxcala  (www.tlaxcala.es), la rete di traduttori per la diversità linguistica. Questa traduzione è in Copyleft per ogni uso non-commerciale : è liberamente riproducibile, a condizione di rispettarne l’integrità e di menzionarne l’autore e la fonte.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.