Risolto il diverbio sulla VI conferenza di Fatah

Ramallah – Infopal. Ziad Abu ‘Ayn, dirigente di Fatah, ha annunciato oggi che la disputa sulla VI conferenza del movimento di Fatah è stata chiusa dal presidente Mahmud ‘Abbas. La controversia ruotava attorno all’opportunità che i lavori si svolgessero in Palestina o all’estero, e l’intervento del presidente ha fatto sì che prevalesse la prima opzione. La data è fissata per il mese di luglio.

‘Abbas, durante la sua partecipazione ad un programma del canale satellitare al-Jazira, ha dichiarato che “i partecipanti alla conferenza saranno più di 1200, e si sono stabiliti dei criteri per la presentazione delle candidature ai quadri militari, civili e di altro genere”. Ha poi aggiunto che “il movimento di Fatah è parte della famiglia palestinese, della quale rispetta sia i membri ‘giovani’ che quelli ‘adulti’; alla conferenza saranno rappresentate tutte le fasce d’età, il 70% dei partecipanti avrà meno di quaranta anni, e anche le donne saranno in gran numero”.

Il leader ha inoltre ammesso alcune mancanze del proprio movimento, che “ha commesso degli errori nei confronti di se stesso e del suo popolo: questi errori saranno comunque affrontati durante la conferenza, chi li ha commessi si scuserà pubblicamente con tutti i Palestinesi, e il movimento scriverà una nuova e onorevole pagina della propria storia”. 

Abu ‘Ayn ha anche sottolineato che Fatah è realmente interessato al successo del dialogo nazionale palestinese, e che il nuovo governo guidato dal movimento non solo non ostacolerà i negoziati, ma sarà pronto all’auto-destituzione per mano dello stesso presidente ‘Abbas non appena si proponga un altro esecutivo che riesca a togliere l’assedio imposto sui Territori Palestinesi.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.