Ragazzo ferito sul lavoro dall’esercito israeliano

Imemc e agenzie. Fonti mediche palestinesi hanno riportato ieri il ferimento di un ragazzo palestinese, bersagliato dai proiettili dell'esercito israeliano a nord di Beit Lahiya (Striscia di Gaza settentrionale).

Testimoni oculari riportano che i soldati hanno aperto il fuoco contro alcuni operai palestinesi che stavano raccogliendo pietre, sabbia e materiale di scarto da utilizzare per l'edilizia: un rimedio d'emergenza imposto dall'assedio.

Fonti mediche hanno definito le ferite del ragazzo di media entità.

I soldati israeliani hanno attaccato più volte i palestinesi che lavorano nel nord della Striscia di Gaza, causando anche diversi morti.

Israele sta inoltre portando avanti il rinforzo della cosiddetta “zona cuscinetto” – o “cintura di sicurezza” – lungo i confini tra la Striscia e Israele.

L'area della “cintura” è stata sottratta a terre di proprietà privata palestinese adiacenti alla frontiera; i palestinesi che entrano nell'area vengono presi di mira dall'esercito, solitamente senza preavviso.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.