Sale il bilancio degli scontri tra agenti dei servizi segreti palestinesi e forze governative: 7 morti e oltre 28 feriti.

Ultimi aggiornamenti dagli scontri in corso tra le forze di intelligence palestinesi e quelle del ministero degli Interni.

Fonti ospedaliere hanno dichiarato che due militari, Mohammad Kassab e Mohammad Harazin, appartenenti alle forze di sicurezza nazionali, sono stati uccisi, oggi a mezzogiorno, da colpi di arma da fuoco.

Gli scontri si sono svolti in strada Al-Jala’a, vicino alla residenza del portavoce del ministro degli Interni palestinese Khaled Abu Hilal.

Tra i feriti ci sono anche 5 bambini e altre persone che versano in gravi condizioni, tra cui alcuni studenti di una scuola vicina. 

Le altre vittime sono Shadi Mohammad Tahir, agente del dipartimento di intelligence; Omar Nadir, della sicurezza nazionale.

Uomini armati non identificati hanno rapito tre membri dell’intelligence in diversi momenti e zone della città di Gaza.

Fonti della sicurezza palestinese hanno reso noto che è salito il numero delle vittime dei sanguinosi scontri intestini tra membri di Fatah e Hamas. Gli ultimi dati parlano di 7 morti e di 28 feriti.

………………………………………………………………………………………………

Questa mattina sono stati uccisi due palestinesi e feriti almeno 7 altri – di cui due versano in gravi condizioni.

Tra i feriti gravi, hanno comunicato fonti sanitarie e testimoni oculari, ci sono numerosi studenti di una scuola, in strada Al-Jala’a nel centro della Striscia di Gaza.

Il personale sanitario ha constatato la morte di Ismail Abu Al-Kheir.

Un membro delle Forze Esecutive del ministero degli Interni è stato ucciso e altri 7 feriti durante duri scontri scoppiati questa mattina nei pressi dell’ospedale Shifa’a tra le forze governative e agenti dei servizi di intelligence palestinesi (che fanno capo a Mohammad Dahlan).

Un portavoce delle Forze Esecutive ha dichiarato che un gruppo di uomini armati delle mukhabarat, il dipartimento di intelligence palestinese, ha attaccato le Forze che sono di pattuglia all’ospedale Shifa’a. "Hanno lanciato una granata contro le guardie – ha spiegato il portavoce – e ne hanno uccisa una ferendone altre due".
La Forza Esecutiva ha dichiarato di essere pronta a vendicare l’omicidio perpetrato "memtre la pattuglia stava eseguendo il proprio dovere proteggendo istituzioni palestinesi". 

"Avevamo chiesto all’intelligence palestinese di restituirci due membri rapiti, ma siamo rimasti sorpresi che la Forza Esecutiva di stanza all’ospedale sia stata attaccata dagli agenti dei servizi", ha aggiunto il portavoce per spiegare l’accaduto.

Il portavoce del dipartimento di intelligence ha invece dichiarato: "Uno dei nostri uomini si è rotto una gamba e quando è stato portato in ospedale, le Forze Esecutive si sono rifiutate di lasciarlo entrare e hanno trattenuto due agenti che lo accompagnavano".

"Quando alcuni nostri membri sono arrivati in ospedale per riprendere indietro i colleghi fermati, le Forze Esecutive hanno iniziato a spararci contro".

Il risultato sono stati i morti e i feriti tra entrambe le parti.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.