Shaykh Raed Salah: 'L'ordine di ammazzarmi è stato dato dal governo israeliano'

An-Nasira (Nazareth) – Infopal. Il leader del Movimento islamico all'interno della Palestina del '48 [Israele, ndr], lo shaykh Raed Salah, ha commentato la notizia secondo cui lo Shabak avrebbe chiesto ad un estremista ebreo di ammazzarlo: “Ciò significa che l'ordine viene direttamente dal capo del Governo, poiché i servizi d'intelligence agiscono solo su ordine del Governo”.

Commentando queste notizie a margine di una conferenza stampa, lo shaykh Raed Salah ha detto che “siamo al collasso morale dell'impresa sionista” e che “quel che è stato rivelato circa il tentativo di assassinarmi è solo una parte di quel che deve venire fuori, perciò nei prossimi giorni verranno fuori altri particolari”.

Intanto, a Gerusalemme (al-Quds), il Tribunale ha tenuto una seduta del processo che vede coinvolto lo stesso shaykh Raed Salah nella quale sono stati ascoltati anche i testimoni della difesa. Il giudice sostiene tuttavia che le accuse avanzate dalla Procura siano molto deboli: è il Sostituto procuratore stesso a dire che dietro questo processo vi sono ordini superiori che provengono dai piani alti dell'establishment israeliano.

“Vengo processato perché ho cenato in una casa di al-Quds (nota come al-Halwani), così adesso siamo al punto in cui gli occupanti ci impediscono addirittura di riunirci per cenare, con l'accusa di 'assembramento non autorizzato'…”, ha commentato la personalità palestinese.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.