Ragazza palestinese ferita alla schiena dai soldati israeliani durante vasta operazione contro la città di Hebron.

Oggi, nella città di Hebron, una ragazza palestinese, Ourud Mahmoud Al-Ajloni (16 anni), è stata colpita alla schiena da due pallottole sparate dalle forze israeliane.

La ragazza si trovava davanti alla propria abitazione nella zona di “Jabal Jawhar”, a sud della città, quando i soldati hanno lanciato gas lacrimogeni e bombe sonore verso un gruppo di giovani, con la scusa che tiravano sassi contro una volante israeliana.

Le forze di occupazione hanno effettuato operazioni di perquisizione su vasta scala nella città di Hebron e nei villaggi di Beit A’oula, Taffuh, At-Thahirya e Dura.

All’operazione hanno partecipato decine di soldati appoggiati da carri militari e blindati. Sono state perquisite numerose abitazioni, durante le quali sono stati lanciati gas lacrimogeni e bombe al suono. Molti cittadini sono stati fermati o arrestati: ad alcuni è stato consegnato l’avviso di comparizione presso l’ufficio dei servizi di sicurezza israeliani.

Le forze di occupazione hanno perquisito la casa di Ali Ashur, nel quartiere di Abu Sneneh, a sud di Hebron, e quella di Ismail Amro Al-Qitt, nel villaggio di Dura.

Nel villaggio di Beit A’oula le forze di occupazione hanno perquisito l’abitazione di Abdelqader Tim As-Sarahin e altre ancora, e hanno consegnato a diverse persone l’avviso per presentarsi presso i servizi di sicurezza.

I militari hanno effettuato perquisizioni nel villaggio di Taffuh, anche qui, consegnando diversi avvisi di comparizione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.