Remember Palestine. Dal Cipmo.


 
 
Remember Palestine
Numero 7 con il contributo del Ministero degli Affari Esteri e della Fondazione Cariplo

Direttore: Janiki Cingoli
Capo Redattore: Maurizio Debanne
Redazione: Veronica Trevisan

Editoriale

  Medio Oriente: una nuova opportunità
di Janiki Cingoli 

Articoli

 Anp, uno spiraglio incerto
di Antonio Ferrari.

 Dopo il Libano nuovi scenari
di Eric Salerno

 L’accordo interpalestinese: la riuscita nonè scontata 
di Ugo Tramballi

 


CIPMO News
Il nuovo sito del CIPMO

 
Dal 12 settembre è on line il nuovo sito del CIPMO (cipmo.org). Il sito, dopo una totale ristrutturazione grafica e tecnica nella quale il Centro ha investito notevoli risorse, vuol diventare sempre di più il punto di riferimento in Italia per tutti coloro che intendano approfondire le tematiche mediorientali, con un approccio critico e costruttivo.
Nel sito confluisce anche l’esperienza di Paceinmedioriente.it, sito di Maurizio Debanne, giornalista ed esperto del conflitto israelo-arabo-palestinese, che da tempo collabora con il Centro.
Il nuovo sito CIPMO si presenta come una testata on line, regolarmente registrata al Tribunale della Stampa, dalla doppia veste di quotidiano e di rivista di approfondimento.
Le sezioni di Attualità e Rassegna Stampa sono infatti curate e aggiornate quotidianamente, mentre gli approfondimenti è realizzata grazie alle analisi periodiche del direttore del CIPMO, Janiki Cingoli, e degli esperti del suo comitato scientifico: giornalisti delle maggiori testate italiane, studiosi e docenti universitari. Dei loro commenti è composta anche la Newsletter del Centro, incentrata ogni volta su un tema di particolare attualità e inviata ad una serie di contatti che comprendono: policy maker, diplomatici, esperti del Medio Oriente, studiosi e giornalisti.
Il nuovo design è studiato per rendere più agevole la navigazione e immediato il reperimento delle informazioni ai sempre più numerosi visitatori del sito.

La Newsletter, organo di informazione del Centro Italiano per la Pace in Medio Oriente, un’iniziativa editoriale realizzata con il sostegno del Ministero degli Affari Esteri Italiano che mira a fornire ai policy makers, ai Centri di ricerca, agli esperti, ai giornalisti, agli studenti e a tutti coloro che ne facciano specifica richiesta, una maggiore comprensione delle dinamiche mediorientali.


Editoriale

Medio Oriente: una nuova opportunità
di Janiki Cingoli

L’accordo interpalestinese raggiunto tra il presidente Abu Mazen e il premier Ismail Haniyeh assume un rilievo sempre maggiore. La Comunità internazionale e l’Europa devono cogliere questa nuova finestra di opportunità, oltre gli schemi astratti della Road Map, araba fenice della diplomazia mediorientale.
A base dell’accordo non vi sarebbe solo il “Documento dei prigionieri”, reso noto nei mesi scorsi, ma anche il Piano arabo del 2002, e le risoluzioni del Consiglio di Sicurezza dell’Onu, che postulano una restituzione dei Territori palestinesi occupati nel ’67 in cambio della pace

Articoli

Anp, uno spiraglio incerto
di Antonio Ferrari

Non è il caso di esultare, e neppure di abbandonarsi ad una delle periodiche ondate di ottimismo che inebriano (per qualche tempo) tutti coloro che sperano di vedere la fine del conflitto israeliano-palestinese. Siamo ancora lontanissimi da una possibile soluzione, ma qualche spiraglio di speranza si è riaperto proprio in questi giorni con l’annuncio che il presidente palestinese Abu Mazen, laico che appartiene al Fatah, e il primo ministro Ismail Haniye, scelto dal movimento fondamentalista Hamas per guidare l’esecutivo dopo il trionfo elettorale hanno raggiunto un accordo per formare un governo di coalizione

L’accordo interpalestinese: la riuscita non è scontata
di Ugo Tramballi

Ogni volta che finisce una guerra in Medio Oriente, il pericolo é che sia solo servita a preparare quella successiva: é quasi sempre accaduto così. Ma ogni volta si accende anche la speranza: è una condizione umana più che politica. Anche questa volta la fine del conflitto in Libano, la nascita di una "Unifil 2" resa muscolosa da regole d’ingaggio più forti, da più uomini, più mezzi, più determinazione e nazioni più importanti, solleva l’illusione che quel Paese abbia finalmente incominciato ad avviarsi verso la stabilità

 

Dopo il Libano nuovi scenari
di Eric Salerno

Il macigno dell’Iran estremista, rappresentata dal suo presidente, dai suoi referenti nel clero sciita e dalla questione nucleare, pesa sulla situazione mediorientale e può essere d’ostacolo, pratico o psicologico, all’ipotesi della ripresa dei negoziati di pace tra Israele e i suoi “nemici”, Siria e Palestina. Ma, paradossalmente, quello stesso macigno potrebbe indurre, quasi costringere, le tre parti direttamente in causa, a ritentare la via della trattativa. La guerra in Libano ha prodotto un insieme di profondi cambiamenti nello scacchiere

Iscrizione al Reg. Nazionale della Stampa n° 406 del 07/06/04
Centro Italiano per la Pace in Medio Oriente

__._,_.___

Tutte le altre notizie su www.paceinmedioriente.it

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.