Ragazzo colpito alla testa da un proiettile, e altri sei feriti a seguito dell'attacco dei militari israeliani.

 Fonti israeliane hanno dichiarato di aver aperto il fuoco, questa mattina, su un ragazzo del campo profughi di Nablus, colpendolo gravemente.

Si tratta di Mohammed Saqr, di 17 anni, colpito alla testa dalle truppe di occupazione che, stamane, hanno fatto irruzione nel campo. Un carrarmato è entrato dalla parte ovest, causando violenti scontri con i ragazzi.

Secondo fonti israeliane, i giovani palestinesi hanno lanciato pietre e bottiglie incendiarie contro il veicolo militari, ed è per questo che l’esercito ha aperto il fuoco, a 20 metri di distanza, raggiungendo il minorenne alla testa.

All’alba di oggi, durante una rappresaglia delle forze di occupazione israeliane, sono stati feriti anche altri 6 ragazzi del campo profughi di Balata, a ovest della città di Nablus. Fonti mediche hanno dichiarato che la loro età oscilla fra i 14 e i 22 anni, e che sono stati colpiti in diverse parti del corpo. Sono Mohammed Nasr, 17 anni, Ahmad Mohamed Ata Allah, 15 anni, Ashraf Morsl Khattab, 16 anni, Nidal Mohammed Al-Shafee,16 anni, Khaled Mohammed Al-Bouhi, 14 anni, Abdel Naser Mohammed Hasan, 15 anni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.