Rassegna stampa del 24 marzo.

Rassegna stampa del 24 marzo.

A cura di Chiara Purgato.

<!– /* Font Definitions */ @font-face {font-family:Wingdings; panose-1:5 0 0 0 0 0 0 0 0 0; mso-font-charset:2; mso-generic-font-family:auto; mso-font-pitch:variable; mso-font-signature:0 268435456 0 0 -2147483648 0;} @font-face {font-family:Tahoma; panose-1:2 11 6 4 3 5 4 4 2 4; mso-font-charset:0; mso-generic-font-family:swiss; mso-font-pitch:variable; mso-font-signature:1627421319 -2147483648 8 0 66047 0;} @font-face {font-family:Cambria; mso-font-alt:”Palatino Linotype”; mso-font-charset:0; mso-generic-font-family:roman; mso-font-pitch:variable; mso-font-signature:-1610611985 1073741899 0 0 159 0;} @font-face {font-family:Calibri; mso-font-alt:”Century Gothic”; mso-font-charset:0; mso-generic-font-family:swiss; mso-font-pitch:variable; mso-font-signature:-1610611985 1073750139 0 0 159 0;} /* Style Definitions */ p.MsoNormal, li.MsoNormal, div.MsoNormal {mso-style-parent:””; margin-top:0in; margin-right:0in; margin-bottom:10.0pt; margin-left:0in; line-height:115%; mso-pagination:widow-orphan; font-size:11.0pt; font-family:Calibri; mso-fareast-font-family:Calibri; mso-bidi-font-family:Arial; mso-fareast-language:EN-US;} h1 {mso-style-next:Normale; margin-top:24.0pt; margin-right:0in; margin-bottom:0in; margin-left:0in; margin-bottom:.0001pt; line-height:115%; mso-pagination:widow-orphan lines-together; page-break-after:avoid; mso-outline-level:1; font-size:14.0pt; font-family:Cambria; mso-fareast-font-family:”Times New Roman”; mso-bidi-font-family:”Times New Roman”; color:#365F91; mso-font-kerning:0pt; mso-fareast-language:EN-US; font-weight:bold;} h2 {margin-right:0in; mso-margin-top-alt:auto; mso-margin-bottom-alt:auto; margin-left:0in; mso-pagination:widow-orphan; mso-outline-level:2; font-size:18.0pt; font-family:”Times New Roman”; mso-fareast-font-family:”Times New Roman”; font-weight:bold;} h3 {mso-style-next:Normale; margin-top:10.0pt; margin-right:0in; margin-bottom:0in; margin-left:0in; margin-bottom:.0001pt; line-height:115%; mso-pagination:widow-orphan lines-together; page-break-after:avoid; mso-outline-level:3; font-size:11.0pt; font-family:Cambria; mso-fareast-font-family:”Times New Roman”; mso-bidi-font-family:”Times New Roman”; color:#4F81BD; mso-fareast-language:EN-US; font-weight:bold;} a:link, span.MsoHyperlink {color:blue; text-decoration:underline; text-underline:single;} a:visited, span.MsoHyperlinkFollowed {color:purple; text-decoration:underline; text-underline:single;} p {margin-right:0in; mso-margin-top-alt:auto; mso-margin-bottom-alt:auto; margin-left:0in; mso-pagination:widow-orphan; font-size:12.0pt; font-family:”Times New Roman”; mso-fareast-font-family:”Times New Roman”;} span.Titolo2Carattere {mso-style-name:”Titolo 2 Carattere”; mso-ansi-font-size:18.0pt; mso-bidi-font-size:18.0pt; mso-ascii-font-family:”Times New Roman”; mso-fareast-font-family:”Times New Roman”; mso-hansi-font-family:”Times New Roman”; mso-bidi-font-family:”Times New Roman”; mso-fareast-language:IT; font-weight:bold;} span.apple-converted-space {mso-style-name:apple-converted-space;} span.apple-style-span {mso-style-name:apple-style-span;} p.Testofumetto, li.Testofumetto, div.Testofumetto {mso-style-name:”Testo fumetto”; margin:0in; margin-bottom:.0001pt; mso-pagination:widow-orphan; font-size:8.0pt; font-family:Tahoma; mso-fareast-font-family:Calibri; mso-fareast-language:EN-US;} span.TestofumettoCarattere {mso-style-name:”Testo fumetto Carattere”; mso-ansi-font-size:8.0pt; mso-bidi-font-size:8.0pt; mso-ascii-font-family:Tahoma; mso-hansi-font-family:Tahoma; mso-bidi-font-family:Tahoma;} span.Titolo3Carattere {mso-style-name:”Titolo 3 Carattere”; mso-ascii-font-family:Cambria; mso-fareast-font-family:”Times New Roman”; mso-hansi-font-family:Cambria; mso-bidi-font-family:”Times New Roman”; color:#4F81BD; font-weight:bold;} span.Titolo1Carattere {mso-style-name:”Titolo 1 Carattere”; mso-ansi-font-size:14.0pt; mso-bidi-font-size:14.0pt; mso-ascii-font-family:Cambria; mso-fareast-font-family:”Times New Roman”; mso-hansi-font-family:Cambria; mso-bidi-font-family:”Times New Roman”; color:#365F91; font-weight:bold;} span.ugc {mso-style-name:ugc;} p.byline, li.byline, div.byline {mso-style-name:byline; margin-right:0in; mso-margin-top-alt:auto; mso-margin-bottom-alt:auto; margin-left:0in; mso-pagination:widow-orphan; font-size:12.0pt; font-family:”Times New Roman”; mso-fareast-font-family:”Times New Roman”;} span.Iniziomodulo-zCarattere {mso-style-name:”Inizio modulo -z Carattere”; mso-ansi-font-size:8.0pt; mso-bidi-font-size:8.0pt; mso-ascii-font-family:Arial; mso-fareast-font-family:”Times New Roman”; mso-hansi-font-family:Arial; mso-bidi-font-family:Arial; display:none; mso-hide:all; mso-fareast-language:IT;} span.Finemodulo-zCarattere {mso-style-name:”Fine modulo -z Carattere”; mso-ansi-font-size:8.0pt; mso-bidi-font-size:8.0pt; mso-ascii-font-family:Arial; mso-fareast-font-family:”Times New Roman”; mso-hansi-font-family:Arial; mso-bidi-font-family:Arial; display:none; mso-hide:all; mso-fareast-language:IT;} span.graybody {mso-style-name:graybody;} @page Section1 {size:595.3pt 841.9pt; margin:70.85pt 56.7pt 56.7pt 56.7pt; mso-header-margin:35.4pt; mso-footer-margin:35.4pt; mso-paper-source:0;} div.Section1 {page:Section1;} /* List Definitions */ @list l0 {mso-list-id:276062086; mso-list-template-ids:-447460478;} @list l0:level1 {mso-level-number-format:bullet; mso-level-text:; mso-level-tab-stop:.5in; mso-level-number-position:left; text-indent:-.25in; mso-ansi-font-size:10.0pt; font-family:Symbol;} @list l0:level2 {mso-level-number-format:bullet; mso-level-text:o; mso-level-tab-stop:1.0in; mso-level-number-position:left; text-indent:-.25in; mso-ansi-font-size:10.0pt; font-family:”Courier New”; mso-bidi-font-family:”Times New Roman”;} @list l1 {mso-list-id:731347179; mso-list-template-ids:895644406;} @list l1:level1 {mso-level-number-format:bullet; mso-level-text:; mso-level-tab-stop:.5in; mso-level-number-position:left; text-indent:-.25in; mso-ansi-font-size:10.0pt; font-family:Symbol;} @list l1:level2 {mso-level-number-format:bullet; mso-level-text:o; mso-level-tab-stop:1.0in; mso-level-number-position:left; text-indent:-.25in; mso-ansi-font-size:10.0pt; font-family:”Courier New”; mso-bidi-font-family:”Times New Roman”;} ol {margin-bottom:0in;} ul {margin-bottom:0in;} –>

http://www.sabatoseraonline.it/home_ssol.php?site=1&l=it

24 marzo 2010 | 08:53

Israele: municipio Gerusalemme approva 20 nuovi alloggi israeliani

Gerusalemme. Altra benzina sul fuoco in Palestina. Infatti la municipalità di Gerusalemme ha approvato il progetto  definitiva per la costruzione di 20 nuovi alloggi israeliani e di un parcheggio a Gerusalemme est, dove attualmente sorge un vecchio hotel palestinese, lo Shepherd. Un annuncio che sa tanto di sfida, visto che è giunto nella giornata di ieri proprio mentre il primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu si trovava a colloquio alla Casa Bianca con il presidente Barack Obama. 

 

http://www.rainews24.rai.it/

La colonizzazione di Gerusalemme est

Sono circa 200.000 gli israeliani residenti in una decina di quartieri ebraici costruiti a Gerusalemme Est, la parte della città a maggioranza araba che conta 270.000 palestinesi.

Proprio l'annuncio, nelle scorse settimane, della costruzione di altri 1.600 alloggi a Ramat Shlomo, un quartiere ebraico ortodosso di Gerusalemme Est, ha provocato gravi tensioni tra Israele e l'amministrazione americana di Barack Obama.

La comunità internazionale, infatti, non riconosce l'annessione di Gerusalemme Est e considera “illegali” le colonie israeliane che sono state edifcate nel corso degli anni.

Gli insediamenti e la colonizzazione ebraica della parte orientale della città sono un tema cruciale nel conflitto tra israeliani e palestinesi: questi ultimi rivendicano Gerusalemme Est quale capitale del futuro stato palestinese. Mentre già nel luglio 1980 la Knesset (Parlamento israeliano) aveva votato una legge in cui si dichiarava che Gerusalemme nel suo insieme, compresi i quartieri occupati nella parte orientale, è “la capitale eterna e indivisibile” di Israele.

Israele ha occupato la parte orientale di Gerusalemme dalla Guerra dei Sei giorni del 1967. A partire dal 1968 i governi israeliani che si sono succeduti hanno costruito al suo interno quartieri ebraici.

Ecco di seguito la lista dei quartieri ebraici esistenti con la data della loro creazione e il numero di abitanti, così come forniti dalla municipalita' di Gerusalemme:

 Givat Shapira (anche noto come French Hill), 1968, 7.000 abitanti.

 Ramat Eshkol, 1969, 9.400 abitanti.

 Talpiot Mizrah, 1971, 15.000 abitanti.

 Ghilo, 1972, 32.000 abitanti.

 Neve' Yaakov, 1972, 22.000 abitanti.

 Ramot Allon, 1974, 47.000 abitanti.

 Pisgat Zeev, 1984, 41.000 abitanti.

 Ramat Shlomo, 1994, 17.000 abitanti.

 Har Homa, 1997, 10.000 abitanti.

A questi quartieri va aggiunta la presenza di abitazioni ebraiche e di progetti edilizi in altri rioni a maggioranza araba, fra cui la Città Vecchia, dove vivono 5.000 ebrei.

 

 

http://www.agi.it/home

M. O.: HAMAS, “SIAMO PRONTI A GIUSTIZIARE LE SPIE DI ISRAELE”

(AGI) – Gaza, 24 mar. – Sono caduti nel vuoto gli appelli delle organizzazioni umanitari per salvare la vita di 'spie' al servizio di Israele catturate dalle milizia di Hamas nella Striscia di Gaza. Il gruppo fondamentalista ha annunciato che “a breve saranno messi a morte gli agenti al servizio di Israele, a prescindere dalla posizione assunta dalle organizzazioni che si oppongono a questo tipo di sentenze”, come ha detto il ministro dell'Interno di Hamas, Fathi Hammad.
  Le sentenze sono state emesse negli ultimi due mesi e anche se Hamas ha gia' condannato a morte altre spie e trafficanti di droga, nessuno e' stato mai giustiziato.

 

 

http://www.ilmessaggero.it/

Capo Hamas ucciso, sarà sostituito
agente Mossad in Gran Bretagna

Londra avverte: attenti ai passaporti se viaggiate in Israele

 

LONDRA (24 marzo) – Il diplomatico israeliano espulso ieri dal governo britannico è il capo dell'ufficio del Mossad in Gran Bretagna e potrebbe essere presto sostituito da un altro dirigente del servizio di spionaggio. Lo affermano oggi la radio pubblica israeliana e il quotidiano di Tel Aviv Yedioth Aharonoth. Il governo britannico ha ordinato ieri l'espulsione del rappresentante del Mossad dopo aver stabilito che Israele è responsabile della falsificazione di passaporti britannici usati da agenti che hanno preso parte all'operazione che ha portato all'uccisione di Mahmud Mabhouh, un alto dirigente di Hamas, lo scorso gennaio nel Dubai. 

Fonti governative in Israele hanno intanto segnalato che lo stato ebraico non intende esasperare la crisi con la Gran Bretagna ma anzi mira a chiuderla al più presto possibile e che perciò non vi saranno misure di ritorsione come l'espulsione di un diplomatico dell'ambasciata della Gran Bretagna a Tel Aviv. Una fonte politica ad alto livello, citata dalla radio pubblica, ha intanto accusato il ministro degli esteri britannico David Miliband di aver deciso l'espulsione del diplomatico israeliano, oltre a condurre da tempo una politica antisraeliana, per accattivarsi le simpatie degli elettori britannici musulmani in vista delle elezioni politiche che si terranno nel Regno Unito all'inizio di maggio. 

Dal ministero degli Esteri britannico arriva anche un avvertimento ai propri connazionali: i vostri passaporti non sono al sicuro se viaggiate in Israele, in una nuova mossa critica dopo la vicenda passaporti britannici clonati dal commando che a gennaio ha ucciso un dirigente di Hamas a Dubai. Nel “travel warning” emesso ieri sera dal Foreign Office, si sottolinea che i britannici che viaggiano in Israele «dovrebbero dare il loro passaporto ad altre persone, compresi i funzionari israeliani, solo se è assolutamente necessario».

 

http://www.adnkronos.com/IGN/News

M.O.: raid aereo su nord Striscia di Gaza, due feriti

Gerusalemme, 24 mar. (Adnkronos) – Aerei israeliani hanno compiuto la scorsa notte un raid aereo sul campo profughi di Jabaliya, nel nord della Striscia di Gaza. Fonti palestinesi hanno riferito che due persone sono state leggermente ferite, ma non e' chiaro se si tratti di militanti o civili. L'operazione israeliana e' scattata dopo che in serata un missile Qassam proveniente dalla Striscia si e' abbattuto vicino alla citta' israeliana di Ashkelon. Il raid, ha spiegato l'esercito, era diretto contro un deposito di armi.

 

 

http://www.icn-news.com/index.php

 

 

MEDIO ORIENTE. BREVI DA ISRAELE.NET Razzo palestinese su Ashkelon


24/03/2010 Un razzo palestinese lanciato martedì sera dal nord della striscia di Gaza verso Israele si è abbattuto sulla città di Ashkelon.
24/03/2010 Il primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu, in visita a Washington, ha detto che le nuove pretese dei palestinesi finiranno col rinviare di almeno un anno l'avvio dei negoziati diretti.” Pretendere lo smantellamento di Givaat Zeev (sobborgo di 11.000 abitanti alla periferia nord-ovest di Gerusalemme) è veramente illogico e gli stessi palestinesi lo sanno bene, e sarebbe un vero peccato mettere a repentaglio la ripresa del dialogo adottando la posizione palestinese”, ha detto Netanyahu.
24/03/2010 Presentato martedì alla municipalità di Gerusalemme un progetto di sviluppo urbano per la parte est della città con l'obiettivo di espandere i settori commerciale e turistico, in particolare con lo sviluppo di strutture alberghiere, per dinamizzare le attività economiche nella parte orientale della capitale.

 

 

http://www.universy.it/

Usa: rapporti tesi tra Netanyahu e Obama

Confronto a porte chiuse tra i due alleati. I negoziati di pace slittano a data da destinarsi. Gaza sotto il fuoco israeliano per la sesta notte.

Incontro a porte chiuse tra il premier israeliano Benjamin Netanyahu e il presidente americano Barak Obama. Sul tavolo del confronto la spinosa questione israeliano – palestinese e la ricerca di una strada comune in direzione di un processo di pace duraturo. I due alleati si sono incontrati ieri alla Casa Bianca. Il colloquio è durato circa un’ora e mezza, ma non ha prodotto di fatto alcun risultato: Israele mantiene inalterate le sue posizioni in merito all’edificazione di 1600 nuclei abitativi a Gerusalemme Est. Proprio ieri, in coincidenza con il faccia a faccia tra i due leader, il municipio di Gerusalemme ha dato il via libera definitivo alla costruzione di altri 20 alloggi nella zona Est. Una decisione, questa, destinata con ogni probabilità a debilitare i rapporti già tesi con gli Usa che, dal canto loro continuano a sollecitare il governo israeliano a bloccare il progetto di edificazione delle strutture abitative nella zona contesa, al fine di non contribuire a infiammare gli animi palestinesi.

Lunedì, prima del faccia a faccia con Barak Obama, Netanyahu ha tenuto un discorso dinanzi alla platea dell’Aipac ( American Israel Public Affaire Committee), nel quale ha rivendicato ancora una volta il “diritto a costruire” nella Città Santa. “Il popolo ebraico – ha sottolineato – costruiva Gerusalemme 3000 mila anni fa. Il popolo ebraico lo fa anche oggi”. Poi ha concluso il suo discorso affermando che Gerusalemme non è un insediamento coloniale, bensì la capitale dello Stato d’Israele.

Il confronto tra i due leader è stato definito dall’amministrazione Obama “schietto e produttivo”. Una frase convenzionale e diplomatica usata di norma quando due posizioni in realtà sono assai distanti. Una frase che, in questo caso specifico, non lasciano presagire nulla di buono. Sembra che i negoziati di pace, fermi dal dicembre 2008, slittino a data da destinarsi. Il premier israeliano ha difatti lanciato un monito dinanzi ai membri del Congresso americano. Riferendosi alla richiesta palestinese di un congelamento di tutti gli insediamenti ebraici nei territori occupati, Netanyahu ha detto: “Non possiamo farci intrappolare da domande illogiche e irragionevoli. Questo potrebbe bloccare i negoziati per un altro anno».

Intanto nella Striscia di Gaza la situazione appare sempre più incandescente. Due palestinesi sono rimasti feriti nella sesta nottata consecutiva di bombardamenti israeliani. Lo hanno riferito fonti mediche. L’attacco è avvenuto poco dopo la mezzanotte a nord di Gaza, vicino al campo profughi di Jabaliya. L’ultimo attacco israeliano, in ordine di tempo, risale allo scorso 19 marzo con il ferimento di altri due palestinesi. 

 

 

http://www.antimafiaduemila.com/index.php

Un nuovo approccio alla questione palestinese

 

 

 

 

 

 

 

 

 

La decisione attuale di costruire migliaia di abitazioni a Gerusalemme est da parte del governo Netanyahu, così come la spaventosa offensiva, a lungo preparata, su Gaza nel dicembre 2008 e così come le sanguinose incursioni nel 2006 in Libano, da parte dell'esercito israeliano (tanto per restare agli episodi più recenti) dimostrano, se ce ne fosse ancora bisogno, come sia illusoria la strategia che incoraggia…

…, secondo le risoluzioni dell'ONU, la creazione di due Stati indipendenti, uno israeliano e l'altro palestinese, partendo dai confini che lo Stato ebraico aveva prima del giugno 1967 e da raggiungere mediante negoziati bilaterali. E questo non perché tale strategia sia priva di senso, essendo anzi l'unica teoricamente auspicabile e da perseguire, bensì a causa della estrema sproporzione di potere negoziale esistente tra le due parti in conflitto.
Da una parte abbiamo infatti uno Stato dotato di uno dei più potenti eserciti del mondo, foraggiato a fondo perduto da decine di miliardi di dollari l'anno dalle lobbies ebraiche mondiali (in testa quella statunitense) e dai governi USA, appoggiato da questi ultimi in maniera talmente sfacciata da vanificare in sede ONU qualsiasi risoluzione che lo obblighi a trattare in modo credibile con la controparte. Dall'altra parte abbiamo un popolo senza sponsor potenti, ristretto da quasi 43 anni in territori infiltrtati sempre più dai cosiddetti “coloni” ebrei, costretto a vivere di mendicità internazionale e soggetto a continue ed umilianti vessazioni che hanno come unico scopo quello di compiere una pulizia etnica (obbligando i palestinesi all'esodo) per la successiva creazione di un “Grande Israele”.

Stando così le cose perché Israele dovrebbe concedere qualcosa su territori che esso ritiene biblicamente di sua proprietà? Nemmeno poi è lontanamente da pensare che lo Stato ebraico si comporti in futuro come i vincitori di solito fanno: avendo cioè conquistato con la guerra la Cisgiordania, Gaza (perché anche Gaza è alla mercè dell'esercito israeliano) e Gerusalemme est, possa offrire ai vinti che vogliano restare nella loro terra l'opportunità di diventare cittadini israeliani a tutti gli effetti. Israele è infatti uno Stato, anche se formalmente laico, assolutamente confessionale, dove (come ammette anche Amos Oz, mente critica e lucida degli scrittori israeliani) alla fine comandano i rabbini. Avere alcuni milioni di cittadini elettori non ebrei nei propri confini, sarebbe quindi assolutamente inaccettabile per Israele; ecco perché il vero scopo, ovviamente mai dichiarato ma chiarissimo, di tutte le umiliazioni e vessazioni che il popolo palestinese subisce non può che essere, come ho già detto, la pulizia etnica dei territori occupati.

Cosa fare allora? E' bene per tutti rendersi conto che la partita della creazione di uno Stato palestinese, basato sulle intese del 1993, è attualmente perduta, ma non la possibilità di poterci arrivare in una prospettiva di lungo periodo.
Per prima cosa è essenziale riportare la questione palestinese nel suo alveo naturale, cioè la Nazione araba, intesa come insieme di popoli che si sentono umiliati dall'arroganza israeliana ed americana, evitando ricorsi all'ONU, richieste di improbabili arbitrati alla UE o ad altre organizzazioni internazionali (Lega araba compresa), prive di qualsiasi potere coercitivo verso Israele e quindi del tutto inutili. Ma per far ciò occorre ricostruire prima con pazienza la “Nazione araba” che esisteva negli anni Cinquanta – Sessanta e che adesso non esiste più.
Provo ad elencare una serie di tappe in ordine temporale.

1) La leadership palestinese, a qualsiasi corrente appartenga, deve rendersi conto che una fase storica si è chiusa e che la battaglia per uno Stato autonomo, in queste condizioni, non ha nessuna possibilità di successo. Occorre quindi dichiarare Cisgiordania, Gerusalemme est e Gaza “zone militarmente occupate” ponendo la popolazione civile araba sotto la protezione delle organizzazioni umanitarie internazionali.
Occorre altresì che le dirigenze palestinesi si astengano da qualsiasi attività ostile verso l'occupante, per non scatenare la sua furia devastatrice onde costringere la popolazione civile palestinese (vero bersaglio dell'occupante) all'esodo forzato.
In questo quadro i lanci di razzi artigianali “Qassam” da parte di Hamas sono non solo militarmente inutili, ma criminali, poiché funzionali in tutto e per tutto la strategia israeliana

2) Si dovrebbe poi formare un governo in esilio (come negli anni Settanta) che rompa ogni rapporto diretto con l'occupante, tenendo ben distinti i ruoli di chi subisce l'occupazione e di chi la compie. Ad esempio, le indegne sceneggiate di uno Yasser Arafat costretto a vivere gli ultimi due anni della sua vita (e sulla cui morte si allunga l'ombra del Mossad) in un ufficio diroccato a Ramallah, continuamente preso di mira dai cecchini israeliani anche quando andava in bagno; di un Mahamoud Abbas, trattato come un burattino, continuamente umiliato ed offeso, a cui spesso non è permesso di incontrare i propri collaboratori perché bloccati in una città diversa dalla sua; del sequestro di attivisti e leaders di Hamas, catturati ed incarcerati per la sola colpa di appartenere a quel movimento e non a quello degli “utili idioti” della attuale OLP; ebbene queste indegne sceneggiate debbono finire! Il governo israeliano ha sempre trattato la dirigenza palestinese con il più assoluto disprezzo e la massima ostilità e bisogna prenderne finalmente atto.

3) Occorrerebbe quindi (questo è il còmpito più difficile) che la leadership palestinese in esilio si adoperi, negli anni, a far cadere i regimi, vili e corrotti, che sono complici della politica americana ed israeliana, cioè Egitto, Giordania e, soprattutto, Arabia Saudita, vero forziere della regione. I Mubarak, gli Hashemiti ed i Sauditi debbono essere costretti, dalle rivolte popolari, a scappare in America per godersi le immense fortune che hanno sicuramente accumulato a spese dei loro disgraziati popoli ed essere sostituiti da governi a base popolare, che si prendano cura sul serio dei loro fratelli palestinesi.

4) Occorrerebbe infine (questa sarà la fase più lunga, che occuperà decenni) creare delle sinergie tra questi Paesi e la Siria, l'Iran ed altri Paesi islamici che pongano le condizioni per la nascita di un'economia integrata e moderna in questa regione non basata soltanto sul petrolio, per la creazione di scuole (non solo coraniche) e università, per la creazione di un'industria moderna degna di questo nome per ottenere l'affrancamento dall'inferiorità tecnologica che costituisce la vera causa della loro subalternità ad Israele e all'Occidente e, soprattutto, si pongano le condizioni per la creazione di un esercito comune potentemente e modernamente armato, che possa realmente competere con Israele in tutti i campi.
Tutto ciò dovrebbe però accadere senza clamori, senza proclami di distruzione, tenendo una posizione di basso profilo verso il nemico, onde evitare che gli sforzi falliscano prematuramente per la reazione USA-Israele.

Solo dopo il compimento di queste quattro fasi la leadership palestinese e la nuova Nazione araba potranno affacciarsi ai confini dei territori occupati e guardare Israele in faccia, dicendogli che, per il bene di tutti, è ora di cominciare a trattare sul serio per uno Stato palestinese indipendente.
Gli israeliani sono gente pratica. Quando si renderanno conto che non è più possibile violare lo spazio aereo di Damasco, come del Cairo o di Amman, senza subire gravi perdite (mentre oggi spadroneggiano inpuniti), quando si renderanno conto che non è più posibile radere al suolo le infrastutture di un Paese ed uccidere migliaia di innocenti (come hanno fatto a Gaza ed in Libano) senza subire la stessa sorte, allora tratteranno, oh se tratteranno! Anzi, quasi certamente non sarà necessario spargere nemmeno una goccia di altro sangue, perché nulla induce alla prudenza e alla moderazione più della consapevolezza di rischiare gravi conseguenze. E questo vale sia per gli arabi che per gli israeliani.

So bene che ai molti lettori pacifisti duri e puri il solo sentir parlare di armamenti per risolvere le crisi internazionali farà venire l'orticaria, ma guardiamo in faccia la realtà: occorre finalmente rendersi conto che i popoli arabi sono soli a combattere la loro lotta con l'invasore della Palestina e che nessuno potrà fermare Israele se non loro stessi. Gli antichi Romani usavano dire: “si vis pacem, para bellum!”. Mai nessun proverbio fu così tristemente vero.

 

 

http://www.terranews.it/

Boicottare i prodotti israeliani. Niente frutta dalle colonie

MEDIO ORIENTE. Di fronte al fallimento della politica le associazioni pro Palestina puntano a intaccare gli interessi economici dello Stato sionista. Chiedono ai distributori occidentali di rifiutare beni provenienti dai territori occupati.

«Gerusalemme è la capitale di Israele » ha ribadito ieri da Washington il premier israeliano Benjamin Netaniyahu prima di incontrare il presidente Barack Obama. Nessuna marcia indietro quindi sul progetto di costruzione di 1.600 nuove abitazioni a Gerusalemme est, la zona araba, ignorando così le richieste della comunità internazionale, Stati Uniti in testa, per riavviare i negoziati di pace. Di fronte alla frustrazione del fallimento della politica, c’è chi da tempo si è mosso per agire almeno sul piano economico, come il Bds, acronimo che sta per boicottaggio, disinvestimento e sanzioni.
 
Si tratta di una campagna lanciata contro lo Stato d’Israele accusato di apartheid e crimini di guerra, in riferimento alle bombe convenzionali e a fosforo bianco che a Gaza fecero 1.450 vittime e oltre cinquemila feriti durante l’attacco israeliano del gennaio 2009. Per il fondatore del Bds, il palestinese Omar Barghouti, «Solidarietà con la Palestina non significa quasi nulla se non può essere tradotta in un’azione che costi veramente cara all’occupazione israeliana e al suo regime». Costare caro vuol dire intaccare gli interessi economici dei prodotti sui mercati mondiali, da quelli agricoli coltivati nelle colonie che sorgono sui Territori Occupati, a ulteriori generi d’esportazioni sino a toccare la cultura.
 
Dal 2005 è partita in quaranta città una rete solidale che in Europa vede Francia, Gran Bretagna e Italia in prima linea per iniziative di sostegno e propaganda nei luoghi di commercio e lavoro. «Per informare un ampio numero di persone cerchiamo di coinvolgere i sindacati – afferma Mila Pernice di Forum Palestina, una delle organizzazioni italiane che promuove il Bds – finora solo la Fiom ha offerto un’adesione peraltro più formale che di sostanza. Rdb e Cobas, rilanceranno nuove scadenze». C’è stato un dialogo, non proficuo per gli scopi della campagna, con la Coop, cui molti soci chiedevano che venissero bloccate le forniture di aziende come la Carmel Agrexco che in tutt’Europa commercializza pompelmi, avocado e mango provenienti dalle colonie, tutte illegali.
 
Con un suo dirigente la Lega delle Cooperative s’è dichiarata contraria a iniziative di boicottaggio sostenendo che «un conto sono le responsabilità dei governi, altro sono le aziende e i prodotti che commercializzano. Molto lungo sarebbe l’elenco di governi che hanno comportamenti criticabili. E poi chi li giudica? un eventuale embargo dovrebbe essere deciso da chi ha questo compito, ovvero l’Onu». Forse alla Coop dimenticano che proprio l’Onu con ben quattro risoluzioni considera dal 1967 illegale l’occupazione dei territori palestinesi.
 
«Ma c’è di più – riprende Pernice – amministrazioni regionali stabiliscono protocolli che affiancano accordi fra Israele e il nostro Paese incentrati sul settore high-tech, software e nanotecnologie rivolte alla sicurezza. Il Forum anni fa denunciò la collaborazione fra Sviluppo Lazio e un Centro di ricerca israeliano (Matimop) che utilizzava tecnologie fotoniche dell’azienda Selex Communications e dell’Università romana di Tor Vergata. Oppure i cinici progetti come il “Saving children” del Centro Peres, sostenuto da sei nostre regioni (Friuli, Emilia, Toscana, Umbria, Lazio, Calabria), che finanziano la cura dei bambini di Cisgiordania e Gaza magari dopo averli lacerati con le bombe».
 
Secondo la Rete Ebrei contro l’occupazione questo piano svia risorse finanziarie che potrebbero giungere agli ospedali palestinesi. Sul fonte tecnologico famose multinazionali sono additate quali supporter agli investimenti più subdoli operati nei territori occupati: Veolia che costruisce le ferrovie leggere per collegare le colonie nella West Bank con Gerusalemme, la grande catena di supermarket Tesco che vende merci prodotte illegalmente nelle colonie, Motorola azienda fornitrice di sistemi elettronici per le truppe dell’Idf.
 
La Camera di Commercio dice che l’Italia è il terzo partner scientifico di Israele dopo Stati Uniti e Germania; i Paesi sono legati da una cooperazione in vigore dal 2002. Intanto, secondo quanto rivelano i media The Marker e Jerusalem Post, la classe politica israeliana inizia a preoccuparsi degli effetti, per ora più propagandistici che economicamente dannosi, del BDS. Così Tel Aviv mobilita i propri ambasciatori nelle maggiori nazioni occidentali, e naturalmente anche in Cina, per tener ben saldi quei mercati. Inoltre un docente di Storia, Gil Troy, e l’analista politico statunitense Bard pianificano una risposta al boicottaggio, lanciando una propria campagna.
 
Stravolgendo il “Land for freedom” con un “Lend for freedom” invitano nei campus e nelle comunità a ricorrere a prestiti per  “investire e non disinvestire” a favore d’Israele. Il Bdf dovrà fare i conti coi contro-attivisti dell’investimento. Non sono però costoro a preoccuparli bensì la grande palude che resta a guardare. Come ogni maggioranza silenziosa aiuta chi detiene i rapporti di forza.  

 

 

http://www.unica.it/

Incontro con lo scrittore arabo-israeliano Salman Natur

giovedì 25 marzo 2010, ore 12.00 
Aula Magna Facoltà di Lingue e Letterature Straniere
 
Incontro con l'autore di “Memoria” (Edizioni Q, Roma 2008)
 
Salman Natur, giornalista, scrittore e poeta palestinese, è nato nel 1949 a Daliyat al-Carmel, a sud della città di Haifa, dove vive con la moglie e quattro figli. Primo presidente dell?Associazione degli scrittori arabi in Israele. Dal 1968 al 1990 cura le pagine culturali del quotidiano «al-Ittihad» e della rivista «al-Jadid» di Haifa. Membro della direzione del centro “Adala”, oggi dirige la rivista «Qadaya isra?iliyya». Ha pubblicazioni di vario genere: romanzi, libri per bambini e testi teatrali. Tra le opere più conosciute: Dakira (Memoria, tradotto in italiano da edizioni Q, Roma), Wa-ma nasina (Non abbiamo ancora dimenticato), Intidar (Attesa) e Safar alla safar (Viaggio su viaggio). 
  
Memoria raccoglie i brandelli di una realtà frantumata, sopravvissuti agli anni e ai giorni di un secolo che ha conosciuto, tra molte altre tragedie, la distruzione della Palestina, lo sradicamento della sua popolazione e la creazione di uno Stato coloniale sul suo territorio. 
Salman Natur affida il racconto della catastrofe alle riflessioni e ai ricordi di voci che sottraggono alla distruzione e all?oblio singolari e sconcertanti momenti della propria storia.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.