Proseguono in Cisgiordania le aggressioni delle forze dell'Anp contro i sostenitori di Hamas.

Cisgiordania – Infopal

Proseguono in Cisgiordania le aggressioni delle forze dell’Anp contro i sostenitori di Hamas.

Le Forze di Sicurezza palestinesi hanno arrestato 8 sostenitori di Hamas, mentre le Forze Preventive rifiutano di riconoscere l’istanza di scarcerazione stabilita dal Tribunale di Betlemme per due detenuti.

Provincia di Ramallah
Le Forze di Sicurezza palestinesi hanno invaso le abitazioni dei dipendenti del canale satellitare al-Aqsa e hanno sequestrato le attrezzature di lavoro.

Hanno arrestato Amro Rachid Abu Erra, studente all’Università di Birzeit, e Mohammad Qaraan: per la seconda volta è stato portato via dalla sua abitazion,e nella città di al-Bireh.

Provincia di Nablus
Le Forze di Sicurezza hanno arrestato Nidal Sami Dweikat e Mutasem Fakhri Dweikat,, del campo profughi di Balata, a est della città, dopo averli invitati a presentarsi per un colloquio in caserma.

Provincia di Tulkarem
Le Forze di Sicurezza hanno invaso l’ospedale Az-Zakat nella città di Tulkarem, e hanno arrestato Abdelfattah B’der.

Provincia di Salfeet
Le Forze di Sicurezza hanno arrestato nuovamente il prof. Abdelrauf Haj Ali, dopo che, qualche giorno fa, erano stati costretti a liberarlo in base a un’ordinanza del tribunale.

Provincia di Betlemme
Le Forze Preventive hanno rifiutato di liberare Hussein al-Shaikh, avvocato del Circolo del Detenuto Palestinese, e Ibrahim Qasem, nonostante l’ordinanza di scarcerazione emessa dal Tribunale.

Provincia di Jenin
Le Forze di Sicurezza hanno arrestato Mohammad Said Awad, di Raba, a sud est di Jenin, dopo averlo invitato per un colloquio in caserma.

Hanno arrestato Hafdhi al-Kilani mentre si trovava nella sua stamperia, nella città di Jenin.

I familiari di Mohammad Mahmud Abu Erra, di Jenin, hanno confermato che il giovane è stato torturato in modo brutale.

A Jenin, le Forze di Sicurezza palestinesi hanno cambiato il nome della rotonda “Martire Yahia Ayyash”, nel centro della città, con quello di “Samih al-Madhun”, e hanno tolto la foto di Ayyash.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.