Scontri a fuoco al confine tra Libano e Israele: uccisi due soldati libanesi e un giornalista. Tre i feriti.

Infopal. Scontri al confine tra Libano e Israele. Le prime notizie – giunte da fonti della sicurezza – riferiscono che un militare israeliano, tre soldati dell'esercito libanese ed un giornalista, anch'egli libanese, sono rimasti uccisi. Il reporter è 'Esaf Abu Rihal, della rivista libanese 'al-Akhbar'. Altre tre persone sono rimaste ferite: un civile, Hasan Nazzal, un altro soldato, Ibrahim Abboud, e un collega di Rihal.

Lo scontro è iniziato poco dopo mezzogiorno di oggi.

Secondo quanto riferito da Al-Jadid TV, elicotteri israeliani sono arrivati sul posto alle 14, ora locale, e hanno iniziato a sparare in direzione della città libanese di al-'Adasie. Almeno due case sono state distrutte.

L'offensiva. Una pattuglia israeliana si sarebbe spinta spinta all'interno del territorio libanese, presso al-'Adasie.

'France Press' riporta che gli israeliani hanno sparato 10 razzi e che i soldati libanesi hanno risposto al fuoco.

I militari di Israele hanno poi lanciato un'offensiva terreste presso la strada di Kafr Kala mentre i suoi aerei sorvolavano i cieli libanesi, lanciando due missili nella stesso punto, all'altezza della collina di al-'Adasie.

Un'abitazione libanese, a 105 km dalla capitale Beirut, sarebbe stata colpita da due razzi lanciati da un carrarmato.

Già ieri era stata resa nota la notizia – confermata poi da una corrispondente dell'agenzia di stampa francese – dello sradicamento di alcuni alberi proprio nei paraggi dei violenti scontri di oggi.

I militari israeliani vi avevano installato alcune telecamere.

La zona è stata posta interamente in stato d'allerta come pure le forze internazionali dell'Onu in Libano, 'Unifil'.

 

(Fonti: Ma'an/Agenzie/Al-Jazeera, Pal-info)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.