Prigioniero palestinese in coma per negligenza medica delle autorità israeliane

Gaza – InfoPal. Il ministero per gli Affari dei Detenuti della Striscia di Gaza attribuisce la piena responsabilità alle autorità carcerarie israeliane della vita del detenuto palestinese Zakariya Hassan Daoud ‘Eisaa, di Betlemme.

Il detenuto era affetto da cancro ed è caduto in coma profondo in seguito a un rapido deterioramento delle condizioni di salute.

Riyad al-Ashkar, direttore del dipartimento dell’informazione del ministero, ha raccontato: “Il detenuto aveva sofferto di ernia del disco cinque mesi fa, quando le autorità carcerarie israeliane non gli avevano permesso alcuna cura. Aveva perso peso, passando da 110 a 50 kg”.

“Da circa un mese Zakariya aveva iniziato a convivere con continue perdite di sensi fino a entrare in coma, ieri.

I medici della clinica della prigione hanno dichiarato che il  detenuto è ammalato di cancro a uno stadio avanzato, e si sono espressi sulla sua incurabilità.

Arrestato nel 2003, Zakariya era stato condannato a 15 anni di prigione. E’ sposato con cinque figli.

Di fronte all’accaduto, il ministero ha reiterato l’appello che le istituzioni palestinesi e i gruppi di rappresentanza della società civile recapitano ogni giorno alla comunità internazionale: “impedire il deterioramento dello stato di salute delle centinaia di palestinesi nelle prigioni di Israele ammalati e sofferenti”.

Ai media è stato chiesto di riportare come di dovere la realtà delle detenzioni dei palestinesi nelle prigioni dell’occupazione israeliana.

(Nella foto: Zakariya Hassan Daoud ‘Eisaa. Pal-Info)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.