Peace Now: ‘Raddoppiata la velocità delle attività coloniali in Palestina’

An-Nasira (Nazareth) – InfoPal. Il movimento pacifista israeliano “Peace Now” ha svolto un lungo monitoraggio sulle attività coloniali nella Cisgiordania occupata e ha svelato al pubblico lo stato delle costruzioni sul campo.

Scrive nel proprio rapporto “Peace Now”: “Se all'interno della Linea Verde, nei Territori palestinesi occupati da Israele nel 1948, oggi Stato di Israele, il rapporto tra le unità abitativa e i cittadini è di 1:235, nelle colonie in Cisgiordania è di 1:246”. 

Dai dati si può stabilire che la velocità delle attività coloniali israeliane in Palestina è raddoppiata.

Fotografie aeree hanno mostrato che, nel periodo di congelamento formale delle attività coloniali da parte israeliana – da novembre 2009 a settembre 2010 – sono state costruite in Cisgiordania 2.598 unità abitative di cui il 64% (1.642) con un solo piano, e 3.700 unità residenziali.

Su 417 unità abitative di nuova costruzione, cento sono avamposti (anche roulotte). 383 di queste sono illegali. 157 sono gli avamposti illegali.

Il 66% delle unità abitative dove i lavori sono in corso, sono ubicate ad Est del Muro d'Apartheid.
245 unità abitative nell'insediamento di Ariel, 329 a Gush Etzion,114 a Karni Shomron e 212 unità residenziali a Ma'ale Adumim.

826 unità abitative sono state costruite all'interno di insediamenti isolati, 869 negli insediamenti ad Ovest del Muro d'Apartheid e circa 900 all'interno delle curve del Muro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.