Striscia di Gaza, allarme per la mancanza d’acqua potabile.

 

Gaza – Pic. Il Direttore dell’azienda municipalizzata dell’acqua (Cmwu), Mundhir Shiblak, ha lanciato un allarme sulla situazione idrica a Gaza: “Siamo davvero a un punto critico, poiché l’acqua a Gaza sarà potabile ancora non per molto tempo”.

Skiblak osserva che le perdite nella rete idrica di Gaza hanno superato, nell’anno appena trascorso, gli 80 milioni di metri cubi, quindi c’è da attendersi che le riserve si esauriscano nei prossimi anni.

A causa del duro embargo israeliano, la Striscia di Gaza soffre di una grave penuria delle risorse necessarie al mantenimento delle sue infrastrutture, specialmente nel settore idrico.

Intanto, negli ultimi giorni, delegazioni di Hamas hanno reso visita ad oltre 130.000 case palestinesi nel quadro dell’iniziativa sociale che punta a distribuire alle famiglie scatole di dolci in segno di affetto e di apprezzamento per la loro saldezza nel fronteggiare l’embargo e l’aggressione israeliana.

Iyad Al-Bazm, uno degli organizzatori dell’iniziativa, ha detto che “essa riguarda tutti, a prescindere dalla tendenza politica, poiché mira a portare gioia nei cuori e ad alleviare la sofferenza provocata dall’embargo israeliano”. Infatti l’iniziativa ha riscosso un grande successo tra la popolazione, così proseguirà fino a che tutte le case non saranno visitate.

Una delegazione di Hamas ha anche reso visita, ad al-Zawaida, nella parte centrale di Gaza, a Younis Hussein, ex detenuto nelle carceri israeliane, nelle quali ha trascorso 22 anni. Al-Zawaida, seguace di Fatah, ha fatto una buona accoglienza alla delegazione di Hamas, esprimendo gioia per la sua visita.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.