Sanzioni per punire il boicottaggio di Israele. La Knesset approva la legge

An-Nasira (Nazareth) – Ma'an, InfoPal. E' passata ieri alla Knesset, il parlamento israeliano, la legge con la quale si imporranno sanzioni pecuniarie a tutti i promotori delle azioni di boicottaggio nei confronti di Israele. Su 120 votanti, la legge è stata approvata con 47 voti a favore e 36 contrari. 

La campagna di boicottaggio nella quale sono coinvolti attivisti locali dei Territori palestinesi occupati e internazionali, mira a boicottare la produzione proveniente dalle colonie illegali di Israele sulla terra palestinese in particolare e, nel tempo, si è  estesa fino a comprendere tutta la produzione dello Stato ebraico, fino a includere cultura e mondo accademico. 

Non si punirà esclusivamente quindi il boicottaggio commerciale, ma anche quello intellettuale di istituzioni e individui. 

Esiste un importante sostengo al boicottaggio attraverso la sottoscrizione di numerose petizioni, di accademici e artisti israeliani. 

“Danno economico culturale e accademico”. Nella legge si dispone che la persona lesa non è chiamata a dar prova del danno, ma basterà provare che il danno è una conseguenza diretta dell'azione di boicottaggio. La multa inflitta potrà ammontare fino a 10mila euro.
Le sanzioni non si applicheranno solo all'Autorità palestinese (Ap), ma anche ai Paesi europei che saranno coinvolti nel boicottaggio di Israele. 

Nel paese, l'associazione per i diritti civili critica questa legge. Il direttore del gruppo, Hagai el-Ad, l'ha definita una “manifestazione dell'onda anti-democratica che sta dominando il paese”, e anche Haaretz ha scritto ieri di “sovversione della democrazia del paese”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.