Scontri a Gaza: due palestinesi uccisi, un soldato israeliano ferito

Gaza – InfoPal. Ieri, 12 dicembre, “due combattenti palestinesi sono stati uccisi mentre tentavano di avvicinarsi al confine con Israele, presumibilmente per attraversarlo e infiltrarsi nel paese”. Questa la notizia riportata dalla radio israeliana che parla anche del ferimento di un soldato israeliano.

Gli scontri sono esplosi ad est del campo di al-Bureji.

Dopo l’episodio, corazzati israeliani hanno fatto irruzione in pieno territorio palestinese ed hanno sparato all’impazzata contro abitazioni e proprietà palestinesi colpite anche da intense cannonate.

I soccorsi palestinesi non sono riusciti a raggiungere il luogo degli scontri e hanno tentato un coordinamento con la Croce Rossa internazionale (Icrc).

I militari hanno impedito qualunque soccorso e i servizi per l’emergenza palestinesi si appellano alla comunità internazionale perché Israele osservi il diritto umanitario, ricordando che, solo di recente, era accaduto un episodio simile, quando non avevano potuto soccorrere alcuni feriti al confine settentrionale per oltre dieci ore.

In seguito, la resistenza palestinese ha lanciato una serie di colpi di mortaio in direzione della base militare israeliana di Nahal Oz. La rivendicazione è giunta dalle Brigate al-Quds (Jihad islamico) e dal gruppo Abu ‘Ali Moustafa (Fronte popolare di liberazione della Palestina – Fplp).

Un altro attacco è stato rivendicato dalle Brigate di Resistenza nazionale (Fronte democratico di liberazione della Palestina – Fdlp).

Questa mattina intanto, fonti israeliane affermano che da una prima indagine emergerebbe che il soldato israeliano sarebbe stato ferito dal fuoco dei propri colleghi e non dalla resistenza palestinese.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.