Skinheads israeliani. Nuove realtà estremiste per attaccare i palestinesi

Haifa – al-'Arabiyah. La causa del partito di estrema destra israeliano “Kahane Chai” che chiede la distruzione della moschea di al-Aqsa e l'espulsione di tutti i palestinesi dalla Palestina è stata sorpassata da nuove realtà estremiste ebraiche organizzate.

In Israele vivono e agiscono bande di “Skinheads” impegnate in azioni di violenza contro gli arabi di Israele, ovvero i palestinesi cittadini di Israele (Territori palestinesi occupati nel '48, ndr).

Sono i seguaci del rabbino Kahane, dalla testa rasata, del tutto simili agli “Skinheads” di Germania, Gran Bretagna e Russia. Quelli di Israele indossano una maglia gialla con il ritratto di Kahane, scritte che incitano all'odio verso i palestinesi e, soprattutto, con una menorah (candelabro ebraico) disegnata sul capo rasato.

La loro presenza è in netto aumento e lo conferma anche la stampa israeliana, attraverso il quotidiano “Ma'ariv”.

In seguito all'esplosione di un'autobomba ad al-Quds (Gerusalemme), il 23 marzo, dove decine di israeliani sono rimasti feriti, gli “Skinheads” di Israele sono tornati numerosi per le strade della Città Santa. Essi sono in testa alle manifestazioni che incitano al razzismo e, quando attaccano, lo fanno rapidamente e contro precisi obiettivi.

Slogan e inni razzisti sono stati gridati da questi estremisti durante le operazioni di soccorso a Gerusalemme, non solo contro i palestinesi, ma pure contro la sinistra israeliana.
Per i seguaci di Kahane, quella circostanza è stata propizia per l'elevata presenza di ebrei ultra ortodossi.

“Kahane aveva ragione: espellere tutti gli arabi dallo Stato si Israele, farne un Paese sacro e consegnarlo agli ebrei di destra. Solo così tutto si sistemerà”, sostengono questi estremisti.

Pur avendo registrato un aumento della presenza di questi individui in città, polizia e sicurezza israeliana si astengono dal fermarli o arrestarli, “per evitare di creare ulteriori tensioni tra le comunità”, è stato dichiarato.

E intanto gli attacchi contro i palestinesi continuano indisturbati, tra gli ultimi episodi anche un'aggressione degli Skinheads di Israele ai danni di una ragazza palestinese a Gerusalemme est.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.