Rapporto settimanale del Pchr sulle violazioni israeliane

Rapporto settimanale del Pchr – Palestinian centre for human rights – di Gaza sulle violazioni israeliane.

Periodo 6-12 ottobre

Le Forze di Occupazione israeliane (Foi) continuano gli attacchi sistematici contro civili e proprietà palestinesi nei Territori Occupati (oPt). 

Un civile palestinese è morto per le ferite subite nella Striscia di Gaza nel 2003.

Un civile palestinese è stato ferito ed arrestato dalle Foi nel centro di Beit Ummar, a nord di Hebron.

Le Foi hanno continuato a sparare ai pescatori e gli agricoltori nella Striscia di Gaza.

Le Foi hanno continuato ad usare la forza contro le proteste pacifiche in Cisgiordania.

Una donna palestinese e un’attivista per i diritti umani britannica sono state ferite.

Le Foi hanno condotto 38 incursioni in comunità palestinesi della Cisgiordania, e due limitate nella Striscia di Gaza.

Le Foi hanno arrestato 28 palestinesi, di cui 11 bambini.

Israele ha continuato ad imporre un assedio totale sugli oPt ed ha isolato la Striscia di Gaza dal mondo esterno.

Le Foi hanno continuato le attività di colonizzazione in Cisgiordania e i coloni israeliani hanno continuato ad attaccare civili e proprietà palestinesi.

Le Foi hanno demolito una moschea nel villaggio di Khirbat Yarza, a est di Tubas.

Le Foi hanno demolito due case in costruzione a Betlemme e a Hebron.

Le Foi hanno demolito due case e due caserme per il bestiame vicino a Qalqilya.

Le Foi hanno raso al suolo 12 dunum di terra agricola e hanno confiscato 250 olivi e mandorli.

Coloni israeliani hanno sradicato 210 alberi nel villaggio di Qasra, vicino a Nablus.

Coloni israeliani hanno attaccato contadini palestinesi mentre raccoglievano le olive.

Sommario

Le violazioni israeliane del diritto internazionale e del diritto umanitario negli oPt sono continuate nel periodo di riferimento (6 – 12 ottobre 2011):

Scontri:

Durante il periodo di riferimento, un palestinese è morto a causa di precedenti ferite che aveva subito nella Striscia di Gaza nel 2003. Inoltre due civili palestinesi, tra cui una donna, e un’attivisti britannica per i diritti umani sono stati feriti dalle Foi in Cisgiordania.

Il 6 ottobre 2011, ‘Alaa’ Mohammed Mahmoud Abu Madi, 26 anni, del campo profughi di Khan Younis, è morto per una ferita subita nel 2003 durante un attacco aereo israeliano. Secondo la documentazione del PCHR, intorno alle 23:45 di martedì 13 maggio 2011, un elicottero d’assalto israeliano che supportava un’incursione israeliana ha sparato un missile ad alcuni palestinesi che si erano riuniti vicino alla moschea di ‘Ebad al-Rahman nell’area di al-Sad al-‘Aali. Di conseguenza, 16 civili palestinesi, incluso Abu Madi e 6 bambini, sono stati feriti. Abu Madi è stato ferito seriamente da una scheggia alla testa e nel corpo. Da allora, ha ricevuto trattamenti medici in diversi ospedali.

Durante il periodo di riferimento le Foi hanno ripetutamente sparato a pescatori e contadini palestinesi nella Striscia di Gaza, ma non sono state registrate vittime.

In Cisgiordania, durante il periodo di riferimento, le Foi hanno fatto uso eccessivo della forza per disperdere manifestazioni pacifiche organizzate come protesta per le attività dei coloni israeliani e per la costruzione del muro di annessione in Cisgiordania. Conseguentemente una donna palestinese e un’attivista britannica per i diritti umani sono state ferite e decine di civili palestinesi ed attivisti internazionali per i diritti umani hanno sofferto per l’inalazione di gas lacrimogeni.

Il 12 ottobre 2011 un civile palestinese è stato ferito ed arrestato da un’unità israeliana sotto copertura nel centro di Beit Ummar, a nord di Hebron.

L’intero report è disponibile online:

http://www.pchrgaza.org/portal/en/index.php?option=com_content&view=article&id=7782:weekly-report-on-israeli-human-rights-violations-in-the-occupied-palestinian-territory-06–12-october-2011&catid=84:weekly-2009&Itemid=183

Traduzione per InfoPal a cura di Giulia Sola



             Un dunum equivale a 1000 metri quadrati.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.