Sos Palestina. Continua la raccolta di adesioni.

S.O.S. PALESTINA

La decisione dell’Unione Europea di interrompere i trasferimenti economici all’Autorità Nazionale Palestinese è un fatto straordinariamente grave non solo dal punto di vista politico, ma anche e soprattutto da quello umanitario.

Se da un punto di vista politico è grave che l’Europa non riesca ad avere sul Medio Oriente una visione diversa da quella del maggiore alleato di Israele – gli USA di George Bush – ciò che ci indigna maggiormente è l’indifferenza verso le conseguenze di certe scelte politiche nei confronti delle popolazioni civili. Interrompere le relazioni economiche con le istituzioni palestinesi non significa solo non rispettare la volontà democraticamente espressa da un popolo in elezioni universalmente riconosciute come impeccabili e corrette, nonostante le difficoltà imposte dall’occupazione israeliana. Tagliare i fondi alle autorità palestinesi significa, puramente e semplicemente, condannare alla fame un intero popolo, già prostrato dalla lunga occupazione militare israeliana..

Con una decisione arbitraria ed illegale, il governo israeliano ha sequestrato i fondi spettanti all’Autorità palestinese; lo ha fatto con la forza delle armi, non con quella del diritto. Allineandosi alla politica sciagurata del governo israeliano e degli USA di Bush, i governi dell’Unione Europea si rendono complici dello strangolamento della popolazione civile palestinese.

Da mesi, ormai, l’Autorità palestinese non è in grado di pagare gli stipendi dei propri dipendenti. Questo riguarda anche il personale del servizio sanitario, che da anni deve affrontare le terribili emergenze provocate dalla violenza dell’occupazione israeliana: ospedali bombardati, ambulanze mitragliate, medici ed infermieri assassinati. In queste condizioni drammatiche, simili a quelle in cui sono costretti a vivere tutti i Palestinesi, gli operatori sanitari hanno continuato a lavorare per alleviare le sofferenze del proprio popolo; ma ora nemmeno la loro abnegazione è più sufficiente. Negli ospedali della Palestina occupata, i pazienti gravi iniziano a morire per mancanza di medicinali e tutte le organizzazioni internazionali confermano che la situazione è prossima al disastro umanitario.

Di fronte al cinismo della politica, facciamo appello alla società civile ed ai cittadini italiani affinché dimostrino, ancora una volta, la loro generosità e solidarietà. Chiediamo agli uomini ed alle donne d’Italia di sostenere il servizio sanitario-umanitario palestinese, aprendo una grande sottoscrizione popolare per consentire ai medici, agli infermieri, agli ospedali della Palestina occupata di poter continuare la loro indispensabile missione. Invitiamo i lavoratori, gli studenti, i professionisti e le istituzioni a dare vita ad una grande operazione di soccorso umanitario, ognuno secondo le proprie possibilità: la nostra ambizione è quella di portare agli ospedali di Gaza e della Cisgiordania un sostegno morale ed economico per un popolo che continua la sua lotta per la sopravvivenza e vedere migliorate le sue condizioni di vita quotidiana nella sua terra, sulla base delle risoluzioni dell’ONU e della legalità internazionale.

Primi firmatari:

Amici della Mezzaluna Rossa Palestinese in Italia – Forum Palestina – Comitato "Con la Palestina nel cuore" (Roma) – Comitato di solidarietà con l’Intifada (Roma) – Centro culturale palestinese "Rachel Corrie" (Roma) – Associazione giovanile palestinese "Wael Zwaiter" (Roma) – Comitato di Solidarietà con il Popolo Palestinese (Torino) – Agenzia stampa on line di informazioni sulla Palestina www.infopal.it –  Collettivo studentesco Zona Rossa Malpighi (Roma) – Essere comunisti  (area del Prc) – Salaam Ragazzi dell’Olivo (Comitato di Trieste) – Circolo Arci Cantina Mediterraneo (Frosinone) – Rivista "l’Ernesto" – Associazione comunista "il pianeta futuro" (Pisa) – Confederazione Cobas (Pisa) – Statunitensi contro la guerra (Firenze) – RSU Ateneo fiorentino – FLC-CGIL Università di Firenze – Bastaguerra Roma – Corrispondenze metropolitane – "AMR" Progetto Comunista (Napoli) – Social Forum Cecina – Associazione Amicizia Sardegna Palestina – Davide Santoro (Roma) – Patrizia Viglino (giornalista) – Farid Adly – Carlo Corbellari – Manno Mauro – Paola Santa Maria – Manno Carla – Manno Vittorio – Mauro Gemma – (Comitato Politico Federale PRC Torino) – Filomena Adda – Hamidi Behrooz (Palermo) – Gennaro Varriale (Formia – LT) – Angelo Baracca (Firenze) – Paul De Marco – Riccardo Sanfilippo (Torino – Domenico Losurdo (filosofo, Università di Urbino) – Simona Masini (Piazza Liberazione) – Andrea Genovali (Presidente associazione Puntocritico) – Adriana Sabbatini – Fabrizio Guerra (Voltana – Ravenna) – Enrica Paccoi (associazione Yakaar Italia Senegal) – Donato Cioli (Roma) – Vittorio Piliego – Antonella Santilli (Roma) – Angelo Tumino (Crespina – Pisa) – Dario Giuliani (Milano) – Giuseppe Zambon (editore) – Edoardo Nucci – Ascanio Bernardeschi (Volterra) – Andrea Oleandri (Comitato Politico Federale PRC Castelli) – Luca Tombolesi (Roma) – Stefano Re – Mauro Bulgarelli (Senatore dei Verdi) – Adriano Petta (Ladispoli/RM) – Franco Ragusa (www.riforme.net) – Paola Andrei –   Vincenzo Brandi (ricercatore ENEA) – Agide e Marilena Melloni (Imola) – Tiziano Cardosi (Firenze) – Avv. Elisa Antongiovanni – Annie Jacquet – Francesco Giordano (educatore) – Luca Stocchi (Genova) – Enrica Palmieri (Roma) – Ornella Terracini (Torino) – Tayfun Bayram (Lodi) – Filippo La Mancusa – Marco Di Paolo (Bergamo) – Lory Baggio – Chaima Azaiez (Roma) – Raja Ibrahim – Fiamma Bianchi Bandinelli
 

Per aderire all’appello: sos.palestina@libero.it
 
Per effettuare i versamenti:
conto corrente postale n. 47209002
intestato a Germano Monti – Roma
 
Info su www.arcipelago.org e www.forumpalestina.org

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.