Rassegna stampa del 19 marzo.

Rassegna stampa del 19 marzo.

A cura di Chiara Purgato.

<!– /* Font Definitions */ @font-face {font-family:Wingdings; panose-1:5 0 0 0 0 0 0 0 0 0; mso-font-charset:2; mso-generic-font-family:auto; mso-font-pitch:variable; mso-font-signature:0 268435456 0 0 -2147483648 0;} @font-face {font-family:Tahoma; panose-1:2 11 6 4 3 5 4 4 2 4; mso-font-charset:0; mso-generic-font-family:swiss; mso-font-pitch:variable; mso-font-signature:1627421319 -2147483648 8 0 66047 0;} @font-face {font-family:Calibri; mso-font-alt:”Century Gothic”; mso-font-charset:0; mso-generic-font-family:swiss; mso-font-pitch:variable; mso-font-signature:-1610611985 1073750139 0 0 159 0;} @font-face {font-family:Cambria; mso-font-alt:”Palatino Linotype”; mso-font-charset:0; mso-generic-font-family:roman; mso-font-pitch:variable; mso-font-signature:-1610611985 1073741899 0 0 159 0;} /* Style Definitions */ p.MsoNormal, li.MsoNormal, div.MsoNormal {mso-style-parent:””; margin-top:0in; margin-right:0in; margin-bottom:10.0pt; margin-left:0in; line-height:115%; mso-pagination:widow-orphan; font-size:11.0pt; font-family:Calibri; mso-fareast-font-family:Calibri; mso-bidi-font-family:Arial; mso-fareast-language:EN-US;} h1 {margin-right:0in; mso-margin-top-alt:auto; mso-margin-bottom-alt:auto; margin-left:0in; mso-pagination:widow-orphan; mso-outline-level:1; font-size:24.0pt; font-family:”Times New Roman”; mso-fareast-font-family:”Times New Roman”; mso-font-kerning:18.0pt; font-weight:bold;} h2 {margin-right:0in; mso-margin-top-alt:auto; mso-margin-bottom-alt:auto; margin-left:0in; mso-pagination:widow-orphan; mso-outline-level:2; font-size:18.0pt; font-family:”Times New Roman”; mso-fareast-font-family:”Times New Roman”; font-weight:bold;} h3 {mso-style-next:Normale; margin-top:10.0pt; margin-right:0in; margin-bottom:0in; margin-left:0in; margin-bottom:.0001pt; line-height:115%; mso-pagination:widow-orphan lines-together; page-break-after:avoid; mso-outline-level:3; font-size:11.0pt; font-family:Cambria; mso-fareast-font-family:”Times New Roman”; mso-bidi-font-family:”Times New Roman”; color:#4F81BD; mso-fareast-language:EN-US; font-weight:bold;} h4 {mso-style-next:Normale; margin-top:10.0pt; margin-right:0in; margin-bottom:0in; margin-left:0in; margin-bottom:.0001pt; line-height:115%; mso-pagination:widow-orphan lines-together; page-break-after:avoid; mso-outline-level:4; font-size:11.0pt; font-family:Cambria; mso-fareast-font-family:”Times New Roman”; mso-bidi-font-family:”Times New Roman”; color:#4F81BD; mso-fareast-language:EN-US; font-weight:bold; font-style:italic;} a:link, span.MsoHyperlink {color:blue; text-decoration:underline; text-underline:single;} a:visited, span.MsoHyperlinkFollowed {color:purple; text-decoration:underline; text-underline:single;} p {margin-right:0in; mso-margin-top-alt:auto; mso-margin-bottom-alt:auto; margin-left:0in; mso-pagination:widow-orphan; font-size:12.0pt; font-family:”Times New Roman”; mso-fareast-font-family:”Times New Roman”;} span.Titolo1Carattere {mso-style-name:”Titolo 1 Carattere”; mso-ansi-font-size:24.0pt; mso-bidi-font-size:24.0pt; mso-ascii-font-family:”Times New Roman”; mso-fareast-font-family:”Times New Roman”; mso-hansi-font-family:”Times New Roman”; mso-bidi-font-family:”Times New Roman”; mso-font-kerning:18.0pt; mso-fareast-language:IT; font-weight:bold;} span.Titolo2Carattere {mso-style-name:”Titolo 2 Carattere”; mso-ansi-font-size:18.0pt; mso-bidi-font-size:18.0pt; mso-ascii-font-family:”Times New Roman”; mso-fareast-font-family:”Times New Roman”; mso-hansi-font-family:”Times New Roman”; mso-bidi-font-family:”Times New Roman”; mso-fareast-language:IT; font-weight:bold;} span.apple-converted-space {mso-style-name:apple-converted-space;} span.commentared {mso-style-name:commenta_red;} p.xtestonotizie, li.xtestonotizie, div.xtestonotizie {mso-style-name:xtesto_notizie; margin-right:0in; mso-margin-top-alt:auto; mso-margin-bottom-alt:auto; margin-left:0in; mso-pagination:widow-orphan; font-size:12.0pt; font-family:”Times New Roman”; mso-fareast-font-family:”Times New Roman”;} p.Testofumetto, li.Testofumetto, div.Testofumetto {mso-style-name:”Testo fumetto”; margin:0in; margin-bottom:.0001pt; mso-pagination:widow-orphan; font-size:8.0pt; font-family:Tahoma; mso-fareast-font-family:Calibri; mso-fareast-language:EN-US;} span.TestofumettoCarattere {mso-style-name:”Testo fumetto Carattere”; mso-ansi-font-size:8.0pt; mso-bidi-font-size:8.0pt; mso-ascii-font-family:Tahoma; mso-hansi-font-family:Tahoma; mso-bidi-font-family:Tahoma;} p.singlepostmeta, li.singlepostmeta, div.singlepostmeta {mso-style-name:singlepostmeta; margin-right:0in; mso-margin-top-alt:auto; mso-margin-bottom-alt:auto; margin-left:0in; mso-pagination:widow-orphan; font-size:12.0pt; font-family:”Times New Roman”; mso-fareast-font-family:”Times New Roman”;} span.apple-style-span {mso-style-name:apple-style-span;} span.boxocchiello2 {mso-style-name:boxocchiello2;} span.boxocchiello {mso-style-name:boxocchiello;} span.occhiello {mso-style-name:occhiello;} span.grey-l {mso-style-name:grey-l;} span.Titolo3Carattere {mso-style-name:”Titolo 3 Carattere”; mso-ascii-font-family:Cambria; mso-fareast-font-family:”Times New Roman”; mso-hansi-font-family:Cambria; mso-bidi-font-family:”Times New Roman”; color:#4F81BD; font-weight:bold;} span.Titolo4Carattere {mso-style-name:”Titolo 4 Carattere”; mso-ascii-font-family:Cambria; mso-fareast-font-family:”Times New Roman”; mso-hansi-font-family:Cambria; mso-bidi-font-family:”Times New Roman”; color:#4F81BD; font-weight:bold; font-style:italic;} span.nota {mso-style-name:nota;} span.printhtml {mso-style-name:print_html;} span.printmail {mso-style-name:print_mail;} @page Section1 {size:595.3pt 841.9pt; margin:70.85pt 56.7pt 56.7pt 56.7pt; mso-header-margin:35.4pt; mso-footer-margin:35.4pt; mso-paper-source:0;} div.Section1 {page:Section1;} /* List Definitions */ @list l0 {mso-list-id:85998787; mso-list-template-ids:-1782777104;} @list l0:level1 {mso-level-number-format:bullet; mso-level-text:; mso-level-tab-stop:.5in; mso-level-number-position:left; text-indent:-.25in; mso-ansi-font-size:10.0pt; font-family:Symbol;} @list l1 {mso-list-id:90705660; mso-list-template-ids:103159966;} @list l1:level1 {mso-level-number-format:bullet; mso-level-text:; mso-level-tab-stop:.5in; mso-level-number-position:left; text-indent:-.25in; mso-ansi-font-size:10.0pt; font-family:Symbol;} @list l2 {mso-list-id:506528500; mso-list-template-ids:-392269142;} @list l2:level1 {mso-level-number-format:bullet; mso-level-text:; mso-level-tab-stop:.5in; mso-level-number-position:left; text-indent:-.25in; mso-ansi-font-size:10.0pt; font-family:Symbol;} @list l3 {mso-list-id:686978539; mso-list-template-ids:-111120514;} @list l3:level1 {mso-level-number-format:bullet; mso-level-text:; mso-level-tab-stop:.5in; mso-level-number-position:left; text-indent:-.25in; mso-ansi-font-size:10.0pt; font-family:Wingdings;} @list l4 {mso-list-id:1102259022; mso-list-template-ids:1093989558;} @list l4:level1 {mso-level-number-format:bullet; mso-level-text:; mso-level-tab-stop:.5in; mso-level-number-position:left; text-indent:-.25in; mso-ansi-font-size:10.0pt; font-family:Symbol;} @list l5 {mso-list-id:1184323141; mso-list-template-ids:1000005906;} @list l5:level1 {mso-level-number-format:bullet; mso-level-text:; mso-level-tab-stop:.5in; mso-level-number-position:left; text-indent:-.25in; mso-ansi-font-size:10.0pt; font-family:Symbol;} @list l6 {mso-list-id:1215389971; mso-list-template-ids:-1075953670;} @list l6:level1 {mso-level-number-format:bullet; mso-level-text:; mso-level-tab-stop:.5in; mso-level-number-position:left; text-indent:-.25in; mso-ansi-font-size:10.0pt; font-family:Symbol;} @list l7 {mso-list-id:1450509361; mso-list-template-ids:-646803556;} @list l7:level1 {mso-level-number-format:bullet; mso-level-text:; mso-level-tab-stop:.5in; mso-level-number-position:left; text-indent:-.25in; mso-ansi-font-size:10.0pt; font-family:Symbol;} @list l8 {mso-list-id:1578394924; mso-list-template-ids:383009284;} @list l8:level1 {mso-level-number-format:bullet; mso-level-text:; mso-level-tab-stop:.5in; mso-level-number-position:left; text-indent:-.25in; mso-ansi-font-size:10.0pt; font-family:Symbol;} @list l9 {mso-list-id:1799639619; mso-list-template-ids:865254786;} @list l9:level1 {mso-level-number-format:bullet; mso-level-text:; mso-level-tab-stop:.5in; mso-level-number-position:left; text-indent:-.25in; mso-ansi-font-size:10.0pt; font-family:Symbol;} ol {margin-bottom:0in;} ul {margin-bottom:0in;} –>

http://www.ilgiornale.it/?SS_ID=-1

L'Onu a Gerusalemme: “Ora congelare le colonie” Netanyahu va da Obama.

Il Quartetto intima a Israele di congelare le attività di colonizzazione. Quattro i raid israeliani lanciati contro la Striscia di Gaza dopo l'attacco di ieri. Preso di mira un tunnel usato per il contrabbando

Gaza – Gerusalemme risponde al fuoco. Sono quattro i raid israeliani lanciati questa notte contro la Striscia di Gaza dopo l'attacco di ieri mattina con un razzo Qassam che, nel sud dello stato ebraico, ha ucciso un bracciante thailandese che lavorava in un kibbutz. Intanto il Quartetto per il Medio Oriente (Russia-Usa-Ue-Onu) riunito oggi a Mosca ha chiesto a Israele di congelare le attività di colonizzazione. E settimana prossima, con buona probabiltà, il premier israeliano, Benyamin Netanyahu, sarà ricevuto dal presidente americano, Barack Obama.

La risposta di Israele Fonti dei servizi di sicurezza locali e testimoni oculari hanno riferito che due attacchi sono stati portati contro uno spazio aperto nei pressi della cittadina di Khan Younis, nel sud della Striscia. In un altro raid è stato preso di mira un tunnel usato per il contrabbando al confine tra Gaza e Egitto. Nell'altro attacco è stata colpita un'officina metallurgica nei pressi della città di Gaza. Al momento non vengono segnalati né morti né feriti. Secondo quanto hanno riferito successivamente fonti palestinesi, due civili sono rimasti feriti nel raid portato contro un tunnel al confine con l'Egitto. Stando a vari testimoni, i tunnel colpiti sarebbero stati complessivmente tre, portando così a sei gli obbiettivi attaccati dagli aerei dello stato ebraico.

Le preoccupazioni del Quartetto Il Quartetto per il Medioriente esprime profonda preoccupazione per le tensioni a Gaza e chiede a Israele di interrompere la costruzione di tutti gli insediamenti. Da qui la speranza che i negoziati tra Palestinesi e israeliani si concludano entro due anni, dando concretezza almeno alla soluzione due popoli-due Stati: “Bisogna mettere fine all’occupazione cominciata nel 1967 e dare vita a uno Stato palestinese indipendente e democratico a fianco di Israele”. L’Autorità nazionale palestinese si felicita per la dichiarazione del Quartetto.

Netanyahu da Obama Non c’è ancora conferma in Israele a notizie diffuse dalle rete televisiva Fox News secondo cui il presidente americano, Barack Obama, riceverà il premier israeliano, Benyamin Netanyahu, durante una prossima visita di quest’ultimo negli Stati Uniti. Secondo Fox News, l’incontro avrà luogo martedì. Ma fonti vicine al premier, citate dalla radio militare, hanno replicato che ancora quel colloquio non è stato fissato. Netanyahu si recherà negli Stati Uniti per partecipare a un evento organizzato dalla lobby pro-israeliana Aipac. Secondo la stampa, cercherà di sfruttare al massimo la sua presenza a Washington per ridurre le tensioni createsi con gli Stati Uniti durante la visita del vicepresidente Joe Biden a Gerusalemme, quando sono stati resi progetti di espansione di un rione ebraico a Gerusalemme est.

 

http://www.tgcom.mediaset.it/

M.O.,Obama incontrerà Netanyahu

Crisi con Israele ormai alle spalle

Il presidente degli Stati Uniti, Barack Obama, riceverà lunedì alla Casa Bianca il premier israeliano, BenjaminNetanyahu. Il primo ministro sarà a Washington per partecipare al meeting annuale della lobby conservatrice dell'American Israel Pubblic Affairs Committee (Aipac). Con questa visita sembra essere definitivamente risolta lamini crisi tra i due Stati dopo l'annuncio di Israele di nuovi insediamenti a Gerusalemme Est.

 

 

 

http://iltempo.ilsole24ore.com/

Israele torna sotto attacco

Gaza lancia missili sullo Stato ebraico. Un morto in un kibbutz al confine con la Striscia. C'è il rischio di una terza Intifada: Tel Aviv obbligata a reagire.

Un razzo, sparato da Gaza, ha ucciso un contadino israeliano nel kibbutz di Netiv Hassera, dopo che i due razzi lanciati nella notte non hanno fatto vittime. Non è questa la prima vittima israeliana di questo feroce tipo di terrorismo praticato dai palestinesi di Gaza, ma la decima, mentre gli israeliani feriti nella zona di Ashkelon e Sderot, sono stati centinaia.

La novità è che si tratta della prima vittima israeliana dopo l'operazione “piombo Fuso”, l'invasione di Gaza da parte di Israele a cavallo tra 2008 e 2009 che -nonostante le ipocrite proteste internazionali- ha conseguito i suoi obbiettivi, e infatti da allora Hamas ha cessato i suoi lanci di razzi (così come è dimostrato che il Muro voluto da Sharon ha bloccato i kamikaze palestinesi e salvato decine di vite umane). Ma i razzi da Gaza di ieri non sono stati lanciati da Hamas, bensì da Ansar al Sunna, legato ad al Qaida, che ha deciso di affiancare l'irresponsabile decisione di Hamas di tentare di innescare una “terza Intifada”, prendendo a pretesto non già gli insediamenti israeliani (come riporta, con strafalcione voluto e strumentale, la stampa mondiale), ma motivi biecamente religiosi, così enucleati nella rivendicazione dei terroristi: «Questo è un attacco della Jihad in risposta all'aggressione dei sionisti contro la moschea di Al-Aqsa, la città Santa e la nostra popolazione di Gerusalemme».

Dunque, la strategia di Hamas fa presa su due versanti, su quello terroristico, come su quello «moderato», perché non contesta affatto i nuovi insediamenti, ma quelli vecchi, tutti quelli vecchi; Hamas considera infatti città, case e Stato degli ebrei in Israele una «offesa all'Islam» e ha il progetto strategico -assieme ad Ahmadinejad- di «cancellare Israele dalla terra di Palestina». Questo dato politico – ipocritamente occultato dalla stampa mondiale – emerge dalla motivazione vera -non quella riportata dai nostri media relativa ai nuovi insediamenti- che Hamas ha dato alla sua Giornata della Rabbia di tre giorni fa: «L'insulto portato all'Islam dal restauro della sinagoga di Hurva, a poche centinaia di metri in linea d'aria dalla Spianata del Tempio».

“Insulto”, purtroppo, condiviso dal leader dell'Islam politico moderato, Eklemeddin Ihsanoglu, segretario dell'Oci (che rappresenta i 55 stati islamici) che ha protestato contro questo restauro, minacciando una “guerra di religione”, sostenendo che la sinagoga sorge su un Waqf, possedimento islamico (ma è esattamente al centro del millenario quartiere ebraico di Gerusalemme). Usare il termine Waqf, sta a significare che anche gli islamici “moderati”, condividono la tesi di Hamas che vuole che Gerusalemme e tutta la Palestina siano un “lascito eterno (il senso della parola è “possedimento”) di Allah ai popoli dell'Islam, di cui nessun governo può disporre”.

Poco importa che la sinagoga Hurva sia stata costruita sotto governo islamico ottomano nel 1700, poco importa che lo stesso governo islamico ottomano ne abbia autorizzato la ricostruzione nel 1856 (la sinagoga fu poi distrutta nel corso della guerra del 1948). Il punto è che la motivazione religiosa chiude in un cerchio raccapricciante sia il tentativo di terza Intifada che il razzo che ha ucciso il contadino israeliano: tutta Israele è abusiva. Per questo predominante carattere religioso del conflitto, il politico laico Abu Mazen è così debole e così poco rappresentativo. Per questo rifiuto islamico, anche “moderato” della sua stessa esistenza, Israele è obbligato a imbracciare sempre le armi senza sicura.

 

http://notizie.virgilio.it/

M.O./ Venerdì di preghiera, polizia in allerta a Gerusalemme est

Gerusalemme, 19 mar. (Ap) – Resta numerosa e in stato d'allerta la forza di polizia israeliana dispiegata a Gerusalemme est, dove si temono nuovi disordini in occasione del venerdì di preghiera. Le autorità locali hanno confermato anche per questa mattina le restrizioni imposte all'accesso nei luoghi santi della Città vecchia.

Polizia israeliana e manifestanti palestinesi si sono confrontati ripetutamente nei giorni scorsi, durante le manifestazioni di protesta contro l'inaugurazione della sinagoga Hurva, uno dei luoghi di culto più importanti per gli ebrei in Palestina prima della creazione dello Stato d'Israele nel 1948, che è stata interamente ricostruita 62 anni dopo essere stata distrutta dai giordani in occasione della prima guerra arabo-israeliana.

 

M.o./ Pd: Governo sostenga sforzi Quartetto

Roma, 19 mar. (Apcom) – “Il governo Berlusconi sostenga gli sforzi del 'Quartetto' che oggi da Mosca chiede la sospensione di ulteriori insediamenti non solo in Cisgiordania ma anche a Gerusalemme Est e di riaprire l'accesso alla Striscia di Gaza”. Lo chiede il capogruppo del Pd nella commissione Esteri, Francesco Tempestini, il quale aggiunge che “le conclusioni dell'incontro tra Onu, Unione Europea, Stati Uniti e Russia mai come in questo momento sono di grande rilevanza per dare una svolta al conflitto mediorientale: l'Italia non deve stare a guardare”.

 

M.O./ Turchia, manifestazioni contro colonizzazione Gerusalemme

Ankara, 19 mar. (Ap) – Centinaia di persone si sono radunate a Istanbul e ad Ankara per protestare contro la colonizzazione israeliana a Gerusalemme Est: nella capitale i manifestanti si sono schierati davanti all'ambasciata dello Stato ebraico, mentre ad Istanbul inalberano un pallone gonfiabile che riproduce la moschea di Al Aqsa.

Le proteste sono state innescate dalla decisione israeliana di autorizzare la costruzione di 1.600 alloggi nei quartieri arabi della Città Santa e dalle voci di un possibile assalto di estremisti ebraici contro la moschea di Al Aqsa, terzo luogo santo dell'islam e costruita sul luogo dove sorgeva il Secondo tempio di Gerusalemme.

 

 

 

http://www.sabatoseraonline.it/home_ssol.php?site=1&l=it

 

19 marzo 2010 | 17:42

Medio Oriente: scontri tra soldati israeliani e palestinesi a Gerusalemme

Gerusalemme. Si segnalano scontri fra palestinesi e forze dell'esercito israeliano nella zona est della città e in Cisgiordania. I militanti palestinesi hanno lanciato sassi contro le forze di sicurezza poi si sono scagliati contro alcuni arredi urbani, dando fuoco a cassonetti della spazzatura, copertoni e ad una bandiera dello stato di Israele. L'ondata di violenza è stata scatenata dai controversi piani dello stato ebraico su nuove unità abitative da costruire a Gerusalemme e dalle voci sulle minacce alla Spianata delle moschee. L'esercito ha reagito con lanci di gas lacrimogeni e granate stordenti, ma non sono stati segnalati feriti gravi.

 

 

 

 

http://www.terranews.it/

La pace si fa a Damasco

DIPLOMAZIA. Il presidente Napolitano, durante la sua visita in Siria, ha espresso «preoccupazione per i nuovi insediamenti a Gerusalemme Est». Difficile riprendere i negoziati se Israele non restituisce il Golan.

«Siamo molto preoccupati per i nuovi insediamenti a Gerusalemme Est e per le conseguenze che possono scaturire». Con queste parole il presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, ieri ha abbandonato le questioni di politica interna per entrare nel vivo della sua visita a Damasco.  Stretta fra il Libano e la Turchia, la Siria non conta come Israele e non fa notizia come l’Iraq.  Cosa è andato a fare, quindi, Napolitano a Damasco?
 
Nella lunga visita di tre giorni che si concluderà oggi ad Aleppo il nostro Capo di Stato, accompagnato dal ministro degli Esteri Franco Frattini, non ha ribadito solo l’importanza del ruolo che ha l’unico Paese stabile (e non in guerra) nella faticosa costruzione della pace in Medio Oriente, ma ha voluto soprattutto rispondere a quella domanda crescente “di Italia” che negli ultimi dieci anni si è imposta nel Paese in piena trasformazione. In Siria serve più Italia nel mondo della moda, più Italia nelle forniture di materiali tecnici per l’agricoltura (da cui dipende un terzo del Pil), più Italia per condurre un numero potenzialmente infinito di scavi archeologici nel Paese degli assiri, dove fino a ora nessuno aveva mai pensato di prendere sul serio questa scienza dell’antico.
 
Dal canto suo l’Italia ha bisogno della Siria non solo per importare olio, petrolio e tessuti ma anche per non sparire completamente nel panorama diplomatico mondiale e dimostrare che conta qualcosa almeno nella mediazione con quei Paesi amici, ed è questo il caso.  L’Italia terrà per mano la Siria nella firma definitiva dell’accordo di partenariato euro-siriano tra Damasco e Bruxelles. Un’accordo, non solo commerciale,  tutt’altro che semplice viste le questioni aperte dall’Ue nei confronti dello stato di diritto (latente) nel Paese governato da Bashar Al Assad. Il giovane medico oculista, 44 anni, ha preso il potere dieci anni fa, subentrando alla morte del padre, il dittatore Hafez.
 
Da allora ha inaugurato una stagione di riforme (favorendo una maggiore alfabetizzazione, l’accesso ad internet e una leggera apertura ai partiti di opposizione). Di fatto però nulla è cambiato sotto l’aspetto delle politiche economiche e del lavoro, molte idee di Assad “il modernizzatore” sono state ostacolate dai vecchi colonnelli fedeli al suo defunto padre. L’unica vera grande novità è il potenziamento dell’amicizia con l’Iran e il peggioramento dei rapporti con l’Iraq, la cui leadership resta difficilmente identificabile. Sull’Iran, la cui aspirazione al nucleare civile viene più che legittimata da Damasco, l’Occidente e l’Italia in prima fila spera di poter persuadere Assad di far ragionare il suo omologo  Mahmud Ahmadinejad.
 
Ma la normalizzazione dell’area non si costruisce dall’oggi al domani, ne è pienamente consapevole il presidente Napolitano che con un’importante digressione storica, al termine dei colloqui con Assad, ha affermato che «è parte del processo di pace la restituzione dei territori del Golan» da parte di Israele alla Siria. Il Golan (una sorta di Toscana siriana) è la regione più ricca di acqua e vegetazione nel Paese prevalentemente desertico. Dal 1967, in piena violazione di una risoluzione dell’Onu, lo Stato sionista occupa le verdi alture in risposta a un infelice e suicida attacco militare arabo, meglio noto come la guerra dei sei giorni.  

 

 

 

 

http://italian.cri.cn/index.htm

MO: aperta la conferenza a quattro a Mosca

E' iniziata la mattina del 19 marzo a Mosca la Conferenza sul problema mediorientale, che coinvolge quattro parti, ovvero Russia, Stati Uniti, ONU e UE. I temi principali della conferenza sono l'eliminazione della crisi dei conflitti tra Palestina e Israele e il ripristino dei negoziati tra le due parti.Il Ministro degli Esteri russo, Sergei Lavrov, presente alla riunione, ha affermato che le varie parti partecipanti avanzeranno nuove proposte per risolvere l'attuale difficile quadro e per creare condizioni favorevoli al ripristino dei negoziati in Medio Oriente.

 

UE: visita di Catherine Aston nella striscia di Gaza

Il 18 marzo, l'alto rappresentante dell'UE per gli affari esteri e la politica di sicurezza, Catherine Aston, in visita nella striscia di Gaza, ha lanciato un appello affinché la parte palestinese e quella israeliana risolvano in modo pacifico il problema mediorientale.

Lo stesso giorno, la Aston ha fatto una breve visita nella striscia di Gaza, controllata dal movimento palestinese di Hamas. Accettando le interviste dei media locali, la Aston ha lanciato un appello, affinché le due parti promuovano quanto prima il processo di pace insieme alle parti interessate sul problema mediorientale.

 

http://www.asca.it/home.php

19-03-10

M.O.: RAID ISRAELIANI A GAZA, DUE PALESTINESI FERITI

 

 

 

(ASCA) – Roma, 19 mar – Due civili palestinesi feriti sono il bilancio della reazione israeliana al razzo sparato ieri da Gaza che ha ucciso un agricoltore. L'aviazione di Tel Aviv, riporta il sito del quotidiano Haaretz, ha colpito oggi almeno sei diversi obiettivi nella striscia di Gaza, fra i quali alcuni tunnel lungo la frontiera con l'Egitto, la zona di Khan Younis e una fonderia nei pressi di Gaza City.

 

 

 

 

http://www.ong.agimondo.it/home

M. O.: USA HANNO CONGELATO ASSET TV E BANCA DI HAMAS

(AGI/AFP) – Washington, 18 mar. – Gli Stati Uniti continuano a colpire Hamas. Il tesoro ha congelato le proprieta' della National Islamic Bak e della tv Al-Aqsa “controllata” dal movimento di resistenza islamico, sulla lista nera dei movimenti terroristici di Washington. L'iniziativa “congela ogni asset che la INB e della Al-Aqsa Television abiano sul suolo americano e vietano ad ogni cittadino statunitense di avere relazioni di affari con le due societa' ” (AGI) –

 

 

http://www.medarabnews.com/

Una crescita in cui la Palestina possa credere

http://www.medarabnews.com/wp-content/uploads/testate/105.gif

19/03/2010

La leadership palestinese di Ramallah sta diffondendo un grave equivoco. I mass media, le organizzazioni internazionali, i governi stranieri e i palestinesi in generale sono stati persuasi a credere che il fermento di attività economica che sta avendo luogo in Cisgiordania sia uno sviluppo economico tale da porre le basi per uno stato indipendente. La realtà dei fatti smentisce questa convinzione, proprio mentre Israele continua a gestire i vari pezzi che costituiscono l’economia del futuro stato palestinese in direzione di una stagnazione sistemica.

Riesco già a sentire le loro voci: “ma siate positivi”, “dobbiamo pur iniziare da qualche parte”, “stiamo agendo unilateralmente verso la costruzione di uno stato”, “ma abbiamo avuto una crescita del PIL pari al 7% l’anno scorso”, ecc. Essere positivi è una cosa, ma illudersi ed adeguarsi all’occupazione militare, che controlla ogni aspetto importante della nostra vita, soprattutto quelli economici, è inaccettabile.

Non metto in dubbio le buone intenzioni (ad eccezione di quelle della potenza occupante) di tutti gli attori economici coinvolti nella promozione di questo equivoco secondo il quale i palestinesi sarebbero sulla via di una rapida crescita economica.

La leadership palestinese ha molto poco – o nessun – capitale politico, quindi ci si aspetta che si concentri sulle attività economiche – cosa che, garantisco,  è molto diversa dallo sviluppo economico come base per costruire uno stato. Si aggiunga poi che alcuni attori chiave palestinesi, soprattutto il primo ministro Salam Fayyad, hanno già iniziato le loro campagne elettorali per le future potenziali elezioni presidenziali, e si può facilmente notare l’egocentrica esigenza dimostrata da costoro di partecipare, ogni giorno o due, ad una cerimonia di inaugurazione, con tanto di taglio del nastro.

Gli israeliani non potrebbero chiedere di meglio. Con lo slogan della “pace economica” del primo ministro israeliano, Israele è stata in grado di gettare fumo negli occhi al mondo, in quanto crea fatti irreversibili sul terreno, come ad esempio insediamenti illegali esclusivamente ebraici, e continua ad opprimere la società palestinese fino al punto che molti palestinesi stanno emigrando volontariamente – cosa che Israele non era riuscita a realizzare completamente, con la forza, nel corso di più avventure militari, in particolare nel 1948 e nel 1967. Questo lento ma costante esodo rappresenta lo svuotamento della Palestina del suo capitale umano, che è già fortemente impoverito a causa delle restrizioni imposte su di noi.

La comunità dei donatori, che continua a sostenere generosamente il governo palestinese a Ramallah, inoltre, non può essere biasimata per voler avere un quadro economico con il quale giustificare il suo costante sostegno finanziario all’Autorità Palestinese. Gli stati che stanziano questi fondi hanno avuto per decenni le mani legate, da un punto di vista politico, in attesa del prossimo segnale degli Stati Uniti. La cosa migliore per loro è rivendicare sviluppo e riforme istituzionali nel contesto di una pace economica. La missione di Tony Blair, inviato speciale del Quartetto, è esattamente questa: una missione economica e non politica, benché il Quartetto sia un “animale politico” (Stati Uniti, Russia, UE e ONU) che ha lo scopo ultimo di affrontare le questioni politiche fondamentali che ostacolano una seria risoluzione del conflitto.

Nemmeno le organizzazioni internazionali sono del tutto da biasimare. Possiedono solamente gli strumenti che solitamente usano per misurare le economie degli stati sovrani, come il PIL, il PNL e i tassi di crescita. Così, quando ci metto un’ora in più per raggiungere la mia destinazione perché Israele ha costruito una barriera di separazione illegale, o quando le strade in tutta la Cisgiordania non possono essere riparate a causa del divieto dei militari israeliani, provocando continui danni alla mia auto, si tratta di buone notizie per il PIL della Palestina, in quanto sto spendendo di più per la benzina e mi sono recato più frequentemente in officina. Detto questo, quasi tutti i report che emergono da queste organizzazioni specializzate, come la Banca Mondiale, rispecchiano la realtà più di altri. Questo può essere dimostrato da un paio di frasi dell’ultimo report della Banca Mondiale:

“Nel corso del tempo, tuttavia, l’apparato di controllo è gradualmente diventato più sofisticato ed efficace nella sua capacità di interferire ed influenzare ogni aspetto della vita palestinese, comprese le opportunità professionali, il lavoro, e i guadagni. Estensivo e stratificato, l’apparato di controllo comprende un sistema di permessi, ostacoli fisici come chiusure, strade ad accesso limitato, divieti di accedere a grandi aree della Cisgiordania e, più in particolare, la barriera di separazione. Essa ha trasformato la Cisgiordania in una frammentata serie di isole sociali ed economiche o enclavi separate l’una dall’altra”.

E potrei continuare.

Questi fatti avvengono alla luce del sole, per coloro che li vogliono scoprire. L’occupazione militare israeliana è viva e vegeta in ogni angolo di Gaza e della Cisgiordania, in particolare a Gerusalemme. Il 40% della nostra popolazione sotto l’occupazione a Gaza è volutamente strangolata. Il 60% della nostra popolazione totale – i rifugiati e i palestinesi della diaspora – non è nemmeno presente nella coscienza della maggior parte degli attori coinvolti.

Le attività economiche, in cui sono personalmente coinvolto (e di ciò sono fiero), stanno avendo luogo, e questo non dovrebbe essere una novità in sé e per sé. Inoltre, esse non dovrebbero essere scambiate necessariamente per sviluppo economico. Sì, i palestinesi si svegliano ogni mattina e vanno a lavorare proprio come il resto del mondo, nonostante le restrizioni economiche più opprimenti che abbiano mai affrontato.

Tuttavia, ancora non si trova da nessuna parte uno sviluppo economico ed una crescita in grado di costruire l’economia di un futuro stato. Come può essere? Il fatto è che tutti gli aspetti chiave di una vera economia sono saldamente nelle mani di Israele, la nostra potenza occupante. Israele, da sola, detiene le chiavi dell’accesso all’acqua, al movimento, al diritto di accesso, a tutti i confini, allo spazio aereo, all’elettricità, allo spettro elettromagnetico, solo per citarne alcuni. Un nuovo edificio a Ramallah, o cento, vanno bene per le cerimonie da “taglio del nastro”, ma c’è ancora molta strada da fare prima che si possa parlare di state building a livello economico.

Un amico israeliano mi ha indicato l’altro giorno un modo diverso di guardare le cose. Essendo positivo, sono disposto ad accettare la “pace economica” di Binyamin Netanyahu quando lui e il suo paese avranno veramente l’intenzione di liberare le risorse economiche della Palestina di cui hanno pieno controllo. In mancanza di ciò, noi palestinesi continueremo a raccogliere i pezzi della nostra vita fino a quando arriverà quell’inevitabile giorno della resa dei conti, e Israele dovrà guardarsi allo specchio ed accettare la realtà di ciò che troverà – uno stato di apartheid.

 

 

 

http://www.lastampa.it/

 

Khoudary: “Colleziono il passato
per dare a Gaza un futuro”
http://www.lastampa.it/common/images/pixel.gif

Mecenate palestinese appassionato 
di archeologia progetta un Museo 
Nazionale nella Striscia

Jawdat Khoudary interrompe spesso il discorso, gli occhi semichiusi. Quando le palpebre si risollevano, l’occhio brilla e la frase, finalmente matura, fonde in bocca: «La mia missione è mantenere la speranza che un futuro meraviglioso sia possibile a Gaza». Offre un mandarino del suo giardino, prende un’altra sigaretta, sprofonda il suo corpaccione nel divano e continua la storia della sua vita, la storia di Gaza. Ne è ispirato, letteralmente: le vetrinette di legno scuro del salotto orientale rigurgitano di oggetti che testimoniano la ricchezza del patrimonio sei volte millenario di Gaza, che lui da vent’anni ritrova e colleziona: «Siamo una città e una civiltà molto antiche, ma tutti gli occupanti – egiziani, turchi, britannici, israeliani, per non parlare dei più antichi – hanno saccheggiato la nostra eredità storica». 

A cinquant’anni Jawdat Khoudary è un uomo ricco – forse il primo impresario edile e appaltatore di lavori pubblici in Palestina – ma in lui c’è dell’altro: una passione febbrile per far risorgere dal passato lo splendore culturale della sua terra natia. «La mia più grande preoccupazione è che la nuova generazione è isolata, mentalmente e geograficamente, dal resto del mondo. Io devo aiutarla a ritrovare le sue radici». 

È un innamorato pazzo, un esteta e al tempo stesso un astuto uomo d’affari, con amici che colma di doni e dei quali sa servirsi. Anis Nacrour, un diplomatico francese, ex consigliere per la cooperazione culturale a Gerusalemme, lo conosce bene: «Jawdat è un mecenate che sa far fruttare la sua fortuna, lavora duro e assume rischi. Ha saputo costruirsi buone entrature con Hamas e con l’Autorità palestinese, con gli israeliani e con gli americani». E di buone relazioni occorre averne, quando lo scopo della vita è salvare il passato archeologico di un territorio alla deriva, governato con pugno di ferro da Hamas e strangolato economicamente da Israele. 

Tutto comincia nel 1986 con il ritrovamento, in mezzo ai calcinacci, di un medaglione omayyade che è diventato il suo talismano. Con un amico, Jawdat crea una società di ingegneria civile, la Saqq&Khoudary, oggi assai prospera. I cantieri si susseguono, il denaro arriva in fretta grazie ai contratti con il Programma delle Nazioni Unite per lo sviluppo e con l’Agenzia Internazionale di Sviluppo degli Stati Uniti (Usaid) di cui diventa, curiosamente, l’unico fornitore. 

Passeggiando lungo i viali del suo giardino lussureggiante, adorno di colonne romane e greche, capitelli, palmeti e limoneti, Khoudary racconta dei casuali ritrovamenti archeologici nei suoi cantieri edilizi. Anche il mare diventerà un’altra fonte inesauribile di vestigia, che i pescatori di Gaza tirano su nelle loro reti. Lui li incoraggia e la pesca alle anfore diventa miracolosa. 

Khoudary possiede ormai un tesoro di oggetti che risalgono all’epoca fenicia, assira, persiana, greca, romana, bizantina, islamica. Ma sarebbe rimasto un collezionista privato, di quelli che le sovrintendenze accusano di fare man bassa del patrimonio nazionale, senza un incontro. Che ebbe luogo nel 1996, a Gaza. Padre Jean-Baptiste Humbert, domenicano e archeologo, è professore alla Scuola Biblica di Gerusalemme. Nulla hanno in comune, il collezionista bulimico e lo scienziato erudito, tranne una passione: salvare quello che si può del patrimonio archeologico di Gaza. Dalla loro collaborazione nasceranno una mostra a Ginevra, nel 2007, e un Museo privato a Gaza l’anno dopo. 

La mostra ginevrina è stata un successo ma l’ambizioso progetto di creare un Museo Nazionale a Gaza è congelato: il blocco israeliano, le rivalità tra Hamas e Fatah, l’astio del Servizio antichità dell’Autorità palestinese impediscono il ritorno delle opere. La città di Ginevra ha accettato di custodirle fino a quando non ci saranno tutte le condizioni perché la statua di Afrodite di marmo bianco, il gioiello della collezione Khoudary, possa ritornare sulla sponda del Mediterraneo. Aspettando quel giorno, Jawdat si dedica ai suoi affari e al suo museo, dove i bambini di Gaza imparano l’orgoglio di essere gli eredi di una delle più ricche culture del bacino mediterraneo. 

Sulla riva del mare, a poca distanza dal campo profughi di Ash Shati e del confine con Israele, Al Math’haf (il museo, in arabo) fa parte di un complesso che comprende un ristorante panoramico e una sala conferenze. Tra qualche mese, grazie al cemento introdotto a caro prezzo lungo i tunnel del contrabbando scavati sotto la frontiera egiziana, un albergo di 36 stanze sarà pronto per accogliere una improbabile clientela… «A volte – dice pensoso Jawdat Khoudary – mi dico che sono pazzo a fare investimenti del genere, poi mi convinco che è una scommessa sul futuro di Gaza». La fortuna e una finezza tutta orientale nel trattare le persone l’hanno sempre aiutato. Ha davvero costruito una moschea per Hamas come prezzo per la sua libertà, come insinua un diplomatico britannico? È il volume dei suoi interessi finanziari in Palestina a spiegare la facilità con cui può entrare e uscire da Gaza? 

La Striscia è diventata un’immensa prigione a cielo aperto, dove un milione e 400 mila palestinesi vivono in condizioni spesso miserabili. «Jawdat Khoudary – nota Jean-Yves Marin, direttore del Museo di Arte e Storia della città di Ginevra – ha capito che la costruzione dell’identità di un popolo passa attraverso un museo». Jawdat Khoudary resta a Gaza con la moglie e il figlio più piccolo per inseguire il suo sogno e dimostrare che, nell’avversità, Gaza resta in piedi di fronte al mare. 

 

 

http://www.lastampa.it/common/images/pixel.gif

 

Israele ascolti la voce dell'America

http://www.lastampa.it/common/images/pixel.gif

 

http://www.lastampa.it/common/images/pixel.gif

 

 

 

 

 

http://www.lastampa.it/common/images/pixel.gif

 

Nel biblico Libro dei Proverbi, il libro della saggezza e dell'ottimismo (a differenza di quello dell'Ecclesiaste, pervaso da un senso di angoscia e di rassegnazione alla morte) c'è un versetto dai toni forti: «Chi risparmia la verga odia il suo figliuolo, ma chi l'ama, lo corregge per tempo» (Libro dei Proverbi, 13, 24). Il senso di queste parole è che chi evita di rimproverare o di punire i figli per le loro cattive azioni dà prova di non amarli veramente in quanto preferisce ignorare una condotta sbagliata per mantenere la pace in famiglia ed evitare uno scontro che potrebbe causare dolore a entrambe le parti. Ma un uomo che ama veramente il figlio non teme di riprenderlo, è pronto a punirlo e persino a pregiudicare temporaneamente il rapporto con lui pur di riportarlo sulla retta via. L’attuale crisi nelle relazioni fra il governo israeliano e quello americano intorno alla costruzione di un nuovo quartiere ebraico nella Gerusalemme Est è ai miei occhi una prova di vera amicizia da parte degli Stati Uniti nei confronti del suo piccolo protégé mediorientale. L'amministrazione di Barak Obama, in un raro esempio di fermezza morale, dice agli israeliani: basta con queste inutili costruzioni a Gerusalemme Est.

Il messaggio degli Usa è che le costruzioni non solo minano il processo di pace – importante per voi, per i palestinesi e per tutto il mondo arabo moderato -, ma sono estremamente nocive anche per voi israeliani nell'ottica dell'ideale che non perdete occasione di proclamare: mantenere il carattere ebraico e democratico di Israele. Continuando a insediarvi in territorio palestinese e a erigere nuovi insediamenti compromettete la possibilità di una separazione e di un confine concordato fra Israele e la Palestina. Perciò, in mancanza della prospettiva di un vicino accordo di pace, in un prossimo futuro dovrete concedere la cittadinanza israeliana a tutti i palestinesi che avete conglobato e questo inciderà sensibilmente sul carattere ebraico della vostra nazione. Oppure, in alternativa, sarete costretti a mantenere un regime di apartheid nei confronti dei palestinesi distruggendo così il sistema democratico israeliano. In un modo o nell'altro noi faremo pressione perché queste iniziative controproducenti, contrarie agli interessi da voi stessi proclamati, cessino. E questo non solo a favore del processo di pace e degli interessi americani nel mondo arabo ma per il vostro stesso bene e per quello dello Stato ebraico. 

Una simile posizione è nuova per gli Stati Uniti e se non resterà un mero proclama ma sarà seguita da una decisa pressione politica su Israele proverà al mondo intero che l'America è una vera amica dello Stato ebraico e ha a cuore non solo la sua sicurezza ma anche il suo futuro e i suoi veri ideali. I veri amici non si limitano a dispensare parole di lusinga e di adulazione ma sanno anche muovere rimproveri. Nella storia dei rapporti tra i popoli in epoca moderna un capitolo speciale sarà dedicato alle incredibili relazioni tra gli Stati Uniti e Israele. L'ex segretario di Stato Henry Kissinger li definì «profondamente emotivi, laddove gli interessi strategici comuni non sono che una patina esterna dallo scarso significato». Per la maggior parte dei cittadini statunitensi lo Stato di Israele non è solo un'espressione di riscatto e di consolazione per la Shoah degli ebrei durante la seconda guerra mondiale (una tragedia che gli Stati Uniti tardarono a capire e nella quale non intervenirono, specialmente negli Anni 30 quando profughi ebrei dalla Germania e dall'Europa in fuga dalle persecuzioni naziste bussarono inutilmente alle loro porte). Per molti cittadini statunitensi, soprattutto per i numerosi cristiani, lo Stato di Israele è la concretizzazione di un ideale religioso come lo fu per i primi abitanti degli Stati Uniti l'emigrazione in quel Paese, quando parvero voltare le spalle alla loro storia e alle loro origini europee per riconoscersi nel mito della cristianità e della Bibbia dando alle loro nuove città nomi di luoghi dell'antica terra biblica: Sion, Betlemme, Hebron ecc.

Anche il regime democratico israeliano è un elemento importante nell'amicizia tra Israele e gli Stati Uniti. Quando lo Stato ebraico fu fondato dopo la seconda guerra mondiale nel mondo vi erano solo una trentina di vere democrazie e la lotta ideologica per la supremazia e la moralità dei regimi democratici rispetto a quelli totalitari era importantissima agli occhi degli americani. Un Israele democratico che combatteva con successo per la sua sopravvivenza era quindi una prova rilevante e preziosa della validità dell'ideale democratico e giustificava l'ingerenza, motivata o meno, dell'America nel mondo.

I leader israeliani perciò, anziché sottolineare ancora una volta dinanzi agli americani l'importanza di un’alleanza strategico-militare con Israele, farebbero meglio a prestare ascolto al nuovo tono di fermezza morale con il quale si rivolgono a noi dicendo: se vi concentrerete sul vero ideale di un Israele democratico ed ebraico piuttosto che accanirvi inutilmente sulle poche terre rimaste in mano ai palestinesi, capirete che la nostra rabbia nasce da sentimenti di vero affetto e di amicizia. 

 

 

http://www.ilmanifesto.it/il-manifesto/


Palestina, doppia miccia

Difficile ogni equivoco, vista la rivendicazione del gruppo salafita «sconosciuto» Ansar al-Sunna, che rivendica legami con Al Qaeda, e che Hamas – impegnata ora a costruire un movimento contro l’occupazione, anche in Cisgiordania – combatte militarmente.
Nonostante questo però è probabile che l’avvenimento porterà a reazioni militari da parte d’Israele.
La vittima casuale del micidiale razzo è un immigrato thailandese. Una morte che sfortunatamente arriva a raccontare molto di più il presente di tanti annunci governativi. Perché, molto più dei grattacieli di Dubai, la Striscia di Gaza isolata e la Cisgiordania occupata militarmente e frazionata in una miriade di colonie ebraiche e attraversata dai muri di sicurezza e separazione, ma anche lo stesso Israele, insieme a parti consistenti dei paesi arabi, sono probabilmente oggi i luoghi simbolici della globalizzazione incompiuta. Questi territori, da centro esclusivo dei problemi e cuore della crisi internazionale, sono infatti diventati progressivamente la periferia immensa che nasconde il conflitto. E che lo cela sotto una coltre di micro-realtà, non ultima appunto la questione dell’immigrazione cresciuta di valore e peso economico e sociale a ridosso della non risoluzione della crisi mediorientale. Non a caso il governo israeliano sta erigendo il terzo muro di separazione proprio al confine con l’Egitto per fermare i migranti clandestini. Senza avere ancora spento la protesta palestinese. Siamo ad una doppia miccia.
Sullo sfondo, domina l’agenda la crisi dei rapporti tra Israele e Stati Uniti. Per la quale ieri Obama, nell’intervista alla Fox, ha voluto insistere che «di crisi non si tratta, l’America è indissolubilmente legata a Israele, è il suo migliore alleato: è un disaccordo, una lite in famiglia, anche con gli amici più intimi si discute». Alcuni la dipingono come un gioco delle parti, altri come un braccio di ferro. Sta di fatto che il «disagreement», la discrepanza, c’è e da almeno trenta anni non è mai stata così evidente. Resa ancor più chiara sia dalla denuncia di Hillary Clinton dell’umiliazione subita dal vicepresidente Usa Joe Biden, che si è visto sotto gli occhi annunciare dal ministro degli interni di Tel Aviv la costruzione di un mega-insediamento di 1.600 alloggi per coloni ebrei a Gerusalemme est, proprio nel momento in cui incontrava il governo israeliano sulla ripresa dei negoziati «indiretti» di pace. Sia dal rapporto ormai non più segreto del comandante in capo dello stato maggiore americano David Petraeus che ha denunciato come il comportamento conflittuale con i palestinesi dell’attuale governo israeliano, metta a repentaglio la sicurezza dei militari americani e la strategia Usa nell’area. Volta al disimpegno armato dall’Iraq e alla prosecuzione della guerra in Afghanistan che la Casa bianca vede comunque a termine. È un disaccordo pesante, una miccia accesa contro la pace. 
Perché il nodo non è che gli Stati uniti stanno rompendo con Israele, ma il contrario: è Israele, forte delle troppe impunità internazionali, a rompere con gli Usa. E non basta. Il governo di Netanyahu, a partire dalla forzatura pericolosissima degli insediamenti – «altri 50mila alloggi pronti a Gerusalemme est», denuncia Haaret’z – preme infatti per una prova di forza sul nucleare iraniano. Il messaggio è quello di una prossima guerra. A meno che non ci salvino le periferie con una nuova intifada, anche sociale.

 

 

 

http://www.tiscali.it/

Fawzi: “A Israele della pace non frega niente, a Gerusalemme Est pulizia etnica”

I nuovi insediamenti nei territori palestinesi, l'rritazione dell'alleato americano, l'embargo che da due anni perdura su Gaza: sintomi “evidenti” che “Israele la pace non la vuole proprio”. Ismail Fawzi, figlio di profughi palestinesi rifugiatisi in Giordania dopo l'occupazione nel 1967 dei territori a Nord di Gerusalemme, porta cucita addosso la rabbia di chi ha dovuto scegliere una vita lontano dalla sua terra. “Magari potessi tornare in Palestina – dice – mio padre lì ha ancora la casa e la terra”. Medico radiologo, residente a Cagliari da più di vent'anni, Fawzi è uno dei più attivi animatori dell'associazione Sardegna-Palestina che da anni porta avanti un difficile lavoro culturale di sensibilizzazione alla causa mediorientale.

Fawzi, vita in Italia ma con il cuore in Palestina.
“Sì, sono arrivato qui per studiare all'università e poi sono rimasto. I miei genitori e i miei fratelli vivono in Giordania. Ma non sono soli: lì ci sono 5 milioni di profughi palestinesi cacciati dalla loro terra”.

Il diritto al ritorno dei palestinesi nelle loro terre: uno dei punti contesi.
“Esatto, come si può impedire ai palestinesi di ritornare a casa loro? Qualunque accordo di pace non può prescindere da questo”.

A proposito di processo di pace, a Gerusalemme Est è salita la tensione: i palestinesi ricominciano a lanciare pietre.
“Io spero che sia l'inizio di una nuova Intifada, perché a Gerusalemme Est come in Cisgiordania e a Gaza la gente non ce la fa più a sostenere questa politica aggressiva e inumana che il governo israeliano sta portando avanti. Non dimentichiamo che i territori che i palestinesi rivendicano, compreso Gerusalemme Est, sono territori occupati e riconosciuti come tali dalla comunità internazionale”.

Il premier israeliano Netanyahu annunciando 1600 nuovi alloggi ha voluto provocare?
“No, non è una provocazione perché quella degli insediamenti è una politica sistematica dei governi israeliani che si sono succeduti fino ad oggi. Penso che sia in atto e non da oggi una politica di pulizia etnica a Gerusalemme: Israele sta cercando di svuotare la città dai suoi abitanti palestinesi per fare in modo che alla fine rimangano solo gli ebrei. Sennò mi devono spiegare perché negli ultimi mesi hanno distrutto decine e decine di case senza nessun motivo.

Distruzione di case per costringere la gente ad andare via?
“Esatto. Un’operazione cominciata nel '67 – 42 anni – fa quando hanno demolito un quartiere intero della città, chiamato il quartiere dei Marocchini. Un quartiere antichissimo, risalente ai tempi delle crociate. Da lì in poi è stato tutto un crescendo. Stanno cambiando non solo la fisionomia della città, ma anche lasua demografia in barba alle risoluzioni delle Nazioni Unite, della Comunità europea e, ultimamente, anche dando uno schiaffo alla amministrazione americana di Obama”.

Obama appunto. Gli Usa non hanno gradito, anche se poi si sono affrettati a smentire dissapori con Israele.
“Non mi meraviglia, perché le proteste statunitensi nei confronti di Israele sono sempre state di facciata, fatte per tenersi buoni i Paesi arabi moderati. Non dimentichiamo che dietro i nuovi insediamenti a Gerusalemme Est ci sono molte società americane che lì fanno affari. Il fatto è che gli Usa oggi non sono in grado di fare pressione su Israele. Quello che vorrebbero è che Israele stesse calmo per non rendere il clima ancora più teso, non solo in Palestina, ma nell’intera area mediorientale. Vorrebbero che la situazione, visti gli interessi in Iraq o in Afghanistan, non si complichi ulteriormente”.

Il presidente Napolitano in visita in Siria ha condannato la politica israeliana degli insediamenti e ha lanciato un appello per la popolazione di Gaza.
“Sì infatti, una condanna importante anche se timida. Quello che è successo a Gerusalemme Est nei giorni scorsi è quello che in realtà succede sempre. Certo dopo le parole di Natanyahu la risposta è stata più massiccia perché la posta in gioco è maggiore: si concretizza il progetto di liberare Gerusalemme Est dai palestinesi. E poi nei piani israeliani c’è anche la distruzione della moschea di Al Aqsa per costruire un tempio ebraico, senza che ci sia nessuna prova storica o scientifica che quello sia veramente un luogo sacro. Ma mi sembra che si possa anche prescindere da questo”.

Resta il fatto che Israele si era impegnato a non andare avanti con le costruzioni a Gerusalemme Est.
“Certo, ma non solo lì anche nel resto dei territori occupati come nella Cisgiordania. Israele continua a confiscare le terre dei palestinesi e a costruire nuovi insediamenti fregandosene di ogni impegno preso”.

Israele comunque sta portando avanti una politica “muscolosa”. E’ in rotta con il suo alleato nell'area, la Turchia, e adesso sfida gli Stati Uniti.
“Credo che la Turchia già da un po’ di tempo stia cercando di sganciarsi dall’alleato israeliano, la loro è un’alleanza militare strategica. Erdogan a Londra, parlando dell’Iran, ha detto che del resto anche Israele ha quattrocento testate nucleari e nessuno gli chiede né di fare un controllo, né una verifica: parole sono molto significative che danno la misura dell’allontamento della Turchia da Israele e dell’avvicinamento alla Siria e all’Iran. Questo crea una sorta di isolamento di Israele che, penso io, dovrebbe indurlo in qualche modo a cercare la via della pace con la Palestina”.

Invece?
“Loro vanno allo scontro totale mettendo in campo una politica aggressiva e irresponsabile. Con quello che sta facendo questo governo di estrema destra con l’appoggio di tutta la nomenclatura politica, c’è il rischio di un'ulteriore destabilizzazione dell’intera area ed è per questo che Usa ed Europa provano, timidissimamente per la verità, a spingere Israele verso il dialogo. A Israele ovviamente non gliene frega niente perché è forte delle sue lobby sia in America che in Europa. Continenti che a loro volta hanno sopra la testa la spada di Damocle dell’accusa di antisemitismo. I politici europei hanno paura a criticare Israele anche se non sono d’accordo con una politica che mina i rapporti tra il mondo arabo e l’Europa. Un'Europa che, tra l'altro, sostiene israele anche militarmente”.

Però è importante provarci: come si arriva ad un processo di pace?
“Siamo lontani anni luce e ci allontaniamo sempre di più. Le faccio un esempio banalissimo: i leader arabi cosiddetti moderati filo-americani, compreso il leader palestinese Abu Mazen, si stanno puntando a dire no alle trattative se Israele non interrompe subito le costruzioni. Si è capito cioè che Israele non ha nessuna intenzione di fare la pace perché con la costruzione del muro, il massacro a Gaza dell'anno scorso e l'embargo che affama da due anni la popolazione nella Striscia si è detto tutto. Un milione e mezzo di palestinesi, quasi la metà sono bambini, che vive praticamente recluso a Gaza. Attraverso la frontiera non passano nemmeno le medicine o gli aiuti alimentari dell'Onu”.

Il leader dell'Anp, Abu Mazen, appare impotente. 
“Attenzione che Abu Mazen nonostante sia moderatissimo e cerca in tutti i modi di ottenere qualcosa, ottiene solo uno schiaffo dietro l'altro. E così l'Egitto e gli altri Paesi moderati: tutti sono convinti che Israele non sia disponibile a trovare una via di mezzo e l'unica cosa che fanno è cercare di liquidare la questione palestinese con la loro arroganza.

Abu Mazen “moderato” e Hamas che muove le folle. I razzi sulle colonie non ostacolano il processo di pace?
“Quello è un tentativo di ribellione e difesa direi tutto sommato innocuo, rispetto alle forze israeliane in campo. E' un modo per dire che ci siamo anche noi. Senza i razzi, nessuno parlerebbe della Palestina e dell'occupazione che subisce da decenni. Quando cesserà l'occupazione cesseranno i razzi, mi sembra chiaro che si tratta di un tentativo disperato di rispondere ad un'aggressione. Senza parlare del fatto che si tratta di ordigni rudimentali di bassa potenzialità. Ma dalla fine della guerra a Gaza, cioè un anno, dalla Strisica non è stato sparato nessun razzo, eppure l'embargo non cessa. E poi si parla di un razzo e non si parla delle centinaia di case distrutte, delle famiglie in mezzo ad una strada, degli arresti, delle incursioni quotidiane dei militari israeliani, della fame e delle malattie. I palestinesi hanno il diritto di resistere: è un diritto dovuto a tutti i popoli oppressi che subiscono un'occupazione”.

 

Israele e Palestina, il muro della pace impossibile: opinioni a confronto

L'ultima provocazione all'indirizzo palestinese – dopo la passeggiata di Sharon sulla Spianata delle moschee nel 2000 – o il tentativo di affermare un diritto acquisito? Non è chiaro perché il governo israeliano guidato da Netanyahu abbia deciso di andare avanti sulla politica degli insediamenti a Gerusalemme Est, quella porzione della “città santa” rivendicata dai palestinesi come loro capitale. Ottenendo da una parte la reazione di Hamas, che ha chiamato i palestinesi alla protesta nel “giorno della collera”, e dall'altra la reazione stizzita di Barak Obama (salvo poi gettare acqua sul fuoco). Il timore del presidente Usa, preoccupato che i suoi sforzi per riaprire il tavolo dei negoziati vadano a vuoto, fa il paio con quello del presidente Giorgio Napolitano, che proprio giovedì ha espresso “preoccupazione” per la politica degli insediamenti.

La domanda è se un cammino di pace sia ancora possibile. Secondo il medico palestinese, Ismail Fawzi, profugo con la famiglia in Giordania, e oggi residente a Cagliari, “a Israele della pace non frega niente”, lo dimostra, sostiene, “la pulizia etnica che da anni è in corso a Gerusalemme Est” (Leggi l'intervista). Opinione ben diversa da quella di Fiamma Nirenstein, già giornalista della Stampa e oggi del Giornale, deputata del Pdl, toscana di famiglia ebrea e con una vita a metà tra Roma e Gerusalemme. Ecco la sua chiave di lettura.

Nirenstein, la mossa di Netanyahu infiamma gli animi palestinesi. Sembra l'anticamera di una nuova Intifada. 
“Non credo che sia l'anticamera di una nuova Intifada per un motivo strutturale: nei Territori palestinesi, non dove regna Hamas, ma nel West Bank dove regna Al Fatah c'è stato un grande progresso economico e quindi la gente ha qualcosa di più da difendere e qualcosa a cui tenere. Anche se con il tema della moschea di Al Aqsa, già sollevato parecchie volte e pretestuoso, gli integralisti islamici cercano di sollevare la rabbia dei palestinesi sostenendo che gli israeliani vogliono occupare e distruggere il tempio islamico, pura fantasia”.

Però le 1600 abitazioni da costruire oltre il confine stabilito nel ‘67 è cosa più concreta.
“Nella guerra del '67 Israele prese l'intera Gerusalemme. La prima cosa che fece fu restituire la moschea alla gestione del potere musulmano che al tempo era soprattutto quello giordano, non quello palestinese che ha preso il sopravvento più avanti. Gerusalemme, contrariamente a quello che dicono le fantasie popolari, non è mai stata la capitale palestinese, e non è mai stata abitata soltanto da palestinesi. A Gerusalemme c'è sempre stata una maggioranza ebraica e questa maggioranza ebraica ha sempre avuto sede anche a Gerusalemme Est”.

I nuovi insediamenti sanno un po' di provocazione.
“Senta, questa cosa di chiamare 'insediamenti' le costruzioni a Gerusalemme Est è un’invenzione lessicale che ha a che fare con l’idea di chiamare che so ‘Israele stato di apartheid’ o il recinto di sicurezza ‘muro di divisione’ cioè ci sono tutta una serie di parole malate di cui la parola 'insediamenti' fa senz’altro parte perché usata in maniera sregolata e priva di base conoscitiva. Il quartiere di Ramat Shlomo si trova nella no man’s land (terra di nessuno ndr) cioè quella che era la terra di confine tra la dominazione giordana e la parte ebraica, circondata da quartieri ebraici. Questa parte della città è sempre stata abitata da ebrei, se non quando venivano passati a fil di spada, come è sempre avvenuto, ammazzati, fatti a pezzi. Sia i giordani che gli altri paesi arabi, palestinesi compresi, si sono sempre coalizzati contro questa presenza”.

Infatti è tempo di superare questi contrasti. E allora perché violare l'accordo di non costruire a Gerusalemme Est, una delle pre-condizioni per parlare di pace?
“Ma quella zona è tutta circondata di insediamenti ebraici. Quando Netanyahu sette o otto mesi fa ha fatto l’accordo di congelare le costruzioni negli insediamenti parlava degli insediamenti del West Bank e specificò subito che si sarebbe continuato a costruire dentro Gerusalemme. Perché creare dei luoghi di apartheid da cui gli ebrei sono esclusi non è possibile dallo Stato di Israele”.

E allora quali le soluzioni politiche dal suo punto di vista?
“Qui non c’è un punto di vista, si tratta di conoscere o di non conoscere questa faccenda. E tanto è vero che la cosa più probante è che Obama è tornato indietro. Ha detto che non voleva, si è scusato”.

Obama ha corretto il tiro, ma solo qualche ora prima era imbufalito per la sortita di Netanyahu.
“Guardi che tutti i commentatori, compreso il Washington Post, hanno scritto oggi quello che io ho scritto ieri. Il problema di costruire dentro gli insediamenti, non fuori ma dentro gli insediamenti del West Bank, non è mai stato sollevato né durante le trattative di Oslo né durante le trattative tra Olmert e Abu Mazen. Una questione che non è mai esistita. Le trattative non erano mai state inficiate, altra cosa sarebbe stata costruire fuori, lì si sarebbero violate norme internazionali. Mi spiego, ad un certo punto Obama ha detto: bisogna smettere di costruire, Israele ha accettato e ha fatto una moratoria di dieci mesi. Netanyahu però non ha mai detto che non avrebbe costruito nella West Bank e infatti non ha fatto niente di strano. Poi secondo me ha sbagliato il ministro delle costruzioni, durante la visita di Biden, a vantarsi del fatto che avrebbe continuato a costruire”.

Però queste azioni scoraggiano il processo di pace: i palestinesi rivendicano la sovranità su Gerusalemme Est e la considerano la loro capitale.
“Ma guardi che qui nessuno ha preso una posizione strana, stanno costruendo laddove si stava già costruendo. E poi non c’è nessun punto conteso, quando si siederanno ad un tavolo prenderanno delle decisioni. Per ora Gerusalemme è e resterà la capitale di Israele, solo in un tavolo queste cose si possono affrontare”.

La censura di Obama allora come si spiega?
“E' vero, Obama ha censurato l'operato di Israele. Ma avrebbe avuto ragione se avesse censurato la costruzione all’interno della West Bank, su Gerusalemme non ha ragione perché non c’era nessun impegno in tal senso. E poi chi conosce Gerusalemme sa che non si può impedire né agli israeliani né ai palestinesi di costruire né da una parte, né dall’altra. A Gerusalemme Est c’è la cosiddetta “mezzaluna”, una porzione di territorio dove gli arabi hanno costruito all’impazzata e nessuno gli ha detto niente. La crescita demografica richiede nuove costruzioni sia da una parte che dall’altra. Quindi io capisco la posizione di Obama, che si preoccupa che non si crei una situazione precondizionata rispetto ad una suddivisione nel futuro, ma non si può far finta che questa suddivisione sia già avvenuta”.

La sortita di Israele non sarà piuttosto una ritorsione nei confronti dell'alleato Usa per il discorso al Cairo nel 2009 dove parlò di due Stati sovrani?
“No, lei legge la storia in una maniera rovesciata”.

Ci dia lei una lettura dei fatti allora.
“Se l’avessi fatta io la domanda l’avrei fatta così: non c’è un po’ la prosecuzione della politica della mano tesa nei confronti degli arabi che è cominciata con quel discorso, fatto in ginocchio, che è proseguita con il discorso del Cairo e poi la politica della mano tesa nei confronti dell’Iran che intanto se la ride allegramente e continua a costruire la bomba atomica? La risposta è che Obama sa che questo prendere posizione contro Israele suscita immediata adesione nel mondo arabo e la carta anti-israeliana è la carta migliore che può essere giocata perché in questo senso suscita simpatia”.

Obama cerca la via diplomatica anche per arginare le velleità diplomatiche dell’Iran.
“Non mi pare che la politica di Obama in questo senso sia efficace. Sono convinta che gli Usa siano contro la bomba atomica dell’Iran, ma d’altra parte per farlo ci vuole una presa di posizione forte e francamente la politica Usa fino ad ora non si è dimostrata seria. Il Consiglio di sicurezza dell’Onu è contrario alle sanzioni e si torna alla formula del 5 più uno per prendere una decisione difficilissima. Ma voglio chiarire un altro concetto”.

Dica pure.
“Se ci si limita a vedere come uno sgarro rispetto al processo di pace la politica di Israele e ci si dimentica che nelle scuole palestinesi di Hamas e Fatah si insegna la geografia senza che compaia Israele e che si glorificano i martiri che in realtà sono i peggio dei terroristi. O si pensi alle gesta di Hamas che lancia missili sulle colonie vicine. Lei capisce bene che prima di un accordo non ci si può ritirare, prima si faccia l’accordo poi si vedrà. E si verifichi però che le zone da cui ci si ritira non diventino delle rampe di lancio da cui lanciare missili o mandare terroristi suicidi: nel 2005-06 tutta Gerusalemme è saltata per aria”.

In finale, Nirenstein, come si riavvia secondo lei il processo di pace?
“Le dò una sintesi: fino ad ora c'è stata un’esagerazione rispetto allo stato dei fatti. Israele è stato colpito duramente, per questo c'è preoccupazione. Ci vuole cautela e Obama dovrebbe chiedere garanzie anche ai palestinesi. Tutto poi deve passare attraverso un tavolo nel quale riprendere in mano i trattati, si sa già cosa può essere concesso o scambiato. I palestinesi devono rinunciare alla volontà di cacciare Israele e farlo. Contemporaneamente Israele deve cedere su quelle che Netanyahu ha definito ‘dolorose concessioni’”.

 

 

 

 

 

http://www.digayproject.org/

 

VIA DALLA GUERRA: 19 MARZO MANIFESTAZIONE DAVANTI AL PARLAMENTO

Nell’anniversario dell’invasione dell’Iraq sette anni fa,oggi venerdì 19 marzo, dalle ore 17 alle 19, si terrà una manifestazione a Roma davanti al Parlamentoper il ritiro delle truppe occupanti dall’Afghanistan e dall’Iraq, per uno stop contro i preparativi di guerra contro l’Iran e per la fine della repressione del popolo palestinese, da parte delle truppe israeliane, e del popolo curdo da parte delle truppe turche. 
Intitolato “Non in nostro nome”, il sit-in di piazza di Montecitorio è stato organizzato da Statunitensi per la pace e la giustizia (www.peaceandjustice.it), da Forum Palestina (www.forumpalestina.org) e da una decina di partiti e di associazioni italiane, tra cui la Federazione della Sinistra, Sinistra Critica, Un ponte per… e le reti Disarmiamoli e Semprecontrolaguerra. 
Si tiene in solidarietà con la prima grande protesta contro la guerra nell’era Obama, che si terrà l’indomani, 20 marzo, a Washington e contemporaneamente in altre città americane – incluse Chicago, Los Angeles e San Francisco (www.march20.org). 
Il tema del “ritiro delle truppe occupanti” include la richiesta di ritiro completo delle truppe americane dall’Iraq (il piano Obama, come annunciato, non prevede il ritiro dei contractor o di tutte le truppe stazionate fuori città), il ritiro delle truppe israeliane da Gerusalemme Est e dalle altre città della Cisgiordania, la fine dell’embargo contro i palestinesi di Gaza, durato ormai quattro anni, e la fine della repressione dei Kurdi in Turchia, che in questi giorni ha conosciuto un’impennata. 
Lo slogan “Non nel nostro nome”, titolo di un celebre documento stilato nel 2002 da un gruppo di intellettuali americani per protestare contro l’invio delle truppe USA in Afghanistan e per scongiurare l’imminente invasione dell’Iraq, è stato scelto per il sit-in di Roma per condannare in particolare i pronunciamenti del primo ministro italiano durante il suo recente viaggio in Israele. 
“Berlusconi ha infatti non solo giustificato i massacri indiscriminati contro i palestinesi di Gaza, ma ha difeso l’idea razzista di Israele quale stato puramente ebraico, con la sostanziale esclusione della popolazione araba dal godimento dei diritti politici,” recita un documento – analogo a quello americano – firmato in questi giorni da un gruppo di intellettuali italiani per scongiurare un’invasione dell’Iran (www.disarmiamoli.org). 
“Ha assicurato agli israeliani che l’Italia interromperà le relazioni economiche con l’Iran e sosterrà in ogni sede la richiesta di durissime sanzioni. In altre parole Berlusconi ha dato man forte ai falchi israeliani” e ciò facendo, conclude il documento, non parla in nome del popolo italiano. 
“Neppure Obama parla in nome del popolo americano – aggiungono gli statunitensi del Comitato Organizzatore – quando, disonorando il suo premio Nobel, invia altri 30.000 soldati in Afghanistan”.

 

 

 

 

http://www.vivienna.it/

Sport ennese in scena per bambini della Bosnia e Palestina

.Anche nel 2010 in 53 palasport di tutta Italia gli atleti Uisp, Unione Italiana Sport per Tutti, daranno vita a coloratissime esibizioni di danza, ginnastica, arti marziali, calcio.Domenica 21 marzo “Giocagin, divertimento in movimento”, una delle storiche manifestazioni dell’ente di promozione sportiva più grande d’Italia, approda al palasport di Enna Bassa, promossa dal comitato provinciale Uisp di Enna e organizzata da Donato Zaffora, responsabile delle attività danza e ginnastica Uisp. Per tutto il giorno, una maratona dello sport andrà in scena allo scopo di raccogliere fondi destinati ai progetti “Giochi in Rete” della Ong dell’Uisp Peace Games(www.peacegamesuisp.org)  e “Ricostruiamo l’infanzia” dell’Unicef, (www.unicef.it) per aiutare e proteggere rispettivamente i bambini della Bosnia Herzegovina e della Palestina. Un’altra occasione per dimostrare il grande sodalizio tra sport e solidarietà, un’altra occasione per vivere insieme una giornata di sport e divertimento. Bambini, ragazzi e atleti di tutte le età, impegnati in attività per tutti e a misura di ciascuno: ginnastica artistica, ritmica, danza fino alle più innovative performance di break-dance, hip-hop.

Sono 180 gli atleti di 14 società sportive del territorio provinciale che hanno aderito. Si inizierà alle ore 9,00 con un triangolare di calcio a cinque femminile, poi un triangolare di calcio a 5 giovanile. Dalle 16,30 via alle esibizioni più di 120 atleti, tra i quali il gruppo “Anziani in movimento Uisp”, i ragazzi del Csr di Enna. Per sostenere Giocagin e seguire la manifestazione dagli spalti si sottoscriveràun contributo minimo di 2 euro.  La manifestazione gode dell’adesione del Presidente della Repubblica e dei patrocini della Presidenza del Consiglio dei Ministri,  del Ministero del lavoro, salute e politiche sociali, del Ministro della gioventù. Giocagin 2010 è sostenuto anche da Monte dei Paschi di Siena, UC Sport e Sicurezza, Gruppo Carige e Carige Assicurazioni, aziende sensibili ad iniziative di carattere sociale.

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.