Rapporto sui diritti violati nelle carceri di Israele: prigionieri palestinesi trattati in modo disumano.

Rapporto sui diritti umani dei prigionieri.

Un prigioniero palestinese è in gravi condizioni di salute e rischia di perdere la vista. 

Gaza – Infopal. Non esistono diritti umani per detenuti e prigionieri palestinesi: questi vivono la detenzione in condizioni igienico-sanitarie estreme e le uniche responsabilità ricadono sulle autorità carcerarie israeliane.

Questa volta è la salute di ‘Atiya Mohammed al-Masri, un palestinese di 27 anni, di Deir al-Balah (Striscia di Gaza centrale) ad essere seriamente a rischio.

L’allarme viene lanciato dal Comitato Supremo Nazionale tramite le parole del responsabile per l’informazione, Riyad al-Ashqar.

Al-Masri si trova in carcere dal settembre 2003 ed  stato condannato a 20 anni di prigione per affiliazione al Jihad islamico.

Da anni soffre di congiuntivite acuta, ha gli occhi costantemente infiammati e gonfi e rischia di perdere gli la vista. L’amministrazione penitenziaria israeliana si rifiuta di farlo visitare da un specialista, anche di fronte alle continue richieste pervenute dall’esterno.

Il forte dolore e lo stato di infiammazione acuta lo costringono a restare steso per molte ore, e a causa di ciò, al-Masri ha cominciato a soffrire pure di problemi di respirazione. 

Con al-Marsi, il numero di detenuti e prigionieri palestinesi sofferenti e che hanno bisogno di cure o trattamenti d’urgenza è aumentato drasticamente.

La negligenza nelle cure mediche è una pratica deliberata all’interno delle strutture carcerarie israeliane.

Tra le patologie di cui questi prigionieri soffrono, quelle maggiormente denunciate dall’interno delle carceri sono: malattie cardiache, tumori, pressione, malattie dei reni e, pur riuscendo – sporadicamente – a fare una radiografia o un’analisi più specifica, le casistiche dimostrano che questi esami sono effettuati troppo tardi per intervenire e salvare la salute – di frequente la vita – del prigioniero malato.

Ad oggi, si registrano 52 prigionieri palestinesi malati e deceduti in stato di detenzione per mancanza di cure mediche.

Il Comitato lancia un appello affinché si intervenga con urgenza per l’invio di delegazioni mediche all’interno delle prigioni israeliane.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.