Sondaggio: il 64% degli israeliani a favore della ricostruzione del tempio

Nasera – Infopal. Un nuovo sondaggio condotto in Israele dal quotidiano ebraico Yediot Ahronot e dall’organizzazione religiosa Gesher ha rivelato che quasi due terzi degli israeliani vogliono ricostruire il semi-leggendario tempio ebraico al posto della moschea di al-Aqsa. All’interno di questi due terzi si è inserita circa la metà della popolazione laica.

Agli intervistati è stato domandato innanzitutto se sapessero quale ricorrenza cade il 9 agosto, secondo il calendario ebraico, e il 97% ha risposto che “in quella data è stato distrutto il tempio”, dimostrando così grande conoscenza.

Alla domanda se vorrebbero vedere il tempio ricostruito, il 64% ha risposto affermativamente, mentre il 36% ha dato parere contrario.

Il sondaggio ha messo in evidenza che non sarebbero solo gli ebrei ultra-religiosi a desiderare la ricostruzione del tempio (97%), ma anche i conservatori (91%) e molti laici (47%).

Alla domanda se vi fosse una motivazione “per la commemorazione di un evento risalente a 2000 anni fa”, l'80% ha risposto che c’è un motivo valido, mentre il 13% ha affermato che andrebbero celebrati solo gli eventi relativi a Israele, e solo il 7% ha risposto con un “no” categorico.

I dati hanno quindi rivelato che vi è un “consenso quasi unanime israeliano, per quanto riguarda la celebrazione del 9 di agosto, poiché il 74% dei laici e il 100% degli estremisti hanno risposto che si tratta di una ricorrenza da ricordare”.

Il rabbino Danny Trober, direttore di Gesher, ha commentato con soddisfazione i risultati dell’indagine, come ha riportato Yediot Ahronot: “Siamo un popolo che ha un bellissimo legame con la sua grande storia”, ha dichiarato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.