Spari contro la manifestazione di Bil’in

Cisgiordania – Infopal. Le forze d’occupazione israeliane hanno aperto il fuoco contro una manifestazione pacifica nel villaggio di Bil‘in, nel distretto di Ramallah, ferendo un civile palestinese e due stranieri: lo riferiscono fonti locali.

Il corteo era stato organizzato ieri dagli abitanti di Bil‘in insieme ad alcuni attivisti stranieri – anche israeliani –  dopo la preghiera del venerdì, contro il Muro di separazione e la costruzione d’insediamenti sionisti nei Territori Palestinesi occupati. Cartelli e bandiere della Palestina venivano esposti per condannare la confisca delle terre, l’instaurazione del muro e l’arresto di civili.

Dopo aver dimostrato nelle strade del villaggio chiedendo a gran voce l’unità nazionale, i manifestanti hanno cercato di attraversare il cancello del muro per raggiungere le terre a loro confiscate. I soldati israeliani, trincerati dietro mura di cemento, hanno però aperto il fuoco, ferendo anche un attivista britannico e uno tedesco; altri hanno sofferto del soffocamento per via del gas lacrimogeno lanciato dai militari.

Anche per questo, il Comitato popolare di Bil‘in contro il muro e le colonie ha esortato il popolo palestinese ad unirsi e a organizzare manifestazioni contro il nuovo piano di colonizzazione israeliano e la vasta sottrazione di terre ai Palestinesi della Cisgiordania. Ha poi sollecitato le organizzazioni umanitarie internazionali e le istituzioni per la difesa dei bambini a proteggere i cittadini, e in particolare i minori, intimiditi dai raid notturni delle forze israeliane e soggetti alla detenzione senza alcun riguardo per la loro giovane età.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.