Professore palestinese invita a boicottare i prodotti israeliani.

Il prof. Abdul Sattar Qassem, docenti di Scienze politiche all’Università nazionale An-Najah, a Nablus, ha invitato a boicottare i prodotti israeliani.

Acquistare merci israeliane è offrire un sostegno alle truppe di occupazione e di invasione che uccidono i palestinesi, ha sottolineato il docente.

In un articolo, il prof. Qassem afferma: "Se un chilo di datteri israeliani vale 35 shekels, e un proiettile di un fucile M16 8 agorot (uno shekel sono 100 agorot), ciò significa che il consumatore palestinese contribuisce alla produzione di circa 44 proiettili, sufficienti per uccidere 44 palestinesi. Allora, perché l’Autorità Nazionale palestinese non vieta l’importazione di beni israeliani per rimpiazzarli con quelli palestinesi?" .

Qassem ha incoraggiato la popolazione palestinese a iniziare a boicottare i prodotti di Israele.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.