PCHR si congratula con il popolo palestinese per l’accordo di riconciliazione nazionale

PCHR
Centro Palestinese per i Diritti Umani

Comunicato Stampa

PCHR si congratula con il popolo palestinese per l'accordo di riconciliazione nazionale

Oggi pomeriggio (ieri, ndr), alla presenza del presidente palestinese Mahmoud Abbas, del presidente dell'ufficio politico di Hamas, Khaled Mashal, e del ministro degli Esteri egiziano, Nabil al-Arabi, si è svolta al Cairo la cerimonia della dichiarazione dell'accordo nazionale palestinese.

Il Centro Palestinese per i Diritti Umani (PCHR) accoglie favorevolmente questo accordo e si congratula con il popolo palestinese per la fine di una fase buia della loro storia. Negli ultimi cinque anni, tutti i palestinesi hanno pagato pesantemente per il conflitto politico e per la divisione all'interno dell'Autorità nazionale palestinese (Anp), e la causa palestinese si è ridotta al minimo.

È tempo di guardare al futuro con speranza e ottimismo. Ci aspettiamo che tutti i partiti palestinesi si impegnino velocemente e seriamente per recuperare la dignità dell'istituzione Anp e dell'Organizzazione per la Liberazione della Palestina, sulla base della reale partecipazione politica da parte di tutti, in modo da essere più forti al fine di compiere il nostro progetto nazionale e raggiungere le aspirazioni del nostro popolo per porre fine all'occupazione israeliana e stabilire uno stato palestinese indipendente, fondato sullo stato di diritto, sulla democrazia, la giustizia sociale e il rispetto per i diritti umani.

Il PCHR apprezza enormemente il ruolo guida svolto dalla Repubblica Araba d'Egitto nell'ambito di tale accordo, e coglie l'occasione per congratularsi e ringraziare la leadership e il popolo egiziano per il grande risultato raggiunto. PCHR vede la Repubblica Araba d'Egitto come custode del successo del patto siglato, e spera che continuerà a lavorare con i partiti palestinesi in tutte le fasi future per assicurare la realizzazione pratica dell'accordo.

È necessario, soprattutto ora, che la comunità internazionale sostenga l'accordo di riconciliazione e provveda a creare l'atmosfera appropriata per assicurare il suo successo. La comunità internazionale dovrebbe rivedere tutte le politiche adottate contro l'Anp, dopo le ultime elezioni legislative palestinesi nel gennaio 2006, che hanno contribuito ad infiammare la crisi interna palestinese e hanno costituito un fattore importante della lotta interna portatrice di una divisione che ha colpito tutti i componenti dell'Anp, e addirittura tutta la struttura sociale palestinese.

Documento pubblico

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.