Seminario universitario a Gaza: 'Le elezioni del consiglio studentesco non dovranno più essere ostacolate da ingerenze politiche esterne'

Gaza – Wafa'. Il Centro Studi sui Diritti Umani di Ramallah ha tenuto ieri, 10 agosto, un incontro rivolto alle Università della Striscia di Gaza.

L'apertura dei lavori è spettata a Talal Abu Rakbe, responsabile delle attività del Centro alla partecipazione di studenti, associati, accademici e docenti.

In linea generale, al centro dell'incontro, si è esposto il ruolo del processo democratico in seno alle istituzioni universitarie palestinesi.

Riad al-'Aile, responsabile per gli Affari degli studenti presso l'Università di Gaza, 'al-Azhar', ha specificato che l'azione e il pensiero che prendono forma presso le università hanno sempre svolto un ruolo determinante nella formazione della leadership civile e politica nella storia della rivoluzione palestinese.

Tuttavia, al-'Aile, tiene altresì a specificare che, le attuali circostanze vedono questa formazione inficiata e vulnerabile alle influenze delle diverse affiliazioni politiche, subendo perciò l'influenza dalla lotta politica palestinese e producendo unicamente un'incapacità nella separazione dei ruoli.

“Le divisioni politiche non devono più produrre conseguenze negative sul processo democratico. In questo caso, il processo elettorale non godrà di alcuna garanzia”, ha concluso il responsabile di 'al-Azhar'.

Hanno partecipato all'evento anche, Ra'ed Abu Hussein, vice presidente del Consiglio distrettuale di 'al-Quds Open University' e il rappresentante di Gioventù studentesca, e Mohammed al-Jadbe, segretario del Fronte studentesco del lavoro.

Tutti si sono ritrovati d'accordo perché si ponga fine alle ingerenze politiche e alle pressioni dall'esterno ai danni dell'azione del movimento studentesco come della riconciliazione nazionale.

 

 

 

<!–[if gte mso 10]>

Gaza – Wafa'. Il Centro Studi sui Diritti Umani di Ramallah ha tenuto ieri, 10 agosto, un incontro rivolto alle Università della Striscia di Gaza.

L'apertura dei lavori è spettata a Talal Abu Rakbe, responsabile delle attività del Centro alla partecipazione di studenti, associati, accademici e docenti.

In linea generale, al centro dell'incontro, si è esposto il ruolo del processo democratico in seno alle istituzioni universitarie palestinesi.

Riad al-'Aile, responsabile per gli Affari degli studenti presso l'Università di Gaza, 'al-Azhar', ha specificato che l'azione e il pensiero che prendono forma presso le università hanno sempre svolto un ruolo determinante nella formazione della leadership civile e politica nella storia della rivoluzione palestinese.

Tuttavia, al-'Aile, tiene altresì a specificare che, le attuali circostanze vedono questa formazione inficiata e vulnerabile alle influenze delle diverse affiliazioni politiche, subendo perciò l'influenza dalla lotta politica palestinese e producendo unicamente un'incapacità nella separazione dei ruoli.

“Le divisioni politiche non devono più produrre conseguenze negative sul processo democratico. In questo caso, il processo elettorale non godrà di alcuna garanzia”, ha concluso il responsabile di 'al-Azhar'.

Hanno partecipato all'evento anche, Ra'ed Abu Hussein, vice presidente del Consiglio distrettuale di 'al-Quds Open University' e il rappresentante di Gioventù studentesca, e Mohammed al-Jadbe, segretario del Fronte studentesco del lavoro.

Tutti si sono ritrovati d'accordo perché si ponga fine alle ingerenze politiche e alle pressioni dall'esterno ai danni dell'azione del movimento studentesco come della riconciliazione nazionale.

 

 <–>

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.