Scortati dai militari, coloni israeliani confiscano 120 ettari di terreni palestinesi

Al-Khalil (Hebron) – InfoPal. Ieri, 23 gennaio, un gruppo composto da numerosi coloni israeliani ha confiscato oltre 120 ettari di terra agricola palestinese ad ovest di al-Khalil (Hebron).

La confisca è avvenuta con il ricorso alla violenza su cittadini e proprietà palestinesi.

I coloni erano scortati dai militari israeliani e a Sousiya (Yatta) hanno preso a divellere terra palestinese.

A sud di Hebron, invece, sono entrati in azione i coloni dell'insediamento di Karmel, piantando ulivi e ostacolando i legittimi proprietari palestinesi che tentavano di respingerli.

Identici episodi si sono registrati, sempre ieri, a nord di Hebron, dove ai contadini palestinesi è stato impedito di raggiungere i propri terreni dietro la minaccia verbale e fisica dei coloni e quella degli arresti sollevata dai soldati dell'occupazione israeliana.

Articoli correlati:
'Festa degli alberi': nuovo piano per la colonizzazione della Cisgiordania
Coloni piantano alberi vicino Nablus
Coloni israeliani lavorano terre private palestinesi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.