Rilasciata Shirin al-‘Essawi dopo un anno di detenzione

Al-Quds (Gerusalemme) – Imemc. Ieri sera, le autorità carcerarie israeliane hanno rilasciato un avvocato palestinese detenuta insieme ai due fratelli, dopo aver scontato un anno di detenzione con l'accusa di aver “trasferito illecitamente denaro ai detenuti della Striscia di Gaza”, gli stessi che – su decisione israeliana – da anni non possono ricevere visite.

Dopo il fallimento dell'accusa, il tribunale gerosolimitano ha così ordinato il rilascio di Shirin al-'Esaawi e dei due fratelli Midhat e Rafat.

Un mese fa, la procura aveva chiesto l'estensione della detenzione per altri nove mesi e la corte aveva respinto l'istanza per mancanza di prove.

Il tribunale aveva concesso poi alla procura 30 giorni per presentare altre prove, mentre la difesa chiedeva l'immediato rilascio dei suoi assistiti. La corte allora aveva accolto la richiesta della difesa, aspettando tuttavia il termine di 30 giorni concessi alla procura che non è stata in grado di presentare altre prove.

Al-'Esaawi, i suoi due fratelli e altri due palestinesi sono stati detenuti da Israele per un anno con la medesima accusa. In particolare si faceva cenno al trasferimento di denaro da parte di Hamas verso i detenuti.
Secondo l'accusa, migliaia di shekel israeliani erano stati trasferiti dagli imputati dalla filiale postale di Qalandia, a nord di al-Quds (Gerusalemme) sui conti intestati ai prigionieri.

Al-'Essawi fu sequestrata dall'esercito israeliano il 25 aprile 2010, Midhat il 10 maggio e Rafat il 16 maggio.
Un terzo fratello, Samer, fu arrestato da Israele nell'aprile 2002 e sta scontando un pena carceraria di 30 anni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.