Quattro membri dell'Fplp accusati di voler assassinare un giudice israeliano

Cisgiordania – Agenzie. La Corte militare israeliana di Salem (nord della Cisgiordania occupata) ha condannato quattro membri del Fronte popolare per la liberazione della Palestina (Fplp) ad una sentenza carceraria che va dai quattro agli otto  anni.

L'accusa contro di loro è la pianificazione dell'assassinio di un giudice militare.

Si tratta dello stesso giudice che il 12 dicembre 2006 emanò una sentenza carceraria di trent'anni nei confronti di Ahmad Sa'adaat, segretario generale del Fronte.

Sa'adaat, attualmente in isolamento a Be'er Sheva, era stato accusato di essere il mandante dell'attentato al ministro del Turismo Rehavam Ze'evi, ucciso il 17 ottobre 2001.

La radio israeliana avrebbe diffuso un altro particolare sull'accusa contro i quattro palestinesi: uno di loro avrebbe contattato un membro del partito libanese Hizbullah, chiedendogli di finanziargli l'acquisto di un'arma che sarebbe stata impiegata nell'attentato.

I quattro membri del movimento, tutti studenti dell'università di Nablus, an-Najah, sono: Fawzi Qaoura di Bal'a (Tulkarem), 'Ali Eshtayya, di Salem (Nablus), entrambi condannati a cinque anni, Hindawi Qawariq di Awarta (Nablus), condannato a quattro anni e Eyas Joury di Nablus, condannato a otto anni.
 

Il loro avvocato, Shaker al-Ayyushi, ha annunciato il ricorso.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.