Parlamentare israeliano: nessuna delle 24 brigate di Hamas è stata distrutta a Gaza

Tel Aviv – MEMO. Il membro della Knesset israeliana, Amit Halevi, ha confermato giovedì che tutte le 24 brigate di Hamas sono ancora presenti a Gaza e che nessuna di esse è stata distrutta, aggiungendo che il primo ministro Benjamin Netanyahu sta mentendo al popolo israeliano e gonfiando i risultati dell’esercito.

Oltre alla fermezza di Hamas, esiste ancora il movimento del Jihad islamico, “e ci hanno mentito dicendo che era stato eliminato”, ha aggiunto Halevi nell’intervista rilasciata al Channel 14 di Israele.

Da parte sua, il quotidiano israeliano Yedioth Ahronoth ha citato il ministro dell’Economia e dell’Industria, Nir Barkat, secondo il quale Netanyahu e il ministro della Difesa Yoav Gallant hanno portato Israele a un livello di insicurezza senza precedenti e disastroso, aggiungendo: “Abbiamo dato a Netanyahu e Gallant sette mesi, ma non hanno ottenuto alcun risultato”.

I media israeliani hanno riportato giovedì che le dichiarazioni di Gallant sulla Striscia di Gaza “rivelano una linea di faglia che si è gradualmente aggravata nella leadership politica e della sicurezza negli ultimi mesi”.

Mercoledì, Gallant ha detto che si sarebbe opposto a “qualsiasi governo militare israeliano nella Striscia di Gaza”, perché “sarà sanguinoso e costoso, e durerà per anni”.

Ha aggiunto che i suoi sforzi per sollevare la questione della governance a Gaza dopo la guerra “non hanno trovato una risposta da parte del governo Netanyahu”, invitando quest’ultimo ad annunciare che “Israele non assumerà il controllo civile sulla Striscia di Gaza”.

Rispondendo alle dichiarazioni di Gallant, il ministro della Sicurezza nazionale, Itamar Ben-Gvir, ha dichiarato: “Gallant ha fallito dal 7 ottobre e deve essere sostituito, per raggiungere gli obiettivi di guerra”.

Traduzione per InfoPal di F.L.