Repressione e persecuzione di Israele contro i palestinesi a Gerusalemme

Al-Quds (Gerusalemme) – InfoPal. Il comitato per la difesa di Silwan denuncia oggi il tentativo israeliano di mettere a tacere i residenti palestinesi, mettendo al bando la possibilità di protestare contro i soprusi ai quali sono costretti, e non solo.

“E' una decisione senza precedenti che mira a reprimere ogni nostra protesta contro i piani di ebraicizzazione del quartiere”.

Così dal comitato, Fakhri Abu Diab, ha descritto le prime operazioni di questo progetto israeliano: “Un team della municipalità è arrivato scortato dai militari israeliani accompagnati da gru e bulldozer. Numerosi erano anche i coloni israeliani al seguito. Hanno rimosso insegne e iscrizioni pubbliche e altro dai muri, striscioni e cartelli scritti in arabo. Anche alcune insegne religiose sono state messe via dagli israeliani. I quartieri investiti dalle operazioni sono: al-Bustan, Wadi al-Helwe, 'Ain al-Waza, Bi'r 'Ayyoub e Wadi ar-Ribaba”.

Nella stessa area, ieri pomeriggio sono sorti scontri tra i residenti palestinesi e i soldati israeliani.
Alcuni palestinesi che abitano nel campo profughi di Shu'faat hanno reagito alle misure imposte dai militari israeliane con la chiusura degli ingressi, in entrata e in uscita.
Anche l'ultimo venerdì di preghiera è stato segnato per i palestinesi da divieti e repressione, misure con cui Israele lede i diritti di oltre 50mila palestinesi che abitano su questo lato di Gerusalemme.

I soldati israeliani hanno lanciato gas lacrimogeni contro i residenti che si erano riversati alla periferia di Shu'faat.

Sorte del tutto simile hanno avuto i partecipanti alle manifestazioni settimanali contro il Muro d'Apartheid e le colonie isrealiane costruiti illegalmente su terra palestinese.

A decine sono rimasti intossicati a Ni'lin, Bil'in a Nabi Saleh (Ramallah), dal lancio dei gas lacrimogeni lanciati dai militari israeliani.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.