Qaddumi rimosso dall’Olp.

 

Ramallah – Maan. Al termine di un incontro prolungato del Comitato esecutivo dell’Olp, tenutosi giovedì a Ramallah i membri hanno deciso di rimuovere Faruq Qaddumi, ex leader di Fatah, per aver accusato il presidente palestinese  Mahmud ‘Abbas e il leader di Fatah e membro del Comitato centrale Muhammad Dahlan di aver cospirato per uccidere Yasser ‘Arafat.

L’incontro ha visto anche una ridistribuzione delle cariche e la creazione di nuovi dipartimenti, e ha seguito di un mese esatto la rielezione di ‘Abbas come capo del movimento di Fatah durante la VI conferenza del movimento a Betlemme (nella quale sono stati inoltre nominati un nuovo Comitato Centrale e un nuovo Consiglio rivoluzionario).

Qaddumi, ex membro del Consiglio centrale di Fatah, aveva accusato ‘Abbas e Dahlan mettendo in risalto le divisioni interne al movimento, e aveva denunciato la loro complicità con la Cia nell’avvelenamento di ‘Arafat.

Nei giorni precedenti è stato riportato che la Tunisia – dove Qaddumi vive attualmente in esilio – e la Giordania – dove lanciò l’accusa per la prima volta durante un’intervista – hanno proibito all’ex leader palestinese di tenere conferenze stampa o incontri che possano provocare l’attuale leadership di Fatah. Qaddumi stesso ha confermato questa notizia nel corso di un’altra intervista, trasmessa sul canale satellitare, nella quale ha inoltre affermato: “Non tutto ciò che ho detto esprimeva necessariamente ciò che pensavo”.

I cambiamenti all’Olp.
È stato ‘Abbas, in qualità di capo dell’Autorità nazionale palestinese (Anp), a convocare la riunione di Ramallah, che lo ha visto tra le altre cose occupare il posto di Qaddumi a capo del Dipartimento politico. Questa sua carica si aggiunge quindi a quella di segretario generale.
Inoltre, in una mossa senza precedenti, il Comitato esecutivo ha deciso d’invitare in modo permanente il primo ministro palestinese Salam Fayyad alle proprie sedute, in quello che le fonti hanno definite uno sforzo per integrare le posizioni del governo e dell’Olp.

Al posto di segretario del Comitato è stato ri-nominato Yaser ‘Abed Rabbo, ricordato per aver votato a favore del mantenimento di Saeb ‘Ereqat come capo del Dipartimento per i Negoziati. ‘Ereqat è anche membro del Consiglio centrale dell’Olp in qualità d’indipendente.
Ahmad Quri’a resterà a sua volta capo agli Affari di Gerusalemme. In precedenza era uno dei venti membri del Consiglio legislativo palestinese assegnati al Consiglio centrale.

Nuove assegnazioni al Consiglio centrale (CC) e nuove cariche con portafoglio includono:
Hanan Ashrawi, CC, ora capo alla Cultura e ai media
Saleh Ra’fat, CC, ora capo del Dipartimento militare
As’ad ‘Abd ar-Rahman, CC, prossimo direttore del ristrutturato Centro palestinese per la ricerca.
Ahmad Al-Majdalani, CC, prossimo direttore del Centro di pianificazione palestinese
Zakariya al-Agha, confermato al Comitato esecutivo (CE), ora responsabile del Dipartimento per i Rifugiati
‘Abd ar-Rahim Malluh, confermato al CE, ora a capo del nuovo Dipartimento per le Relazioni arabe
Mohammad Zuhdi an-Nashashibi, confermato al CE, ora a capo del Fondo nazionale palestinese
Hanna Amira, confermata al CE, ora a capo del Dipartimento per gli Affari sociali
Taysir Khalid, confermato al CE, ora a capo del Dipartimento degli Affari espatriati
Ghassan ash-Shaka’a, confermato al CE, ora a capo delle Relazioni interne
Mahmud Isma‘il, confermato al CE, ora a capo del Dipartimento per l’Organizzazione popolare
Riyadh al-Khudari, confermato al CE, ora a capo del Dipartimento dell’Istruzione d’alto livello
‘Ali Ishaq, confermato al CE, ora a capo del Dipartimento per lo Sport e la gioventù al posto di Ahmad al-Qidwa.

Per quanto riguarda i nuovi movimenti, sono stati presentati:
Jamil Shahada, segretario generale del Fronte arabo palestinese, in rappresentanza del partito
Wasel Abu Yusef, segretario generale del Fronte di liberazione palestinese, al pari di Shahada
I due siederanno inoltre come osservatori negli incontri del Comitato esecutivo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.