Parlamentare 'arabo' della Knesset fa appello alla ricostruzione del villaggio di 'Araqib

An-Nasira (Nazareth) – InfoPal. Hanna Suweid, deputato 'arabo' presso il Parlamento israeliano, ha diffuso un appello alla ricostruzione del villaggio di 'Araqib, nel Negev, distrutto per la quinta volta lunedì mattina poiché il governo israeliano non lo riconosce in alcun modo.

Secondo quanto ha affermato il deputato palestinese, tale ricostruzione è necessaria per dimostrare l'attaccamento della gente del Negev alla sua terra, dove non esiste alcuna eguaglianza di trattamento verso i cittadini, ma, anzi, si delinea un piano del governo israeliano per cacciarne tutti gli autoctoni, di fronte al quale, tuttavia, essi sono determinati a resistere.

Pertanto, la lotta contro i progetti coloniali nel Negev continua, quotidianamente, con il sostegno della società civile, impegnata nell'opposizione alle distruzioni di case, sempre più frequenti, e all'allontanamento dei residenti, privati così dei loro diritti elementari.

Gli attacchi al villaggio di 'Araqib – secondo Suweid – sono solo l'inizio del progetto criminale che mira alla distruzione di decine di villaggi palestinesi nel Negev, nel quadro di una chiara guerra demografica. Di fronte a tutto ciò non è possibile rimanere in silenzio, ma si deve invece impegnarsi per far fallire questi piani, intensificando le iniziative di sostegno e le proteste.

Quest'ultima distruzione eseguita subito dopo la Festa di fine Ramadan, dimostra in pieno le intenzioni del governo israeliano, che a parole dice una cosa (felicitazioni ufficiali per la Festa, ad esempio) ma in pratica ne fa un'altra.

Suweid sostiene inoltre che la ricostruzione di 'Araqib è la naturale risposta da dare in questi frangenti, per ribadire i diritti della popolazione locale contro i piani demografici del governo israeliano.

Nel frattempo, la popolazione di 'Araqib ha fatto sapere che si è già messa all'opera per la ricostruzione, dimostrando la saldezza dei suoi propositi e dei suoi principi, che impongono la determinazione a vivere sulla terra dei padri.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.