Report settimanale del Pchr sulle violazioni israeliane nei TO

Pchr-Palestinian centre for human rights. Report settimanale 23 – 29 giugno 2016.

I militari continuano ad utilizzare una forza eccessiva nei Territori palestinesi occupati

  • Una donna palestinese è stata uccisa in Cisgiordania col pretesto di stare per investire i militari
  • 3 civili sono stati feriti durante le incursioni dei militari
  • 40 civili, inclusa una donna, hanno riportato  ferite da schegge di proiettile e altri 19 sono rimasti contusi nella moschea di Al-Aqsa

I militari hanno condotto 40 incursioni nelle comunità palestinesi in Cisgiordania e 5 a Gerusalemme

  • La moschea di Al-Aqsa è stata uno dei luoghi delle incursioni per proteggere decine di coloni che vi si erano recati per la preghiera del Talmud
  • 55 civili, inclusi 18 bambini, sono stati arrestati
  • 28 di loro, inclusi 15 bambini, sono stati arrestati nella Gerusalemme occupata

I militari continuano a prendere di mira i pescatori palestinesi nel mare della Striscia di Gaza

  • I soldati hanno aperto il fuoco sulle imbarcazioni dei pescatori, causando danni ingenti ad un peschereccio.

Proseguono le attività di insediamento in Cisgiordania

  • Ulteriori notifiche di demolizione sono state consegnate a sud di Hebron

I militari proseguono a suddividere la Cisgiordania in cantoni e continuano ad imporre l’embargo illegale sulla Striscia di Gaza per il nono anno.

  • Decine di posti di blocco temporanei sono stati istituiti in Cisgiordania e altri sono stati riaperti per ostacolare il movimento dei civili palestinesi
  • 4 civili palestinesi sono stati arrestati ai posti di blocco in Cisgiordania
  • L’accompagnatore di un infermo è stato arrestato al valico di Erez

Riassunto

Le violazioni da parte di Israele della legge e del diritto internazionale nei territori occupati della Palestina continuano durante il periodo dell’inchiesta (23 -29 giungo 2016)

Spari

I militari israeliani continuano a commettere crimini sistematici, ferendo civili palestinesi. Proseguono nell’utilizzo di una violenza eccessiva contro i civili palestinesi che partecipano a manifestazioni pacifiche in Cisgiordania e Striscia di Gaza, la maggioranza dei quali minorenni. Durante il periodo dell’inchiesta, i militari hanno ucciso una donna palestinese a Hebron, Cisgiordania del sud. Inoltre i militari hanno ferito 43 civili, inclusa una donna, sempre in Cisgiordania.

A Gerusalemme 40 civili sono stati feriti alla moschea di Al-Aqsa mentre altri 19 hanno riportato contusioni, inclusi 2 giornalisti. Nella Striscia di Gaza i militari proseguono a prendere di mira i pescatori palestinesi nel mare della Striscia.

L’inchiesta completa è disponibile al link

http://pchrgaza.org/en/?p=8213

Traduzione di Marta Bettenzoli