Squadroni dell’ANP assaltano villaggio palestinese.

Hebron – Infopal. Sabato, squadroni militari palestinesi hanno assaltato il villaggio di al-Burj, in provincia di Hebron, irrompendo nelle abitazioni, distruggendo proprietà e sequestrando diversi studenti e insegnanti.  
L’operazione di "sicurezza" delle truppe dell’ANP è stata soprannominata "Alba della patria": all’alba di sabato, infatti, una ventina di camionette militari, soldati mascherati, cani poliziotto hanno invaso il villaggio alla caccia di "attività contro l’occupazione israeliana".

Al-Burj fa parte dell’area "C", sotto completo controllo israeliano. Nelle scorse settimane, le autorità israeliane hanno permesso il dispiegamento di truppe palestinesi, finanziate, armate e addestrate dagli Usa, con funzioni di "sicurezza". 

Un cameraman, Ghaseb Khalil Talahmeh, è stato picchiato brutalmente da uomini incappucciati mentre tentava di filmare l’assalto.
 
La popolazione locale definisce ormai le squadre dell’ANP "Ebrei di Fatah" o "collaborazionisti".

L’agenzia di informazioni PIC riporta quanto dichiarato da un’anziana di al-Burj, Halima Talahmeh: "Abbiamo sperimentato la repressione dell’occupazione israeliana per 40 anni, ma non avevamo mai visto maniere così bestiali". Il riferimento è alla violenza usata dai militari dell’ANP contro i propri connazionali. Inoltre, i poliziotti palestinesi fanno uso di cani addestrati, nella miglior tradizione di Abu Ghraib e israeliana, e questo terrorizza i cittadini.

La settimana scorsa, le truppe dell’ANP, in coordinamento con quelle israeliane, hanno fatto irruzione in due cittadine, Yatta e Sammou’, arrestando "attivisti islamici".

Durante il raid,  25 persone sono state arrestate.  
 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.