Scontri tra polizia di Gaza e fanatici salafiti:16 morti e 125 feriti. Al-Qaida nella Striscia, cui prodest?


Gaza – Infopal. Venerdì notte, a Rafah, nel sud della Striscia di Gaza, 16 persone sono rimaste uccise e 125 ferite durante scontri tra la polizia di Gaza e il gruppo combattente salafita 'Jund Ansar Allah' (soldati per Dio), guidato da Sheikh Abdul-Latif Musa, un estremista, sembra, filo-al-Qa'ida.

Fonti della sicurezza nel governo di Gaza hanno reso noto che tra le vittime ci sono membri delle forze di polizia, del gruppo salafita, alcuni civili (tra cui un bambino) e lo stesso Abu Musa.

I combattenti salafiti, e il loro capo, Sheikh Abu Mousa, erano asserragliati nella casa di quest'ultimo, quando il ministro dell'Interno ha chiesto loro di arrendersi, ma invano. L'abitazione è stata poi fatta esplodere dalle forze di polizia.

Venerdì sera, durante una conferenza stampa svoltasi a Gaza City, il portavoce del governo, Taher An-Nunu, ha dichiarato che il gruppo è responsabile di un recento attacco contro cerimonie nuziali e Internet café. E ha spiegato che gli scontri sono avvenuti dopo che l'imam di gruppo salafita, Abu Mousa, aveva dichiarato “atei” i musulmani di Gaza e aveva annunciato la nascita di un “emirato islamico”.

An-Nunu ha aggiunto che le forze di sicurezza di Gaza manterranno l'ordine e faranno rispettare la legge.

“Se Hamas istituisce un governo di Dio, noi salafiti lo serviremo”, aveva affermato Abu Musa, accusando il movimento islamico di non seguire la shari'a.

In risposta, il ministro dell'Interno ha dichiarato che Musa “sembra soffrire di un attacco di pazzia”, e ha aggiunto che chiunque porti armi e diffonda caos e insicurezza sarà perseguito per legge.

Da parte sua Ismail Haniyah, premier del governo di Gaza, ha affermato che non ci sono guerriglieri palestinesi nella Striscia di Gaza che hanno combattuto contro gli Usa in Iraq o in Afghastinan, e neanche infiltrati, e che tali insinuazioni sono diffuse da lsraele. E ha sottolineato che il governo non permetterà il ritorno di una situazione di instabilità e insicurezza nella Striscia.

Il gruppo salafita aveva annunciato la propria nascita nella Striscia circa due mesi fa.

Un'altra organizzazione di fanatici, seguaci del fantomatico Bin Laden, dunque? Cui prodest? A chi giova?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.