Scambio di uranio tra Turchia e Iran: ‘Una risposta alle provocazioni occidentali’.

Tehran – Press Tv. Il portavoce del ministero degli Esteri iraniano Ramin Mehmanparast ha affermato che Brasile e Turchia hanno giocato un “ruolo chiave” nella recente svolta segnata dall'accordo sullo scambio di carburante nucleare. 

L'Iran ha infatti approvato oggi una bozza, in base alla quale lo stato invierà circa 1.200 kg del suo uranio arricchito del 3,5 % alla Turchia, in cambio di 120 kg di uranio arricchito del 20 %.

In un'intervista esclusiva concessa a Press TV un'ora prima del successo dell'incontro, Mehmanparast ha dichiarato che l'Iran aveva intensificato i negoziati con Brasile e Turchia negli ultimi giorni, allo scopo di recuperare una proposta inizialmente scartata da Teheran, a causa della mancanza di garanzie.

Mehmanparast ha spiegato che la mediazione offerta dai due paesi per uscire dal punto morto ha invece dato all'Iran “le garanzie necessarie” a procedere all'imbarco del suo uranio a basso arricchimento.

Il portavoce ha poi aggiunto che l'Iran informerà ufficialmente l'Agenzia internazionale per l'energia atomica (Aiea) dei dettagli dell'accordo “entro le prossime settimane”.

La recente svolta dimostra che “l'Iran ha sempre avuto intenzione di arricchire l'uranio per scopi scientifici, non per lo sviluppo di armi nucleari.”

Mehmanparast si è quindi augurato che l'accordo estingua le preoccupazioni di alcuni paesi, e li aiuti a mutare il loro “atteggiamento provocatorio”.

Ha tuttavia avvertito che, se i paesi occidentali infrangeranno l'accordo e tradiranno la fiducia di Teheran nel corso dello scambio, il carburante verrà fatto subito ritornare in patria.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.