Rapporto dell’intelligence israeliana: i missili di Gaza sono un pericolo e le trattative non portano a niente

Tel AvivInfopal

Il sito israeliano online del giornale “Yediot Aharonot” domenica ha pubblicato alcuni estratti del rapporto annuale dell’intelligence dell’esercito israeliano (l’Aman), nel quale viene espresso molto pessimismo riguardo a diversi argomenti, tra cui l’Iran e il suo nucleare, la Siria, Hezbollah, le fazioni palestinesi e la loro potenza – che hanno conosciuto uno sviluppo notevole nella Striscia di Gaza.

Il rapporto, che verrà esposto al governo israeliano tra qualche giorno e che è stato preparato durante degli incontri avvenuti con alcuni responsabili della sicurezza, riferisce che la possibilità che le trattative tra Israeliani e Palestinesi possano portare ad un accordo duraturo è considerata molto dubbia.

Il rapporto classifica le minacce delle fazioni di resistenza palestinese a Gaza al livello strategico più basso, anche se viene riportato che l’attenzione a queste minacce deve avere la precedenza presso lo Stato Israeliano, perché il lancio dei missili dalla Striscia di Gaza avviene giornalmente, e questo rappresenta un pericolo imprevedibile per gli abitanti del sud d’Israele.

Nello stesso rapporto, l’intelligence ha affermato di presumere che i due capi di Hamas, Khaled Mishaal e Ismail Haniyah, stiano lavorando per raggiungere una tregua con Israele e dichiarare il cessate il fuoco, e che arrivare a un compromesso con il presidente palestinese Mahmud Abbas rientri fra le loro speranze per il futuro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.