Scioperi in Palestina: il ministero della Sanità della Striscia di Gaza chiede ai medici di non disertare il servizio.

Gaza – Infopal. Il ministro della Salute del governo Hamas della Striscia di Gaza, dott. Basim Na’im, ha chiesto ai dipendenti del suo ministero di non scioperare e di rispettare i propri doveri.

Il governo di Gaza ritiene, infatti, l’invito a scioperare, giunto dal sindacato generale dei lavoratori, a Ramallah, "sospetto" e una "minaccia alla sopravvivenza" dei malati e, dunque, una sorta di "rafforzamento" dell’assedio imposto da Israele".

Na’im ha affermato che si tratta di uno sciopero "politico" e ha aggiunto che il sindacato non ha diritto di indirlo in quanto "riceve finanziamenti diretti dall’ANP di Ramallah", che, a sua volta, "è la responsabile dei tagli agli stipendi dei dipendenti". Insomma, per il governo di Gaza, un sindacato sostenuto economicamente da un datore di lavoro, l’Autorità nazionale, che riduce i salari e licenzia, non ha diritto a organizzare scioperi di categoria.

In un comunicato stampa, Na’im ha chiesto ai lavoratori in sciopero di "mettere davanti a tutto gli interessi nazionali palestinesi prima di quelli personali o di partito".

Nello stesso contesto, questa mattina, Hamas ha invitato la popolazione a protestare contro il personale sanitario che ha aderito allo sciopero: un sit-in si sta attualmente svolgendo davanti alle abitazioni di alcuni medici.

Alcuni mezzi di informazione palestinesi ieri hanno riportato la notizia secondo cui decine di familiari di malati stanno partecipando a una protesta di fronte alle case dei dottori in sciopero.

Il ministero della Sanità della Striscia di Gaza, tuttavia, ha negato un "qualsiasi coinvolgimento" nella protesta dei cittadini.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.