Report sugli abusi israeliani contro i bambini palestinesi

Al-Quds (Gerusalemme) – Imemc. Il Centro palestinese per i Diritti sociali ed economici, con sede a Gerusalemme, ha diffuso un nuovo rapporto sugli abusi e le detenzioni a danno dei bambini palestinesi e dei loro genitori nella città di Silwan.

Uno di questi rapporti proviene da Abdullah Ghaith, 17 anni: giovedì 14 ottobre, un assistente sociale del Centro ha ricevuto una telefonata dal preside della scuola di Mahmud, fratello di Abdullah, che gli comunicava che il ragazzino era detenuto dall’esercito israeliano all'intero della stessa struttura scolastica.

Abdullah e sua madre si sono dunque recati nell'edificio, dove hanno trovato Mahmud circondato dai soldati, ma mentre stavano discutendo con i sequestratori, Mahmud ha tentato la fuga. I militari lo hanno rincorso e bloccato, e quando la madre, vedendolo a terra, ammanettato, ha iniziato a litigare con loro, l’hanno colpita con i fucili fino a farle perdere i sensi.

I soldati hanno portato Muhmud alla stazione di polizia per un interrogatorio, e poi al centro al-Maskubiya, dove ha passato la notte, prima di essere rilasciato, pagando una cauzione di 5 mila shekel (1.400 dollari Usa).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.