Proteste nonviolente duramente attaccate dall’esercito israeliano.

Cisgiordania – Infopal

L’esercito israeliano ha attaccato una protesta pacifica contro il divieto ai palestinesi di utilizzo di strade "riservate agli ebrei" costruite su territorio palestinese.

Nell’assalto dei militari, 5 cittadini sono rimasti feriti, tra cui Yousef Karaja, responsabile dei Comitati di Resistenza popolare di Ramallah.

I manifestanti provenivano dal villaggio di Kharabtha al-Misbah, a sud-ovest di Ramallah.

Gli altri feriti sono: Muntasser Al-Habal, Wajih Hilal, Adib Darraj e un ragazzino colpito da proiettili di acciaio rivestiti di gomma.

Le autorità israeliane non permettono ai residenti di guidare sulla Strada 443, che attraversa i territori palestinesi, perché di esclusivo uso dei coloni. La popolazione locale sta protestando per questa decisione, che definisce "razzista", e che è in vigore da sette anni.

Manifestazione nonviolenta a Bil’in

Come consuetudine da tre anni a questa parte, ieri la popolazione della cittadina di Bil’in, nei pressi di Ramallah, ha manifestato insieme a pacifisti israeliani e internazionali contro la costruzione del Muro di Annessione voluto dal governo di Israele.

I soldati israeliani hanno lanciato lacrimogeni contro la folla e sparato proiettili di acciaio rivestiti di gomma, ferendo 3 persone.

Tra i manifestanti, era presente una delegazione dei Giovani Socialisti norvegesi. La città di Turnham, in Norvegia, che negli anni ’80 fu la prima a boicottare il regime di apartheid sudafricano, l’anno scorso ha avviato una campagna di boicottaggio contro il regime di segregazione attuato da Tel Aviv contro la popolazione palestinese.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.