Rapporto settimanale del Pchr sulle violazioni israeliane

PCHR
Centro Palestinese per i Diritti Umani

www.pchrgaza.org

 

 Le Forze di occupazione israeliane (IOF) continuano ad attaccare sistematicamente i civili palestinesi e le loro proprietà nei Territori Palestinesi Occupati (OPT)

  • Un civile palestinese della città di Rafah, nel sud della Striscia di Gaza, è morto per le ferite riportate. 
  • Un civile palestinese è stato ferito dai coloni israeliani a sud di Nablus.
  • IOF ha bombardato un campo di addestramento delle brigate Izziddin al-Qassam; una scuola e alcune case residenziali nelle vicinanze sono state danneggiate.
  • IOF ha continuato a prendere di mira i lavoratori palestinesi, contadini, e pescatori nelle aree di confine della Striscia di Gaza.
  • IOF ha aperto il fuoco contro contadini e pescatori nel nord della Striscia di Gaza, ma non sono stati segnalati feriti.
  • IOF ha continuato ad usare la forza contro le proteste pacifiche in Cisgiordania

             -A Ramallah tre civili palestinesi, tra cui un bambino, sono stati feriti.

             -IOF ha arrestato tre manifestanti, tra cui due attivisti internazionali per i diritti umani.

 

  • IOF ha condotto 40 incursioni nelle comunità palestinesi in Cisgiordania.

              -IOF ha arrestato 112 civili palestinesi, tra cui 5 bambini.

              -IOF ha perquisito le case appartenenti agli attivisti della resistenza pacifica contro gli 

                     insediamenti e ha maltrattato i loro familiari.

  • Israele ha continuato ad imporre l'assedio totale sulla Striscia di Gaza ed ha rafforzato quello in Cisgiordania.

            -IOF ha chiuso completamente la Cisgiordania e la Striscia di Gaza per la pasqua ebraica.

  • IOF prosegue nelle attività di colonizzazione in Cisgiordania e i coloni israeliani hanno continuato ad attaccare i civili palestinesi e le loro proprietà.

             -IOF ha emesso avvisi per distruggere le infrastrutture civili ed evacuare le fattorie.

             -I coloni israeliani hanno continuato i loro attacchi contro i civili palestinesi a nord e a sud della Cisgiordania.

Riepilogo

Le violazioni israeliane delle leggi internazionali e delle leggi umanitarie sono continuate negli OPT durante il periodo di riferimento (14 – 20 Aprile 2011):

Sparatorie:

Un civile palestinese della Striscia di Gaza è morto a causa delle ferite riportate la scorsa settimana, e tre civili palestinesi, tra cui un bambino, sono stati feriti durante pacifiche proteste in West Bank. Inoltre, un palestinese è stato ferito in un nuovo attacco lanciato dai coloni israeliani a sud di Nablus.

Nella Striscia di Gaza, il 14 aprile 2011, le fonti mediche dell'ospedale europeo di Gaza a Khan Younis, nel sud della Striscia di Gaza, hanno annunciato che Mahdi Jumaa Abu Athreh, 22 anni, proveniente dal villaggio di al-Shouka, a sud di Rafah, è morto a causa delle ferite riportate. Secondo le indagini svolte da PCHR, approssimativamente alle 08:00 di venerdì 8 aprile 2011, IOF ha bombardato per due volte nelle vicinanze dell'aeroporto internazionale di Gaza. Quattro civili palestinesi, tra cui un bambino, sono rimasti feriti. Fonti mediche dell'ospedale Abu Yousif al-Najjar hanno definito le ferite di due di loro, tra cui Abu Athreh, molto serie.

In Cisgiordania, durante il periodo in questione, IOF ha usato un'eccessiva forza per disperdere le dimostrazioni pacifiche organizzate in protesta alle attività di insediamento israeliane e al muro d'apartheid in West Bank. Risultato: 3 civili palestinesi, tra cui un bambino, sono stati feriti durante le proteste settimanali di Bil'ein, a ovest di Ramallah.

Altri incidenti a seguito di sparatorie e bombardamenti: il 16 aprile 2011, un aereo da guerra israeliano ha lanciato un missile nel centro di formazione Tunis, utilizzato dai membri delle Brigate Izziddin al-Qassam (l'ala armata di Hamas) e che è adiacente alla scuola elementare Tunis, a est del quartiere di al-Zaytun, a est di Gaza City. Le finestre della scuola sono andate in frantumi.

Un altro aereo delle IOF ha lanciato un missile al sito di Badr, anch'esso utilizzato dalle Brigate al-Qassam, nel nord-ovest del campo profughi ash-Shati. Le finestre degli appartamenti nelle vicinanze sono andate distrutte. Non sono stati segnalati morti in seguito a tali bombardamenti, che hanno bersagliato i siti menzionati sopra, siti che già precedentemente erano stati presi di mira.

Sempre il 16 aprile 2011, cannoniere delle IOF, posizionate fuori dalla città di Beit Lahiya, nel nord delle Striscia, hanno lanciato granate e hanno sparato intensamente sui pescherecci palestinesi. I pescatori, di conseguenza, sono scappati per paura di essere feriti o di essere arrestati. 

Il 17 aprile 2011, le IOF, appostate sulle torri di controllo lungo l'area di confine a est di Beit Hanoun, nel nord della Striscia di Gaza, hanno aperto il fuoco sui contadini palestinesi che erano nei loro campi a est di Beit Hanoun. I contadini sono fuggiti via, nel timore di essere uccisi.  

Il 17 aprile 2011, un civile palestinese è stato ferito durante una protesta pacifica organizzata da decine di palestinesi e dalle famiglie dei detenuti palestinesi nelle carceri israeliane, in occasione della Giornata dei Prigionieri. Il civile è stato ferito quando le IOF hanno aperto il fuoco sui partecipanti della protesta, che stavano marciando verso i cancelli della prigione Ofer, a sud-ovest di Ramallah. 

Inoltre, decine di civili palestinesi e di difensori dei diritti umani internazionali, che avevano preso parte alla protesta pacifica, sono rimasti asfissiati dall'inalazione di gas lacrimogeni e hanno riportato ferite e lividi dopo essere stati picchiati dalle IOF.

Il 19 aprile 2011, circa 20 coloni israeliani dell'avamposto coloniale “Givat Arousa”, che è un'estensione dell'insediamento di “Bracha”, a sud di Nablus, hanno attaccato le case dei palestinesi nella zone di Khelet al-Aqareb, a est del villaggio di Bourin. Alcuni civili palestinesi hanno affrontato i coloni israeliani.

I coloni israeliani e i civili palestinesi si sono lanciati pietre a vicenda. Un colono si è fatto avanti a 10-15 metri da Brucelee Eid, 36 anni, e ha sparato 2 proiettili, ferendolo così al gomito destro e al bacino.

Incursioni:

Durante il periodo di riferimento, IOF ha effettuato almeno 40 incursioni militari nelle comunità palestinesi in Cisgiordania, durante le quali hanno arrestato 12 civili palestinesi, tra cui 5 bambini e due donne. 

Sempre nel periodo in questione, IOF hanno cercato di impedire ai difensori dei diritti umani internazionali di partecipare alle assemblee pacifiche contro le attività di insediamento e contro la costruzione del Muro d'Annessione. Come parte di tali tentativi, le IOF hanno arrestato 3 partecipanti alle proteste pacifiche, inclusi due difensori dei diritti umani internazionali e un civile palestinese. 

Le IOF hanno inoltre fatto irruzione nella casa di Ahmed Khalil Abu Hashem, 43 anni, segretario del Comitato nazionale Contro il Muro e gli insediamenti nella città di Beit Ummar, a nord di Hebron. Le IOF hanno trattenuto Abu Hashem e la sua famiglia (composta da nove persone) in una stanza. Hanno maltrattato due dei suoi figli, uno dei quali è solo un bambino. Abu Hashem ha dichiarato a un ricercatore del PCHR che un funzionario delle IOF gli ha esplicitamente chiesto di fermare le proteste organizzate dal Comitato Nazionale Contro il Muro e gli insediamenti, specialmente nelle vicinanze dell'insediamento di “Karmi Tsur”, nel sud di Beit Ummar. Abu Hashem ha poi riferito che il raid è il ventesimo condotto dalle IOF negli ultimi 50 giorni, e che tali irruzioni sono finalizzate a costringerlo ad interrompere le sue attività pacifiche contro il muro e gli insediamenti. 

Restrizioni di libertà:

Israele ha continuato ad imporre un assedio totale negli OPT, oltre che delle severe restrizioni di libertà agli spostamenti dei civili palestinesi nella Striscia di Gaza e in Cisgiordania, inclusa Gerusalemme Est.

Il rapporto completo è disponibile online sul sito: 

http://www.pchrgaza.org/portal/en/index.php?option=com_content&view=article&id=7404:weekly-report-on-israeli-human-rights-violations-in-the-occupied-palestinian-territory-14-20-april-2011&catid=84:weekly-2009&Itemid=183

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.