Relatore speciale ONU: le indagini israeliane sull’assalto alla Freedom Flotilla non possono essere considerate valide.

New York – Infopal. In una comunicazione rilasciata venerdì alla stampa, il Relatore Speciale delle Nazioni Unite, Alston ha fatto sapere di non riporre fiducia nel lavoro d'indagine al quale Israele si sarebbe 'unilateralmente' impegnato.

“I requisiti per istituire una commissione d’inchiesta sono ben precisi e devono essere conformi agli standard internazionali”.

Così Alston ha richiesto indipendenza e trasparenza nelle indagini che Israele vorrebbe intraprendere ‘unilateralmente’.

“Ci deve essere piena competenza legale e deve essere chiamato in causa ogni elemento utile per determinare la verità sull’accaduto, sulle morti e ferimenti, testimoni e registrazioni video compresi”.

Proprio per sincerarsi sull’avvio e sulle modalità dell'inchiesta, il Segretario Generale Onu, Ban Ki-moon, nel fine settimana avrebbe avuto uno scambio di opinioni per telefono sia con il premier turco, Erdogan, sia con Netanyahu.

L’indagine d’inchiesta chiede di far luce e di ricercare le responsabilità dell’assalto israeliano in acque internazionali dove furono assassinati nove attivisti umanitari turchi e ne furono feriti a decine.

Il 31 maggio scorso, il giorno dell’assalto omicida dei commando israeliani, centinaia tra giornalisti, cameraman, attivisti e operatori umanitari furono arrestati, maltrattati e derubati di effetti e attrezzature professionali.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.