Rimosso il presidente dell’ordine dei giornalisti palestinesi

Gaza – Infopal. Il Consiglio dei sindacati dei giornalisti palestinesi ha deciso di rimuovere il suo presidente, Na'im at-Tubasi, “in seguito alle prove del suo coinvolgimento in diverse questioni, in particolare (…) nell'appropriazione indebita e nello spreco illegale e non dichiarato dei fondi del sindacato”. Il provvedimento è stato preso nel corso di una riunione tenuta giovedì tramite videoconferenza tra i membri del Consiglio di Gaza e della Cisgiordania, nonostante il voto contrario di at-Tubasi. Secondo quanto si afferma in un comunicato, sono stati presentati documenti e prove a sostegno dell'accusa, la quale includeva anche “l'approfondimento delle divergenze all'interno del Consiglio”: un'usanza che permetteva a at-Tubasi di prendere decisioni in completa autonomia “violando le regole del sindacato”. È stato quindi nominato un presidente ad interim in attesa delle nuove elezioni, che si svolgeranno il prossimo 1 ottobre. A questo proposito, il Consiglio ha anche stabilito di cancellare “i nomi di coloro che sono diventati membri del sindacato senza essere giornalisti, e quindi in maniera illegale, tramite i favoritismi di at-Tubasi nei confronti di alcune persone vicine a lui”. Secondo fonti stampa, at-Tubasi, che abita a Ramallah, avrebbe cercato d'impedire la riunione di giovedì minacciando la ditta Balmedia, anch'essa di Ramallah, incaricata di trasmettere la videoconferenza. I giornalisti avrebbero quindi dovuto rivolgersi ad una compagnia di Gaza che sostituisse la prima.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.